Home Gatti Salute dei Gatti Salute del gatto Sphynx: le malattie più comuni di questa razza

Salute del gatto Sphynx: le malattie più comuni di questa razza

Lo Sphynx è un gatto longevo, ma molto delicato: scopriamo insieme quali sono le malattie più comuni che colpiscono questa razza.

malattie comuni sphynx
(Foto Adobe Stock)

Ribattezzato con il soprannome di micio nudo, negli ultimi anni lo Sphynx è diventato molto popolare tra gli amanti dei felini, a causa del suo aspetto decisamente unico. Conosciamo insieme tutte le informazioni che riguardano la sua salute, per scoprire a quali malattie comuni risulta più predisposto lo Sphynx.

Malattie comuni nello Sphynx

Lo Sphynx rientra tra le razze di gatti più longeve. Basti pensare, infatti, che la durata media della sua vita si aggira tra i 12 e i 20 anni.

Sphynx
(Foto Pixabay)

Vista l’assenza di pelo, tuttavia, questi esemplari risultano maggiormente predisposti sia all’insorgenza di patologie di natura ereditaria, che a problemi legati alla delicatezza della loro cute. Tra le malattie più comuni nello Sphynx ci sono:

  • Cardiomiopatia ipertrofica;
  • Miopatia congenita;
  • Malattie della pelle;
  • Infezioni dell’apparato respiratorio.

Cardiomiopatia ipertrofica

La cardiomiopatia ipertrofica rientra nell’elenco delle malattie più comuni nello Sphynx.

Gatti che amano le coccole
(Foto Unsplash)

Si tratta di una patologia genetica che colpisce il cuore del micio, causando un ispessimento del ventricolo sinistro. Di conseguenza, il lume ventricolare, riducendosi, non riesce a raccogliere la normale quantità di sangue.

Ciò compromette la regolare circolazione sanguigna del micio, poiché il ventricolo diventa rigido e poco elastico. Tra i sintomi della cardiomiopatia ipertrofica ci sono:

  • Artimia;
  • Soffio Cardiaco;
  • Debolezza;
  • Difficoltà di respirazione;
  • Riduzione dell’appetito;
  • Edema polmonare;
  • Versamento pleurico;
  • Insufficienza cardiaca.

Sfortunatamente, ad oggi non esiste una cura per questa patologia. L’unico modo per contrastare la cardiomiopatia ipertrofica è attraverso la prevenzione, impedendo la riproduzione ai mici che sono affetti da tale malattia.

Miopatia Congenita

Tra le malattie di natura ereditaria più comuni nello Sphynx c’è la miopatia congenita.

Sphynx in estate
(Foto Unsplash)

Si tratta di una patologia neurologica che colpisce i muscoli del micio, causandone un progressivo indebolimento. Di norma, la miopatia congenita si presenta tra le 3 e le 23 settimane di età del gatto. I sintomi di questa malattia sono:

  • Affaticamento;
  • Ondeggiamento della testa;
  • Debolezza;
  • Megaesofago;
  • Tremore;
  • Protrusione scapolare.

Descritta per la prima volta solo nel 1989, si tratta di una patologia ad oggi poco conosciuta, per la quale non esiste un trattamento risolutivo.

Potrebbe interessarti anche: Sphynx in estate: come salvaguardare il tuo gatto glabro dai raggi UV

Malattie della pelle

Vista l’assenza di peli nello Sphynx, tra le malattie più comuni che possono colpire questa razza ci sono i disturbi cutanei.

malattie comuni sphynx
(Screenshot Instagram)

In particolare, il gatto nudo risulta particolarmente predisposto all’insorgenza di:

  • Dermatiti, dovute ad un accumulo di sebo causato dall’assenza del manto;
  • Scottature solari;
  • Otite e altre malattie dell’orecchio nel gatto, provocate dall’accumulo di cerume;
  • Tumori cutanei;
  • Orticaria pigmentosa.

Visti i molteplici disturbi a cui può andare incontro lo Sphynx, è fondamentale curare la sua igiene quotidiana, assicurandosi di pulire regolarmente occhi, orecchie e cute.

Potrebbe interessarti anche: Prima di adottare uno Sphynx: quello che c’è da sapere su questo gatto

Infezioni dell’apparato respiratorio

Infine, le infezioni dell’apparato respiratorio chiudono l’elenco delle malattie più comuni nello Sphynx.

malattie comuni sphynx
(Screenshot Instagram)

Tra queste rientrano:

Per prevenire l’insorgenza di queste malattie comuni nel gatto nudo, è determinante tenere al caldo lo Sphynx.

Qualora il micio manifesti i primi segnali di malessere, rivolgersi tempestivamente al veterinario favorirà un veloce recupero, riducendo il rischio che le condizioni di salute dell’animale possano aggravarsi.

Laura Bellucci