Home Gatti Salute dei Gatti ⚠ Tienilo lontano dal tuo gatto: è sempre in tavola, soprattutto per...

⚠ Tienilo lontano dal tuo gatto: è sempre in tavola, soprattutto per le feste ⚠

Può accadere, soprattutto durante le feste e può essere molto pericoloso: i rischi e i rimedi possibili all’avvelenamento da alcol nel gatto.

Gatto e alcol
Micio guarda un bicchiere di vino (Canva)

Per alcuni può essere solo una ‘goliardata’, altri invece non lo fanno apposta e sono troppo distratti nell’accorgersi di aver lasciato qualche bicchiere sporco o ancora mezzo pieno: ma se viene a contatto con delle bevande alcoliche il rischio di avvelenamento da alcol nel gatto è molto alto. Quali sono i segnali per capire che ne ha bevuto e cosa possiamo fare per riparare al danno? Tutti i consigli giusti in questa situazione.

Il gatto ha bevuto alcol: gli effetti sul suo corpo

C’è da impallidire se pensiamo che alcuni scellerati padroni somministrano alcol ai propri animali domestici per ‘ridere’ delle reazioni che hanno a contatto con esso, senza considerare i rischi a cui li sottopongono. L’alcol, quindi l’etanolo in esso contenuto, è assolutamente tossico per cani e gatti e, se consideriamo la loro taglia rispetto a un essere umano, capiremo facilmente che ne basta davvero una minima quantità per causare danni spesso irreparabili.

Gatto e birra
Gatto con due bottiglie di birra (Canva)

E poi c’è da considerare la quantità di alcol contenuto nelle varie bevande: la birra ne contiene il 4%, il vino il 10% e alcuni liquori anche fino al 90%. Ma come possiamo accorgerci che Micio ha magari ingerito il fondo del nostro bicchiere o ha leccato dei residui sul tavolo? Gli effetti si avranno soprattutto a livello neurologico, e il gatto mostrerà:

  • difficoltà nella deambulazione,
  • sonnolenza o eccitazione,
  • assenza di equilibrio,
  • mancanza di coordinazione nei movimenti,
  • flatulenza nel micio,
  • convulsioni.

Avvelenamento da alcol nel gatto: di cosa si tratta

In pratica l’alcol nel felino potrebbe scatenare una intossicazione e i danni potrebbero essere irreparabili, fino a condurlo alla morte. Non a caso tra le sostanze che possono creare danni al cervello ma anche al sistema cardio-circolatorio, c’è proprio l’etanolo.

Questa sostanza infatti può non solo abbassare il livello di zucchero nel sangue (sarebbe necessaria una dose di glucosio per evitare danni cerebrali permanenti) ma anche stimolare una tachicardia, o al contrario un rallentamento del battito.

Potrebbe interessarti anche: Scopri tutto sull’avvelenamento da sodio nel gatto: quando troppo sale nel cibo fa male al micio

Avvelenamento da alcol nel gatto: diagnosi e trattamento

In realtà potremmo accorgerci da soli che Micio ha bevuto o la sua sola pelle è entrata in contatto con l’alcol, perché magari vediamo ‘tracce’ e perché siamo coscienti di non essere stati troppo attenti: non a caso infatti spesso questo tipo di incidenti si verifica durante le feste. E’ proprio in queste occasioni che, presi da mille distrazioni, regali e ospiti, non facciamo caso al nostro Micio che, curioso come al solito, può avvicinarsi a cibi e bevande che gli fanno male.

Gatto e vino durante le feste
Gatto tocca vino durante le feste (Canva)

Potrebbe interessarti anche: Scopri tutto sull’avvelenamento da contatto nel gatto: causa, sintomi e cura

Qualora notassimo uno dei sintomi sopra citati, è bene condurre il felino dal veterinario, il quale procederà con esami del sangue per capire il livello di alcol. Ma c’è un modo per riparare alla situazione? In base alla quantità di etanolo rintracciata, bisognerà agire di conseguenza e sicuramente in maniera tempestiva.

🐾💖 SEGUICI ANCHE SU: FACEBOOK | TIKTOK | INSTAGRAM | YOUTUBE | TWITTER 🐶🐱

In linea generale si preferisce somministrare liquidi in via endovenosa per la disidratazione, farmaci per la depressione e per frenare il metabolismo dell’alcol nel sangue. In più. nel caso di problemi respiratori, potrebbe aiutare il micio con una ventilazione artificiale.