Home Gatti Salute dei Gatti Ulcera dei roditori nel gatto: cause, sintomi e trattamento

Ulcera dei roditori nel gatto: cause, sintomi e trattamento

Molto frequente nei cuccioli e nelle femmine, scopriamo cos’è l’ulcera dei roditori nel gatto. Quali sono le cause, i sintomi e come trattarla.

ulcera dei roditori nel gatto
(Foto Pinterest)

Nel leggere la parola “roditori” vien spontaneo pensare ad un topo, se poi ci soffermiamo anche sulla parola “ulcera”, automaticamente leghiamo il tutto ad un morso di un topo. Dunque è davvero questa l’ulcera dei roditori nel gatto?

No. Questa “associazione” fatta in passata è solo una convinzione errata. Oggi grazie allo studio di professionisti veterinari questo falso mito è stato sfatato, ed è stato affermato che tale tipologia di ulcera, conosciuta come “indolente” in quanto non dolorosa e benigna, seppur allarmante, non è assolutamente associabile ai topi.

Dunque, cos’è l’ulcera dei roditori nel gatto? Scopriamolo insieme, osservando quali sono le cause e i sintomi, ed anche come trattarla per garantire a micio una pronta guarigione.

Ulcera dei roditori nel gatto: cause e sintomi

Conosciuta anche con il nome di ulcera indolente, l’ulcera dei roditori non è altro che una lesione (o più di una) che “compare” principalmente sulla bocca di micio.

cause e sintomi ulcera indolente nel gatto
(Foto Pinterest)

Appartenente al complesso di Granuloma eosinofilo (EGC), si manifesta con la comparsa di vere e proprio piaghe, di varie dimensioni e con i bordi inspessiti e ben definiti, che si sviluppano principalmente su labbra e bocca di micio, e talvolta anche su altre parti del corpo.

Si presentano principalmente arrossate, ma alcune volte possono avere anche un aspetto giallastro. Possono sanguinare ed essere ricoperte di croste ed anche emanare un pessimo odore.

Come accennato precedentemente, oggi vengono per lo più chiamate ulcere “indolenti” in quanto non sono dolorose per micio ma creano moltissimi disturbi di varia natura.

Assodato che non trattasi di lesioni dovute al morso di un topo, queste ulcere possono essere causate da molteplici fattori. Queste le principali cause:

  • infezioni batteriche;
  • allergie a determinati cibi;
  • attacco da parassiti, come le pulci;
  • infezione dovuta a funghi;
  • disturbi autoimmuni;
  • leucemia felina;
  • ipersensibilità alle punture delle zanzare.

Queste appena elencate sono le possibili cause che scatenano l’ulcera dei roditori nel gatto. Ma quali sono i sintomi da osservare attentamente? Precedentemente abbiamo detto che la principale “manifestazione” di tale patologia è rappresentata dalla comparsa di lesioni arrossate principalmente sulla bocca di micio.

Seppur non eccessivamente dolenti, queste piaghe però comportano una serie di disturbi, molto fastidiosi per micio. Questi i sintomi più importanti:

  • inappetenza: le piaghe sulla bocca rendono abbastanza dolorosa la masticazione, dunque micio comincerà a mangiare di meno se non addirittura a smettere;
  • sofferenza: il forte fastidio dovuto alle lesione potrebbe comportare significativi cambiamenti in micio, che mostrano la sua sofferenza. Si nasconderà con più frequenza, eviterà un vostro contatto, diventando in alcune circostanze anche aggressivo;
  • scarsa igiene: viste le piaghe alla bocca gli sarà molto più complicato dedicarsi alla sua toelettatura giornaliera.

Potrebbe interessarti anche: Cuterebra nel gatto: cos’è, quali sono i sintomi e come curare micio

Come curare micio

Se notate la presenza di strane lesioni sulla bocca di micio ed anche strani comportamenti nella sua routine quotidiana, è possibile sospettare che trattasi di ulcera dei roditori. Cosa fare? Condurre immediatamente il gatto dal veterinario.

come curare micio
(Foto Pinterest)

Seppur non dolente e benigna, tale “patologia” non si cura da solo, col passare dei giorni, ma c’è la necessità del veterinario: solo lui potrà trattarla nel migliore dei modi, garantire a micio una rapida guarigione, e comunicarvi quali precauzioni adottare per prevenirla in futuro.

Inizialmente eseguirà un prelievo citologico: osservando al microscopio parti di cellule prelevate sulle lesioni sarà in grado di confermare o meno che trattasi di ulcera dei roditori nel gatto. Confermata la patologia, in linea di massima prescriverà immediatamente a micio:

  • un ciclo di steroidi per 2 o 3 settimane: in grado di contrastare l’infiammazione cutanea. Farmaci che verranno somministrati o sotto forma di pillole, da assumere ogni 24 ore, o sotto forma di iniezioni giornaliere. In questo modo i farmaci riusciranno a “sanare” le piaghe, fino a farle scomparire;
  • un ciclo di antibiotici: per contrastare l’infezione, laddove venisse evidenziata.

Naturalmente questi cicli di farmaci servono per debellare rapidamente queste allarmanti piaghe, donando a micio di nuovo benessere. Ma il compito principale del veterinario è di indagare qual è la causa sottostante al problema, così da evitare che si manifesti nuovamente in futuro.

Se suppone sia dovuta ad una allergia alimentare vi consiglierà di sottoporre micio a delle prove allergiche: una volta individuato l’alimento incriminato vi consiglierà di variare la sua dieta, così da evitare un altro episodio;

Se invece sospetta che la causa sia un “attacco di pulci” o una puntura di zanzara (a cui micio è allergico) vi consiglierà degli ottimi prodotti per prevenire ulteriori infestazioni.

Per quanto riguarda le altre cause, come la leucemia felina o disturbi autoimmuni, sarà il veterinario a discutere attentamente con voi sui vari trattamenti possibili.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Rossana Buccella