Home News Animali maltrattati: un cane entra in un garage per chiedere aiuto –...

Animali maltrattati: un cane entra in un garage per chiedere aiuto – VIDEO

CONDIVIDI
susie
(Facebook/RSPCA)

Un altro caso di animali maltrattati: un video mostra un cane che entra in un garage per chiedere aiuto, si chiama Susie e stava malissimo.

Riprese da parte degli investigatori di RSPCA, che si occupano di crudeltà sugli animali nel Regno Unito, sono state pubblicate oggi e mostrano un cane che zoppica attraverso un piazzale nei pressi di un garage su una zampa rotta. Il cane, un Saluki, subirà forse l’amputazione della zampa anteriore dopo essere stato lasciato vagare per le strade indossando calzini da calcio. Oltre ad essere gravemente emaciato e crivellato di vermi, l’animale domestico indossava calzini neri da calcio sulle sue altre tre zampe, coperte di piaghe.

La triste sorte di Susie: rischia di perdere una zampa

L’animale dolorante dovette essere sedato per togliergli i calzini quando i veterinari lo visitarono dopo essere stato salvato dal piazzale di un garage a Lepton, West Yorkshire, il mese scorso. Un passante ha allertato gli ispettori RSPCA che hanno ora avviato un’indagine su come il cane, ora soprannominato Susie, fosse in condizioni così orrende. “Crediamo che la sua zampa sia stata spezzata per circa una settimana prima di essere trovato, e che i calzini fossero stati indossati più a lungo perché la zampa rotta aveva anche una ferita dov’era una calza”, ha detto l’ispettrice RSPCA Rebecca Goulding.

Il cane ritrovato, una femmina, “soffre sia di rogna sarcoptica che di tigna ed è anche emaciata. Era in uno stato terribilmente triste. Doveva essere sedata per togliersi i calzini”. Susie è stata trasferita all’ospedale Greater Manchester della RSPCA, dove sta iniziando a ingrassare, ma si teme che perderà la zampa destra anteriore. Ancora oggi è molto malata e viene tenuta in isolamento, perché potrebbe contagiare altri animali. La riabilitazione sarà lunga, ma le cure vanno avanti. Susie non era dotata di microchip, come richiesto dalla legge, quindi il suo proprietario non è stato rintracciato. Intanto, oltre al breve filmato è stato diffuso un appello perché chiunque riconosca Susie si faccia avanti.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI