Home News Anzio: tre micini intrappolati in una casa sotto sequestro (FOTO)

Anzio: tre micini intrappolati in una casa sotto sequestro (FOTO)

E’ una triste storia quella che arriva da Anzio, dove tre micini sono intrappolati in un appartamento posto sotto sequestro

Uno dei gattini in trappola nell'appartamento sotto sequestro (Screen Facebook)
Uno dei gattini in trappola nell’appartamento sotto sequestro (Screen Facebook)

Anzio è una delle bellissime città costiere del litorale laziale. In provincia di Roma, è la meta più ambita d’estate. Le sue spiagge, il buon cibo, gli eventi proposti per la stagione, la piazza e il porto sono ciò che attirano i turisti. Una cittadina che si fa amare anche per la cordialità delle persone che si incontrano.

E la storia che vi raccontiamo riguarda proprio alcune meravigliose persone che abitano nel comune neroniano, e che con il loro grande cuore faranno di tutto pur di non abbandonare i tre micini rinchiusi dal 14 agosto in un appartamento posto sotto sequestro.

E’ un triste racconto che inizia con la morte di un’anziana signora, che sola nella vita dedicava tutte le sue energie ai suoi amici animali, che purtroppo dopo la sua assenza sono rimasti soli, e sembra che per colpa della burocrazia nessuno voglia aiutare.
Capiamo cosa è successo.

Potrebbe interessarti anche: In vacanza in Italia perdono il loro Caracal ora è sotto sequestro (FOTO)

Anzio: sono tre i micini intrappolati nell’appartamento sotto sequestro

Gattino affacciato al balcone dell'appartamento sotto sequestro (Screen Facebook)
Gattino affacciato al balcone dell’appartamento sotto sequestro (Screen Facebook)

L’Associazione mici per la Coda di Anzio, segnala questa triste storia mentre cerca in tutti i modi di trovare una soluzione. E’ martedì 14 settembre quando viene fatta la segnalazione all’associazione nella quale si spiega che ci sono tre micini che vivono ormai soli in un appartamento sotto sequestro.

Il palazzo si trova in uno dei quartieri “popolari” di Anzio, dove vivono persone con non proprio molte possibilità economiche ma di buon cuore. Le persone che li hanno contattati per la segnalazione raccontano la storia di quella casa.

Tutto inizia con una signora anziana, sola nella vita, che ha trovato affetto dai suoi amici animali. Era una persona buona che prendeva con se i micini randagi che avevano bisogno di aiuto, o semplicemente di un tetto sopra la testa. Purtroppo, a causa di un infarto, la signora muore nella sua casa, con vicino i suoi adorati animali. Insospettiti dai forti odori che giungevano dall’appartamento, i vicini hanno chiamato le autorità che hanno trovato così il corpo della donna.

2 cani e tre gatti trovati sul posto, sono stati presi e portati a chi si sarebbe preso cura di loro. Fatto sta che, probabilmente spinti dalla paura, altri 3 micini nascosti non sono stati trovati e sono stati lasciati chiusi nell’appartamento. “Nessuno si accorge di loro. Nessuno li cerca. Chiudono la porta e mettono i sigilli e qui comincia una storia assurda” così prosegue il post dove viene raccontata la vicenda sulla pagina Facebook dell’Associazione mici per la Coda.

Sembrerebbe che per qualche giorno nessuno si accorge dei gatti, ma quando la fame e di nuovo la paura si fa largo nei loro corpicini, decidono di cercare aiuto uscendo dal balcone dell’abitazione. Dal 15 agosto, questi poveri animali riescono a sopravvivere con le meravigliose persone che abitano vicino all’appartamento.

Organizzandosi per poter dargli ciò di cui hanno bisogno per sopravvivere, una signora prepara il cibo, un signore, fortunatamente con un ottima mira riesce a fare centro e raggiungere i micini, mentre con un altro espediente fanno passare dell’acqua da sotto la porta. Queste persone preoccupate per le sorti dei piccolini hanno provato di tutto pur di far aprire quella porta e liberarli, ma sembra che la burocrazia sia più importante della vita dei tre gattini.

Il lungo post, nel quale si chiarisce anche che la questione è stata messa nelle mani della Lav, che sta cercando nei tempi più brevi possibili di riuscire ad intervenire, si conclude con una promessa alla signora Lucia (nome inventato dato all’anziana signora che accudiva con tanto amore i suoi cuccioli): “Andiamo via con una promessa… Lucia non ti preoccupare… i mici saranno portati in salvo puoi starne certa. Riposa tranquilla“. E possiamo solo sperare che la loro storia trovi un lieto fine il prima possibile.

L’intervento delle autorità: tutti i dettagli

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

F.D.M