Home News Calci e ululati strazianti: si chiede giustizia per l’anziano cane (VIDEO)

Calci e ululati strazianti: si chiede giustizia per l’anziano cane (VIDEO)

Le immagini mostrano la violenza con la quale il cane anziano viene preso a calci e i suoi ululati strazianti fanno male al cuore

Cucciolo preso a calci (Screen video)
Cucciolo preso a calci (Screen video)

Non c’è alcuna motivazione che potrebbe mai giustificare ciò che quest’uomo ha fatto al quattro zampe. Nulla che potrà dire, sarà mai abbastanza esaustivo per la violenza e la cattiveria che ha usato. Immagini forti che fanno rabbia, che commuovono e che spezzano il cuore per la ferocia con la quale il cucciolo è stato trattato.

La vicenda, avvenuta in Messico, a San Luis Potosí, viene denunciata sui social dalla figlia della famiglia dell’animale. Dopo aver sporto denuncia formale, la ragazza ha voluto mostrare a tutti di cosa fosse capace l’uomo.

Anche il Governatore tramite Twitter ha commentato l’accaduto: “Nessun animale sarà maltrattato a San Luis Potosí! Ci stiamo occupando del caso, ho dato istruzioni alla Procura di indagare” per concludere “e punire secondo la nuova legge, imprigionando chi ferisce o uccide un animale“.

Calci e ululati strazianti sono ciò che rimane impresso dalla visione del video, dove l’anziano cane subisce un trattamento ignobile. Ora si chiede giustizia e la famiglia farà di tutto per ottenerla.

Potrebbe interessarti anche: Prende a calci sul muso il suo cucciolo per il cibo (FOTO)

Le immagini mostrano i calci ricevuti dal cane anziano e i suoi strazianti ululati

Cucciolo colpito (Screen Facebook)
Cucciolo colpito (Screen Facebook)

È la prima volta che lo faccio” inizia così il lungo post della ragazza che racconta l’orrore subito dal suo cucciolo “ma da quel giorno ci sono state minacce e molestie alla mia famiglia, quindi nonostante tutto ho deciso di farlo“.

Continua ammettendo di voler denunciare pubblicamente l’uomo che ha compiuto le terribili azioni, nella giornata di domenica 13 marzo, scrivendo che “lo rendo TOTALMENTE RESPONSABILE di tutto ciò che può succedere ai miei animali domestici, alla mia famiglia e alla mia proprietà d’ora in poi“.

Parole forti, risultato di una aggressione al cane anziano della famiglia, preso a calci da un vicino. Allegano il video della sorveglianza che riprende tutta la scena e l’ululato straziante del pelosetto è qualcosa che non si dimentica tanto facilmente.

L’uomo, dalle immagini, si vede chiaramente prendere a calci violentemente il cane che viene lanciato alzandosi da terra. I colpi fanno male e non riesce a stare bene sulle zampette, mentre cerca di tentare di raggiungere la sua casa.

La mamma della ragazza che racconta la storia, esce di corsa per salvare l’animale, che terrorizzato cerca il più in fretta possibile di entrare tra quelle mura che indicano la sua salvezza. Il vicino utilizza parole decisamente poco carine verso la donna, assumendo un atteggiamento di minaccia verso di lei.

Le immagini contenute nel seguente post potrebbero urtare la vostra sensibilità: si sconsiglia la visione a un pubblico facilmente impressionabile

Per la forza del colpo il mio cane (che come potete vedere è di taglia mini e non può in alcun modo rappresentare un pericolo e che ha 14 anni) è volato via per pochi metri fino a colpire il terreno” viene descritto nel post “il mio cane non sta nemmeno attaccando e non si sta difendendo, sta cercando di fuggire e entrare in casa mia, mentre un idiota lo insegue e continua a calciare e attaccarlo senza sosta“.

Il cucciolo è stato portato urgentemente al pronto soccorso dato che non riusciva a muoversi, sanguinava e aveva difficoltà nella respirazione. A causa di quello che aveva vissuto non smetteva di piangere e la sua famiglia cercava di rassicurarlo  con la speranza che tutto sarebbe andato per il meglio.

Il mio cane è ancora sotto osservazione e trattamento perché i veterinari hanno bisogno che si sgonfi” viene spiegato “per poter fare degli studi e controllare che internamente non abbia un’emorragia o che non si riscontrano danneggiati i suoi organi“.

La ragazza aggiunge che è certa del fatto che senza l’intervento della mamma, il cane sarebbe stato ucciso. Tiene anche a precisare che nei giorni successivi all’accaduto, dato che era stata chiamata una pattuglia, sia l’uomo che la moglie avrebbero molestato la famiglia raccontando inoltre, una versione diversa dell’accaduto.

Dalla sua parte la ragazza dice di avere le immagini del video, alle quali non c’è nessuna interpretazione alternativa, oltre che all’oggettività di ciò che mostrano. Dall’ultimo post pubblicato, ancora non ci sono aggiornamenti, ma la ragazza è combattiva e non permetterà che quello subito dal suo cucciolo non venga punito dalla legge.

La speranza è che il cucciolo si rimetta presto e che riesca ad allontanare dalla sua mente questa terribile e violenta aggressione, concentrandosi sull’amore e calore che la sua famiglia non gli farà mancare.