Home News Se non ti porto non parto: campagna antiabbandono della Polizia di Stato-VIDEO

Se non ti porto non parto: campagna antiabbandono della Polizia di Stato-VIDEO

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:05
CONDIVIDI

Anche la Polizia di Stato italiana sensibilizza, con uno spot, a non abbandonare gli animali domestici durante il periodo estivo delle vacanze.

Polizia di Stato
Gino e Giuseppe (Screenshot Video YT)

L’abbandono degli animali domestici è ancora oggi un problema molto diffuso e i casi aumentano con l’arrivo della stagione estiva. Con la vacanza alle porte il pet diventa un “ingombro” e le cronache si riempiono di notizie relative all’abbandono di cani, gatti e altri animali d’affezione. L’abbandono è un reato e ci sono tante soluzioni per non lasciare gli animali sul ciglio di una strada.

Potrebbe interessarti anche: Reato di abbandono di animali: le sanzioni e come intervenire

Video, spot e hashtag della Polizia di Stato

Polizia di Stato campagna antiabbandono
L’idratazione durante il viaggio (Screenshot Video YT)

Dopo l’appello di Tiziano Ferro e quello dei campioni del ring anche la Polizia di stato è scesa in campo con un video, uno spot e un hashtag diretti e incisivi. Protagonisti del filmato sono il labrador poliziotto da ricerca esplosivo di nome Gino e Giuseppe, il suo conduttore cinofilo.

Periodo di vacanze e periodo di abbandoni degli animali domestici. La Polizia di Stato, da sempre sensibile a certi fenomeni, anche quest’anno, attraverso uno spot, richiama l’attenzione dei cittadini sul fenomeno dell’abbandono degli animali che, soprattutto durante la stagione estiva, complici le vacanze con le partenze, registra un aumento esponenziale. Il nostro agente cinofilo Giuseppe e il suo “collega” e amico Gino, quest’anno, sono i protagonisti della nuova Campagna antiabbandono” si legge sul sito della Polizia di Stato.

L’obiettivo della campagna è educare i proprietari di animali ad un “possesso responsabile”, spiegare che l’abbandono è un reato e che un animale vagante, oltre ad essere condannato ad una morte certa, è pericoloso sulle strade perché può provocare anche gravi incidenti.

Come evitare questo questo? Con un semplice e doveroso gesto d’amorenon abbandonarli ma portarli con sé oppure cercare soluzioni possibili per lasciarli in sicurezza” rimarca il Corpo.

Inoltre chi decide di partire con il proprio amico peloso deve conoscere le indicazioni della Polizia stradale sul trasporto degli animali: gli animali domestici devono viaggiare in apposita gabbia o contenitore o nel vano posteriore del mezzo sempre con una barriera divisoria che li separi dalla parte anteriore dell’abitacolo e durante il viaggio è consigliato fermarsi di tanto in tanto per permettere all’animale di sgranchirsi un po’ ed idratarsi.

Il video, che potete vedere qui sotto, si conclude con l’hashtag #lamiciziaèunacosaseria.

S.C.