Home News Cane abbandonato in una cantina con un arto legato

Cane abbandonato in una cantina con un arto legato

CONDIVIDI
crudeltà animali
Abbandonata in cantina con un filo legato alla zampa

Cane abbandonato in cantina con un filo legato al piede

Nessuno ha idea di quanto tempo abbia passato in quelle condizioni. Era stata abbandonata, nella cantina di una casa disabitata in Georgia. Aveva un filo legato ad una zampa che le aveva letteralmente inciso la carne, arrivando all’osso. L’arto appariva quasi in necrosi al momento del ritrovamento del cane.

E’ lo sconcertante episodio registrato dai volontari della Rescue Dogs Rock NYC che si sono resi disponibili ad aiutare una femmina di Mastiff.

La cagnolina è stata soccorsa dai volontari dopo una segnalazione. Quando lo staff dell’associazione è arrivato sul posto, hanno trovato il cane, accucciato in un angolo buio della cantina. “Chi l’ha abbandonata, l’ha lasciata lì indifesa, sofferente e incapace di liberarsi”, scrivono i volontari.

Il cane non poteva muoversi, era stato legato all’arto. Qualcuno l’aveva lasciata in quel posto di proposito, condannandola a morire atrocemente.

cane abbandonato
Appello dei volontari

L’esemplare avrà tentato di liberarsi, ferendosi con il filo, fino al punto in cui il dolore non sia diventato insopportabile, da paralizzarlo. Le condizioni in cui era la zampa, indicano chiaramente, che il cane avrà cercato in tutti i modi di scappare via.

Il cane chiamato Grace è stato trasferito in clinica veterinaria dove è stato subito sottoposto a trattamenti di emergenza e antidolorifici. I veterinari hanno rimosso il filo all’arto e al momento non è dato sapere se riusciranno a salvare la zampa, piuttosto malridotta.

“I veterinari ritengono che ci sia la possibilità di salvare la sua zampa”. Ha commentato Jackie O’Sullivan, cofondatore dell’associazione, precisando che il tendine della zampa è intatto.

Altrimenti, sottolineano i membri della Rescue Dogs Rock NYC, i veterinari dovranno amputare l’arto.

Al momento, Grace è sotto monitoraggio e non dovrà più preoccuparsi. Una volta ristabilite le condizioni, potrà finalmente trovare una nuova famiglia.

 

C.D.