Home News Cane alligatore, attacco improvviso: a salvare il quattrozampe la sua padrona –...

Cane alligatore, attacco improvviso: a salvare il quattrozampe la sua padrona – FOTO

CONDIVIDI
Aggressione cane alligatore, il Dobermann scampato all’attacco: se l’è cavata con una profonda ferita

Cane alligatore aggressione / l’incontro ravvicinato si è verificato all’interno di una zona bassa del fiume Neuse. Il quattrozampe è stato salvato dalla sua proprietaria.

Un cane aggredito da un alligatore è riuscito a sopravvivere a questo pericoloso incontro ravvicinato. Il fatto è avvenuto nel fiume Neuse, all’interno del territorio di Bridgetown. Si tratta di una località dello stato americano della Carolina del Nord. Qui Boogie, questo il nome del quattrozampe protagonista di tale disavventura, si è improvvisamente imbattuto nel temibile predatore. Boogie è un cane di soli 8 mesi di razza Dobermann. L’incidente gli è quasi costato la vita. Adesso si trova ricoverato in una clinica veterinaria ed è ricoperto di tubi e di fili attaccati a dei macchinari. La sua proprietaria, Jessica Decastro, ha detto che Boogie stava giocando nell’acqua bassa quando all’improvviso lo aveva sentito abbaiare fortemente. Subito si era precipitato da lui per tirarlo fuori. Appena tratto in salvo, Jessica aveva notato un grosso morso sul corpo del suo animale domestico.

Cane alligatore, la padrona: “L’ho tirato subito fuori dall’acqua”

“Quando l’ho tirato fuori dall’acqua, Boogie aveva un lembo di pelle che gli pendeva e che stava per staccarsi”. La donna non ha visto di prima persona quando è successo. Ha ritenuto però già pochi secondi dopo che potesse centrare un alligatore, rettile molto diffuso in certe zone degli Stati Uniti. Questi lucertoloni si trovano in particolare nelle paludi della Florida e della Louisiana. Un successivo esame condotto da un veterinario ha po confermato il tutto. Il fiume Neuse e tutti i bacini idrici nella parte orientale della Carolina del Nord sono un habitat pressoché naturale per gli alligatori.

La presenza di questi animali è attestata in tale zona degli Stati Uniti da ormai diversi milioni di anni. Il cane aggredito per fortuna dovrebbe riprendersi completamente. Sarà necessario però un certo periodo i convalescenza. Del resto scampare all’aggressione di un simile predatore non è cosa da tutti i giorni. E per fortuna anche Jessica ne è uscita illesa, non rimediante alcuna ferita in questa circostanza. Già nei mesi scorsi era accaduta una cosa simile.

A.P.