Home News Il cane insegue un cigno e cade in acqua nella Darsena a...

Il cane insegue un cigno e cade in acqua nella Darsena a Milano

Il cane cade in acqua nella Darsena per seguire un cigno, carabinieri multano il padrone

cane navigli multa padrone
@screenshot video

Stava portando fuori il cane  quando, l’esemplare, un giovane husky, preso dall’euforia della passeggiata, vedendo un cigno si è messo a correre dietro al volatile, cadendo in acqua. Nello stesso istante, stava transitando un squadra di carabinieri in moto che si sono affrettati, improvvisandosi con il loro equipaggiamento per salvare il cane.

I due agenti sono andati in soccorso della padrona, spaventata dall’accaduto. Il cane inseguendo il cigno era caduto dal bordo della darsena e nuotava a fatica. Dopo alcune manovre, i carabinieri sono riusciti a recuperare il cane, facendolo avvicinare al bordo e incastrando un bastone alla sua pettorina sono riusciti a tirarlo fuori dall’acqua. L’husky era tutto bagnato e spaventato dalla disavventura. Gli agenti, dopo aver riconsegnato il cane alla proprietaria, hanno multato la donna perché l’animale non era legato al guinzaglio.

Cane al guinzaglio

@screen shot video

Probabilmente, dopo aver accertato che non vi fossero altre persone, con le restrizioni del governo, la donna ha profittato della situazione per far sgambettare il suo cane. Purtroppo, non aveva considerato i pericoli che si potevano verificare e il fattore imprevisti.
Per legge, i cani nei luoghi pubblici devono essere tenuti al guinzaglio e i cani di grande taglia dovrebbero anche portare la museruola. Addirittura secondo la nuova ordinanza introdotta dal Comune di Milano, i proprietari di alcune razze sono tenuti a un percorso formativo per il rilascio di un patentino.

Quello che in alcuni casi può apparire come una restrizione è anche una misura che previene molti rischi. A partire dal pericolo di fuga del cane in città o in luoghi affollati, con il rischio che finisca investito per strada. Il cane al guinzaglio previene anche i rischi di aggressioni o risse tra cani per la dominanza. Oppure, come in questo caso, se il cane fosse stato al guinzaglio non sarebbe finito in acqua rischiando di affogare se non fossero intervenuti i carabinieri. Tanto più che, a causa delle restrizioni, ci sono poche persone per la città e la donna da sola, molto probabilmente non sarebbe riuscita a recuperarlo da sola. Pertanto, il cane al guinzaglio è anche un strumento utile per proteggerlo in questi casi,

Guarda il video del soccorso:

C.D.