Home News Cane randagio salvato, viene donato ad una casa di riposo

Cane randagio salvato, viene donato ad una casa di riposo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:22
CONDIVIDI

Una meravigliosa iniziativa condotta dall’OIPA di Potenza: un cane randagio dopo essere stato salvato è stato donato ad una casa di riposo per regalare felicità

cane donato casa riposo
Cocò, il cane donato ad una casa di riposo (Foto OIPA)

Una lodevole proposta avanzata dall’OIPA di Potenza per regalare amore a tutti i soggetti coinvolti: un cane, di solo pochi mesi, è stato donato a Villa Letizia, una casa di riposo di Grumento Nova.

Il quattro zampe in questione era un cane randagio salvato dalla stessa organizzazione, ora il piccolo ha il compito di rallegrare la vita degli ospiti del centro anziani.

Potrebbe interessarti anche: Dopo il lutto la donna era disperata ma i suoi colleghi le regalano un cane

Era un cane randagio, ora regala gioia agli anziani

cocò cane
Cocò e gli ospiti di Villa Letizia (Foto OIPA)

In un comunicato ufficiale pubblicato dalla OIPA Protezione Animali Delegazione Provincia di Potenza viene spiegato l’intento e i particolari di questa iniziativa.

Il protagonista di questa vicenda è un cucciolo meticcio di due mesi, il cui nome è Cocò. Il piccolo con un passato da cane randagio, è stato recuperato dalla strada dai volontari dell’OIPA, in seguito è stato visitato, curato e vaccinato. Al quattro zampe è stata trovata poi una nuova casa davvero speciale: un centro per anziani.

Roberto Tedesco, delegato dell’Oipa Potenza illustra il duplice fine di questa proposta: da una parte donare gioia e affetto alle persone anziane, dall’altra inserire il cucciolo in una “famiglia allargata”.

Potrebbe interessarti anche:Malato terminale, padre regala un cucciolo di cane a suo figlio: “ultimo desiderio”

Considerati gli effetti benefici di avere un cane nella propria vita, secondo Tedesco la presenza del piccolo nel centro rappresenterà una “terapia d’amore” per i suoi ospiti: “Un cagnolino che zampetta nella struttura, che si appoggia sulle ginocchia per una coccola o una carezza, o che invita al gioco, potrà solo far bene al cuore degli anziani.”

E allo stesso modo, anche l’impegno da parte degli anziani di “provvedere” ai bisogni del cane, come ad esempio portarlo a passeggio, li aiuterà a trascorrere le giornate in modo piacevole e costruttivo.

M. L.