Home News Cane ridotto talmente male da non camminare: proprietario arrestato

Cane ridotto talmente male da non camminare: proprietario arrestato

Un uomo è stato arrestato in seguito al ritrovamento nella sua proprietà di un cane talmente ridotto allo stremo delle forze da non poter più camminare, una denuncia ha portato all’arresto dell’uomo secondo il dipartimento di polizia di Jennings.

Cane ridotto talmente male da non camminare: proprietario arrestato
Cane ridotto talmente male da non camminare: proprietario arrestato (foto Facebook)

Jennings. Un cane è stato trovato emaciato e completamente incapace di camminare in una abitazione di Jennings, il ritrovamento ha portato all’arresto di un uomo che attualmente è accusato di crudeltà verso gli animali.

Secondo quanto dichiarato dagli agenti che si sono recati su luogo con il controllo degli animali, al loro arrivi hanno trovato nella residenza sita in Davis Street un Labrador Retriever nero ridotto pelle e ossa. La denuncia è avvenuta il 10 aprile e gli agenti sono corsi per verificare la situazione.

Le condizioni del cane ridotto talmente male da non  riuscire a stare in piedi

Cane ridotto talmente male da non camminare: proprietario arrestato (foto Facebook)
Cane ridotto talmente male da non camminare: proprietario arrestato (foto Facebook)

Trovando il cane in condizioni estremamente pessime, si sono resi conto che era talmente disidratato e malnutrito da non riuscire ne a camminare ne tantomeno stare in piedi da solo, immediatamente la Jennings Animal Control ha preso in custodia del Labrador e lo ha portato a un veterinario locale per constatare le sue condizioni di salute .

Danny Semmes capo del dipartimento di polizia di Jennings ha infatti affermato “Questo è probabilmente il peggior caso di crudeltà verso gli animali che ho visto da quando sono stato con il dipartimento di polizia di Jennings”, “Se non puoi permetterti di nutrire un animale, non dovresti possederne uno, e se sei troppo pigro per nutrire l’animale, almeno apri il cancello e lascia che il cane abbia una possibilità di combattere.”

Il cane era ridotto talmente male che ogni osso del suo corpo era visibile ad occhio nudo, una donna ha infatti parlato delle deplorevoli condizioni del cane asserendo di aver contattato le autorità dopo aver visto il povero cucciolo.

Sembra infatti che quello della donna non sia stato il primo rapporto ricevuti in merito ad un maltrattamento nella zona  e la stessa donna  ha confermato di aver chiamato gli agenti 3 settimane prima comunicando le condizioni oscene in cui riversava il cane “Ho guardato oltre e ho visto questo cane sdraiato ed era pietoso”.

La donna ha poi raccontato di essersi trovata a passare davanti al povero cagnolino mentre si recava da una sua amica, quando ha notato il cane dal cancelletto e vedendolo in quelle tremende condizioni ha deciso di dargli un pezzo della pizza che stava mangiando

“Voleva solo che qualcuno gli desse una strofinata”,. “Ha appoggiato la testa contro il recinto e mi ha permesso di strofinargli la testa. Gli ho persino strofinato sotto il mento. Potevi solo vedere che probabilmente era il più amore che aveva ricevuto in Dio solo sa per quanto tempo.”

Nelle settimane successive la situazione è precipitata e le condizioni del cane sono notevolmente peggiorate.

“In questo momento, voglio vedere giustizia per  Spirit ecco cosa voglio “, ha detto la donna che spera che venga fatta giustizia per il cane chiamato “Spirit” e nella speranza che gli agenti locali uniscono le forze assicurando il cane alle migliori cure e il proprietario alla giustizia.

Il cane sta ricevendo le migliori cure e ha passato la sua prima notte dormento a casa del capo della polizia, per poi essere preso in cura presso un ospedale per animali a Opelousas dove già sono state fatte delle trasfusioni al piccolo.

La polizia ha arrestato il suo proprietario un uomo di 40 anni, il capo ella polizia ha infatti affermato : “Perseguiremo queste accuse al massimo e, si spera, con l’aiuto dell’ufficio del procuratore distrettuale possiamo portare una soluzione”.