Home News I cani a scuola per l’educazione sentimentale: lo afferma Paolo Crepet

I cani a scuola per l’educazione sentimentale: lo afferma Paolo Crepet

I cani presenti a scuola per insegnare l’educazione sentimentale: lo psichiatra Paolo Crepet indica la via, ma bisogna fare in fretta. Una proposta era stata presentata lo scorso aprile dal deputo di Sinistra Italiana, Nicola Fratoianni.

Paolo Crepet Cani Scuola
Lo psichiatra Paolo Crepet (Facebook)

Si parla molto spesso di scuola e bambini. Soprattutto in periodi di pandemia come quello che noi tutti stiamo attraversando. Il ritorni a scuola è un tema molto caldo, sotto tanti punti di vista. Soprattutto quello dell’educazione sentimentale, su come essere rispettosi verso l’altro fin dai primi anni di vita. Un passo importante per una società che si vuol dire progressista e rispettosa delle minoranze. Ma allora, come fare? Il noto psichiatra Paolo Crepet lo afferma forte e chiaro. L’educazione sentimentale a scuola passa per i cani. Sono i nostri amici a quattro zampe a dover essere presenti soprattutto all’interno di istituti che accolgono scuole primarie e secondarie. Crepet ha sostenuto a gran voce l’introduzione dei cani nella scuole per questa pratica, ma afferma anche che bisogna attuare alcune scelte al più presto.

I cani nelle scuola da adesso: Crepet indica la strada da seguire per una buona educazione sentimentale

Paolo Crepet Cani Scuola
Una bambina abbraccia il cane (Getty Images)

Bisogna saper compiere delle scelte, appropriate, che puntino al raggiungimento del bene comune e del progresso in una società che si vuole definire sana e matura, pronta appunto a fare il salto di qualità. E in questo salto ci possono entrare, benissimo, anche i nostri amici a quattro zampe.

LEGGI ANCHE >>> Un cane a lezione, l’incredibile iniziativa da una scuola della Turchia -FOTO

In un’intervista rilasciata all’Agi, il noto psichiatra Paolo Crepet ha parlato di educazione sentimentale nelle scuole, affermando di essere molto più importante di quella sessuale. E chi è che può insegnarla? Crepet ha le idee chiare: “Non deve mica passare per un prete, per un allenatore o per chi volete voi. L’educazione sentimentale nella scuola la dovrebbero portare i cani.

Paolo Crepet identifica nella cura del benessere del cane, da parte del bambino, una vita per cercare di indirizzare, fin da subito, il rispetto che quest’ultimo dovrà avere nella società che gli competerà nel futuro. Un’iniziativa che, però, non può aspettare altro tempo. Lo psichiatra afferma di sostenere questa tesi da ben 30 anni.

LEGGI ANCHE >>> A lezione tra gli animali, la splendida iniziativa in una scuola di Milano

Lo scorso 8 aprile, il deputato di Sinistra Italiana, Nicola Fratoianni, ha presentato una proposta in Parlamento per avviare questa pratica. Secondo il gruppo parlamentare, tutto ciò potrebbe portare anche a una riduzione delle violenze in futuro. Insomma, bambini e cani insieme. L’avere cura dell’altro è la via maestra per un sano progresso.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.