Home News Cura dello Skookum: spazzolatura, bagnetto, consigli di bellezza

Cura dello Skookum: spazzolatura, bagnetto, consigli di bellezza

Quali accorgimenti dovremmo mettere in pratica prenderci cura al meglio dello Skookum? Ecco tutto quello che c’è da sapere a riguardo.

Cura Skookum
(Foto Instagram)

Un’adeguata cura del nostro Skookum è indispensabile per assicurarci che il quattro zampe sia sempre pulito, sano e sereno. Come occuparsi della pulizia del suo mantello riccioluto, dell’igiene del cavo orale e di tutti gli aspetti che riguardano la sua cura? Scopriamolo in questo articolo.

Cura del pelo dello Skookum: spazzolatura e bagnetto

Il mantello degli esemplari di questa razza è davvero particolare, poiché risulta arricciato.

skookum-gatto
(Foto Instagram)

In realtà, però, a dispetto del pelo così originale, la cura della pelliccia dello Skookum non richiede accortezze particolari.

Basterà spazzolare il gatto 2-3 volte a settimana per mantenere il mantello morbido e sano, evitando la formazione di nodi e boli di pelo.

Durante il periodo di muta, però, dovremo aumentare la frequenza di questa operazione, visto l’aumento della perdita di pelo nel micio.

Un piccolo accorgimento per far sì che il suo mantello sia sempre lucente? Tamponarlo con una soluzione a base di acqua e aceto.

Attenzione, poi, alla dieta del quattro zampe: il consumo di nutrienti di qualità influirà anche sull’aspetto del pelo.

Vuoi scoprire qual è l’alimentazione ideale dello Skookum? Consulta questo articolo per scoprirlo.

Lavare il gatto sì o no?

Nella cura dello Skookum rientra anche il bagnetto al gatto?

skookum-gatto
(Foto Instagram)

Tendenzialmente no: non solo si tratta di un’operazione stressante per il micio, ma i felini domestici sono animali molto attenti alla propria igiene personale.

Per questo, dovremo lavare il pelosetto solo in caso di effettive emergenze, come a seguito di un lungo periodo di convalescenza durante il quale l’animale non si è lavato.

Come procedere, in questo caso? In primis, dovremo utilizzare esclusivamente detergenti formulati per la cute del gatto.

Dopodiché, occorrerà fare attenzione alla temperatura dell’acqua, per evitare che il micio possa scottarsi o prendere freddo.

Infine, dopo aver insaponato e risciacquato l’animale, dovremo assicurarci che l’asciugatura del pelo sia completa.

In caso contrario, infatti, rischieremmo che il micio si ammali.

Cura di orecchie, occhi e denti dello Skookum

Prendersi cura al meglio della salute del cavo orale dello Skookum è indispensabile per il benessere del gatto.

Adottare Skookum
(Foto Instagram)

Il rischio, infatti, è che il quattro zampe possa sviluppare patologie a carico delle gengive e dei denti, come stomatite e gengivite.

Il miglior consiglio è di pulire quotidianamente i denti del gatto, ricorrendo a due possibili soluzioni: spazzolino e dentifricio per il micio, oppure una crema spalmabile igienizzante da distribuire sulla sua dentatura.

Anche la cura di occhi e orecchie dello Skookum è fondamentale. L’accumulo di secrezioni in eccesso, infatti, potrebbe determinare l’insorgenza di infezioni come congiuntivite e otite.

In questo caso, basterà adottare un pratico rimedio fai da te: potremo tamponare occhi e orecchie del gatto con una garza leggermente inumidita in acqua tiepida.

Potrebbe interessarti anche: Come tagliare le unghie al gatto: passaggi da seguire e consigli

Quando spuntare gli artigli del micio

Infine, non ci resta che rispondere a un’ultima domanda sulla cura dello Skookum: è necessario tagliare le unghie al gatto?

Differenza Skookum (1)
(Foto Instagram)

La risposta dipende dalle caratteristiche del nostro amico a quattro zampe.

Se si tratta di un micio giovane e attivo, non sarà necessario: il felino provvederà da sé ad affilare i suoi artigli durante le intense sessioni di gioco e arrampicata.

In caso contrario, qualora il nostro pelosetto sia anziano e conduca uno stile di vita sedentario, potrebbe dover essere necessario intervenire.

Come procedere? Munendoci di un tagliaunghie, dovremo esercitare una leggera pressione sulla zampa del gatto, in modo che i suoi artigli fuoriescano completamente.

Dopodiché, basterà tagliare la parte dell’unghia di colore più chiara, non vascolarizzata.

Attenzione a non andare troppo a fondo: il rischio è di ferire il micio.