Home News Dopo 3 mesi in ospedale inizia un altro incubo: l’hanno presa anche...

Dopo 3 mesi in ospedale inizia un altro incubo: l’hanno presa anche a schiaffi per lui

La povera donna dopo diversi mesi passati in ospedale voleva solo riabbracciare il suo cane ma c’era chi voleva impedirglielo.

donna ospedale cane
Dopo tre mesi di ricovero in ospedale non volevano ridarle il suo cane (Foto generica – Pixabay – amoreaquattrozampe.it)

Quando si vive da soli con un animale domestico esistono alcune situazioni in cui è necessario allontanarsi da casa e capire come poter gestire l’animale o decidere a chi affidarlo potrebbe diventare difficile e mettere un po’ di preoccupazione. Moltissimi anziani condividono la loro vita con un gatto o con un cane e nel momento in cui questi hanno delle necessità che li porteranno a stare fuori di casa per un periodo più o meno lungo dovranno necessariamente trovare una soluzione. A Bergamo una donna è stata ricoverata in ospedale per tre mesi e aveva lasciato il suo cane Bob ad una vicina. Purtroppo al suo rientro a casa è successo l’inaspettato.

Anziana ricoverata in ospedale per tre mesi lascia il suo cane ad una vicina: la lotta per riaverlo

donna ospedale cane
La vicina non voleva ridare all’anziana il suo West Highland White Terrier (Foto generica – Pixabay – amoreaquattrozampe.it)

Il buon vicinato è quello che tutti vorremo avere. Saper di poter contare sull’aiuto delle persone che ci vivono intorno potrebbe rivelarsi davvero d’aiuto in situazioni di emergenza. Soprattutto se ad avere un certo tipo di necessità è una persona anziana.
Una donna di 85 anni credeva di aver trovato una vicina di casa disponibile in cui poter riporre la sua fiducia, ma purtroppo ha dovuto ricredersi dopo qualche tempo. Quello che la ragazza stava provando a farle è stato davvero terribile, tanto che sono dovute intervenire le forze dell’ordine per poter appianare la situazione.

Ti potrebbe interessare anche >>> Un legame indissolubile: lo aspetta ogni giorno fuori dall’ospedale – VIDEO

A Bergamo una donna di 85 anni ha subito una vera e propria violenza da parte della sua vicina di casa. L’anziana signora era appena ritornata a casa dopo tre lunghi mesi di ricovero in ospedale per dei problemi di salute e tutto ciò che desiderava era rientrare nel suo appartamento e riabbracciare il suo amato animale domestico. La signora infatti viveva con Bob, un bellissimo esemplare di West Highland White Terrier. Nel periodo del ricovero in ospedale, l’anziana aveva chiesto come favore alla sua vicina di casa di potersi prendere cura del cane in sua assenza. La donna sembrava aver accettato senza problemi e così l’ottantacinquenne poteva concentrarsi solo sul suo stato di salute, senza preoccuparsi troppo del suo amato compagno peloso.

Ti potrebbe interessare anche >>> La commovente visita del cane Charlie alla sua padrona in ospedale

Passare tre mesi in ospedale non deve di certo essere stata una vacanza per la signora e quindi, una volta dimessa, il suo desiderio era solo quello di rientrare in casa propria e di poter riabbracciare il suo Bob. Purtroppo però qualcosa è andato storto e il rientro non è stato così idilliaco come aveva immaginato. Una volta tornata a casa l’anziana si è rivolta alla vicina per poter riavere indietro il suo cane ma la donna aveva deciso che non glielo avrebbe più ridato. Un vero e proprio shock per l’ottantacinquenne che , ovviamente, non si è arresa e ha continuato a chiedere ciò che era suo. La vicina, di tutta risposta, ha persino preso a schiaffi l’anziana signora. Un comportamento davvero meschino e violento.

SEGUICI ANCHE SU: FACEBOOK | TIKTOK | INSTAGRAM | YOUTUBE TWITTER

La padrona del cane, vista la situazione e ciò che aveva appena subito, ha deciso quindi di rivolgersi alle forze dell’ordine. La Polizia Locale ha dato dunque inizio alle indagini e in seguito a queste la Procura ha emesso un decreto di sequestro del cane che è stato poi riconsegnato alla legittima proprietaria.
L’anziana signora è potuta finalmente tornare a casa sua in compagnia del suo amato Bob. (G. M.)