Home News Gatto che faceva compagnia al padrone malato sparisce: si teme il rapimento

Gatto che faceva compagnia al padrone malato sparisce: si teme il rapimento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:27
CONDIVIDI

Una famiglia disperata sostiene che il loro gatto, che non si allontanava mai dal suo padrone malato terminale, sia stato rapito e sta facendo tutto il possibile per ritrovarlo

gatto padrone malato terminale
Gatto bengala (Foto Pixabay)

Tra un proprietario e il suo quattro zampe nasce un legame speciale, che in particolari situazioni diventa ancora più profondo. Il dover affrontare particolari problemi o sofferenze infatti avvicina l’umano al suo animale e viceversa, perché entrambi percepiscono quando l’uno ha bisogno dell’altro.

Come nel caso di questo gatto bengala di nome Mario che è il “miglior amico” di un malato terminale.

Potrebbe interessarti anche: Cane fugge per andare in ospedale dal padrone malato di Covid-19

Mario, il gatto che non lascia mai solo il suo umano malato

gatto mario sparito
Gatto bengala (Foto Pixabay)

Nick, il proprietario di questo gatto bengala, soffre di una malattia neurologica nella fase terminale. L’uomo è conscio di quello che gli accade attorno, ma non riesce a parlare e a muoversi. L‘unico compagno che gli è sempre accanto è proprio Mario.

Il micio trascorre ogni singola notte sul letto di Nick. “La presenza costante di Mario è davvero importante. Influisce sulla respirazione di Nick e sul suo battito cardiaco”, ha riportato la moglie.

La famiglia di Melbourne ha adottato il micetto poco più di un anno fa, quando il gatto soffriva di un parassita intestinale e le sue condizioni di salute erano estremamente gravi. Il felino rischiava la vita e quando è guarito dalla sua malattia, si è fortemente legato a Nick.

Potrebbe interessarti anche: Cane muore dopo un’ora dal decesso del padrone

A distanza di un anno il gatto, di circa due anni, sta ricambiando le attenzioni ricevute e non si allontana mai da lui. “Credo che il Bengala senta che il signor Nick ha bisogno di lui”, ha affermato l’infermiera.

Purtroppo la sua famiglia non vede Mario dal 9 agosto, il gatto è sparito nei pressi della loro abitazione e i padroni suppongono sia stato rubato.

I proprietari sono convinti che qualcuno si sia appropriato illecitamente del gatto, perché quando un animale viene trovato in zona, viene condotto in un canile o gattile e visitato per controllare se è munito di microchip. Una volta scansionato e identificati i proprietari vengono contattati per informarli del ritrovamento.

Dato che in seguito al lockdown, imposto per contrastare la diffusione del Coronavirus, le richieste di adozioni di animali sono fortemente aumentate, i proprietari temono che qualcuno se ne sia appropriato o peggio che sia finito in mano di persone che possano venderlo online.

La proprietaria di Mario ha esposto denuncia e ha offerto una ricompensa pur di riavere il loro gattino indietro sano e salvo. “Togliere un animale domestico ad un malato terminale è semplicemente senza cuore”

M. L.