Home News Gli animali contro la solitudine: uno studio rivela i loro effetti sui...

Gli animali contro la solitudine: uno studio rivela i loro effetti sui padroni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:20
CONDIVIDI

Gli animali contro la solitudine da pandemia. Un importante studio evidenzia gli effetti positivi che rilascia la loro presenza quotidiana

Il cane e la sua mamma umana (Foto Pixabay)
Il cane e la sua mamma umana (Foto Pixabay)

La pandemia che tutto il mondo sta attraversando, sta mettendo a dura prova la resistenza emotiva di tutti noi. Per questo motivo è utile fare affidamento su qualcuno che ci aiuti in maniera incondizionata a superare tale momento. Al riguardo, ci viene in aiuto un’indagine che ha riguardato ben 6000 persone che ha focalizzato l’attenzione sull’importanza che gli animali domestici detengono nella vita di tutti i giorni. Il risultato non può che essere positivo. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Potrebbe interessarti anche: Prendersi cura degli animali fa bene alla salute: lo dice la scienza

Gli animali contro la solitudine, il loro ruolo nella nostra vita quotidiana

Affetto e complicità (Foto Pixabay)
Affetto e complicità (Foto Pixabay)

Lo studio condotto è stato realizzato dagli psicologi dell’University of York e dell’University of Lincon che hanno dimostrato quanto sia importante il ruolo degli animali domestici nella trasmissione del benessere al loro padrone. La presenza di un animale nella vita quotidiana di una persona è utile per donargli momenti di spensieratezza e di felicità. Tali sensazioni sono servite e servono in modo particolare, in un periodo così delicato, come quello attuale, per darci la giusta carica quotidiana. Il risultato dell’indagine ha visto il 90 % degli intervistati rimanere contenti del fondamentale supporto adoperato dagli animali durante il lockdown. I numeri sono ancora più incisivi quando si parla del ruolo che i quatto zampe hanno avuto nel far mantenere attivi i loro rispettivi padroni. Dall’analisi effettuata infatti è emerso che il 99 % degli intervistati ha ammesso di aver fatto sport grazie al contributo dato dal loro amico pelosetto.

Gli studiosi hanno evidenziato che gli effetti sono stati i medesimi sia da parte di cani e gatti sia da altre creature come criceti e pesci rossi. Inoltre, al riguardo, lo studio ha scoperto l’incremento della pratica del birdwatching  ossia guardare e dare da mangiare agli uccelli nel giardino di casa. Un insieme di scoperte che dà ancora più risalto all’importanza che gli animali hanno all’interno delle nostre vite. Essi si configurano come un supporto non solo morale ma anche fisico per incoraggiare i propri genitori umani a mantenersi attivi. Un valido contributo di cui non possiamo più fare a meno.

 

Benedicta Felice