Home News Grisù, il gatto cacciato dal treno: non era affatto un randagio

Grisù, il gatto cacciato dal treno: non era affatto un randagio

Grisù, il gatto che durante la notte è stato cacciato da un treno pensando che si trattasse di un randagio. Era di una coppia: aperta un’indagine, ma anche un grande riflessione sul gesto stesso.

Gatto Grisù Treno Indagini
Il gatto Girsù poco prima di essere cacciato dal treno (Facebook)

Prima di agire pensare o contare fino a dieci. Era un detto che già circolava ai tempi dei nostri nonni e un motivo, forse, c’era e c’è a tutt’oggi. Alcune volte non possiamo prendere decisioni affrettate o combiniamo dei veri casini. Com’è successo nel caso del gatto Grisù. Questo felino viaggiava a bordo di un treno che da Lecce era diretto a Torino. Durante la notte i padroni si sono addormentati, lui è riuscito a uscire dal trasportino e si è diretto per il vagone del treno. Lì è successo il fattaccio: qualcuno, alla stazione di Pescara, ha aperto le porte e lo ha lasciato andare. Ora l’indagine è aperte, e allo stesso tempo una grande riflessione sull’accaduto stesso.

Il gatto Grisù cacciato dal treno: e anche se fosse stato randagio avrebbe significato giustificare il gesto?

Gatto Grisù Treno Indagini
Un treno in partenza dalla stazione (Getty Images)

Un treno parte durante tarda serata, da Lecce diretto a Torino. A bordo c’è un gatto, all’interno di un trasportino, di nome Grisù. Durante la notte, l’intercity si ferma a Pescara e il gatto non è più dentro il suo trasportino, ma gira per i vagoni del treno. Qualcuno decide di cacciarlo.

LEGGI ANCHE >>> Sul tetto del treno si piazza il gatto: partenza rimandata

Non è una scena di un film, ma ciò che è successo qualche giorno fa durante la tratta di un treno intercity notte. Le indagini sono state aperte nei confronti di un capotreno, che, noncurante del gatto, avrebbe aperto lo sportellone e fatto scendere pensando si trattasse di un randagio. Dalle telecamere di sorveglianze, invece, potrebbe risultare altro: un passeggero al posto del capotreno stesso.

La coppia, che era partita da Lecce col suo bel micione a pelo lungo di 14 anni, è tornata a Pescare per seguire l’indagini. Intanto Aidaa (Associazione Italiana Difesa Animali e Ambiente) ha presentato un esposto, sotto forma di denuncia, nei confronti del capotreno in questione. Ma bisogno capire se il gesto compiuto è stato portato a termine da lui o da altri.

LEGGI ANCHE >>> Viaggiare in treno con il gatto: condizioni e consigli per far abituare il micio

L’altra riflessione da fare, mentre il povero gatto sarà nascosto, impaurito, chissà in quale altro posto, è un’altra: e anche se il gatto fosse stato randagio dovremmo essere giustificati a cacciarlo via da un treno e metterlo in pericolo? Dov’è finita la bontà d’animo o la cura per chi non conosciamo ma possiamo ben credere di essere o in pericolo o spaventato?

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.