Home News Nato senza un occhio e una narice, sospendono le richieste di adozione...

Nato senza un occhio e una narice, sospendono le richieste di adozione dopo un giorno

Un gatto nato senza un occhio e una narice cercava casa, solo il giorno dopo i volontari hanno sospeso le richieste di adozione

gatto nato senza occhio narice
Gatto nato senza un occhio e una narice: le sue richieste di adozione vengono sospese dopo un giorno (Foto Facebook)

Lo scorso mercoledì 23 febbraio, la Fairfield Area Humane Society, un’organizzazione in difesa degli animali con sede a Lancaster, una città nello stato dell’Ohio, ha pubblicato un post sulla propria pagina Facebook con lo scopo di trovare una famiglia ad un felino davvero unico.

Il suo nome è Eggbert, ed è un gatto nato senza un occhio e senza una narice.
Nella speranza di regalare un nuovo inizio al micetto, i volontari hanno postato le foto del felino e provato a descrivere la sua indole. A distanza di appena un giorno dalla pubblicazione del post, lo staff dell’associazione ha dovuto sospendere le richieste di adozione per il gattino.

Cercano casa per un gatto nato senza un occhio e una narice: sospendono le richieste dopo un giorno

sospendono richieste adozione gatto
Gatto nato senza un occhio e una narice: le sue richieste di adozione vengono sospese dopo un giorno (Foto Facebook)

Eggbert non è un micio come gli altri e i volontari di Fairfield Area Humane Society lo sanno bene. Il gattino di due anni nato senza un occhio e senza una narice è un’autentica forza della natura. Così i volontari hanno cercato di esprimere quanto sia speciale il felino e come nulla al mondo riesca a spegnere il suo animo forte e allegro.

“Eggbert è un angelo di gattino di 2 anni. È nato senza un occhio e una narice, ma a parte russare come una motosega, non lo rallenta neanche un po’! Lui è un vero amore e va d’accordo con altri gatti, cani e bambini. Ama dare testate, farsi grattare il mento e seguirti come un cucciolo di anatra.”

Lo staff ha fatto anche presente che la precedente famiglia del gatto li aveva informati su alcuni occasionali episodi di epilessia. I volontari hanno tenuto a precisare che, da quando era sotto la loro custodia, Eggbert non ha più avuto crisi epilettiche.

Potrebbe interessarti anche: Gatto sparito, ritrovato sotto il suo volantino di scomparsa – VIDEO

Il veterinario che ha visitato il micino non è riuscito ad individuare le possibili cause di questi attacchi, quindi non può escludere che in futuro possano verificarsi altri episodi.
L’organizzazione ha aggiunto che quando il felino avrà trovato casa, supporterà la futura famiglia dell’animaletto per monitorarlo e fornirgli tutte le cure necessarie.

“Lavoreremo a stretto contatto con il suo adottante per continuare a monitorarlo e curare l’epilessia se necessario. Se gli viene diagnosticata l’epilessia, il suo adottante dovrebbe essere pronto e disposto a somministrare farmaci e fare analisi del sangue di routine come raccomandato dal veterinario.”

Il post ha riscosso un interesse enorme e inatteso. E ancora più inaspettata è stata la comunicazione dell’associazione in cui si informava che le richieste di adozione per il gattino erano state sospese.

Potrebbe interessarti anche: Cucciolo ferito, un buon samaritano se ne prende cura – VIDEO

gatto nato senza occhio narice
Gatto nato senza un occhio e una narice: le sue richieste di adozione vengono sospese dopo un giorno (Foto Facebook)

Il motivo? In un solo giorno il gatto è stato adottato! Un aggiornamento del 26 febbraio, pubblicato dall’organizzazione sulla propria pagina Facebook, mostra la foto di Eggbert insieme ai suoi nuovi proprietari.

I nuovi padroni del felino non sono sconosciuti all’associazione, infatti Eggbert non è il primo micio che adottano dalla Fairfield Area Humane Society. In precedenza, la famiglia ha già adottato un gatto che era ospite della struttura. Quindi oltre ad una nuova casa, il micio avrà anche un fratellino a quattro zampe.

“Sappiamo che Eggy è nelle mani giuste. Non avrebbe potuto trovare casa migliore! Sarà amato e viziato. Grazie per aver scelto di nuovo l’adozione.”

Manuela Lucugnano