Home News Gatto riabbraccia la sua famiglia dopo mesi di conflitto in Ucraina –...

Gatto riabbraccia la sua famiglia dopo mesi di conflitto in Ucraina – VIDEO

Simba, il gatto rimasto in Ucraina durante il conflitto è arrivato all’ENPA: nel video condiviso lo si può vedere mentre “riabbraccia” la sua famiglia

gatto riabbraccia famiglia conflitto Ucraina video
Simba arrivato in Italia (Enpa Onlus – YouTube)

Simba è il nome del gatto che fino a poco tempo fa viveva pacificamente con i suoi due proprietari, Svetlana ed Enzo. Lei è ucraina e lui è di origine italiane e la coppia vive in Italia con una figlia. Nel momento in cui scoppia il conflitto in Ucraina, però, si trovano a Leopoli, ospitati a casa della famiglia della donna. Come tantissime altre persone, i due salgono in macchina, si stringono per far posto alla nonna, alla figlia, a tre nipoti piccoli e cercano di scappare. Simba, però, non ha mai amato viaggiare in macchina ed ha sempre odiato il trasportino e quindi non vuole partire.

Gatto riabbraccia la sua famiglia: il tutto grazie all’intervento dell’ENPA

svetlana intervista ENPA gatto guerra Ucraina
Svetlana durante l’intervista (Enpa Onlus – YouTube)

Svetlana, molto in difficoltà per la situazione critica decide di affidare il gatto ad un vicino di casa intenzionato a restare sul posto. Nessuno però in quel periodo riusciva ad immaginare l’entità del conflitto. Infatti, quando i proprietari, ormai in salvo in Italia,  comprendono appieno l’evoluzione della guerra, iniziano a temere per il gatto e si attivano in tutti i modi per chiedere aiuto. Una delle associazioni contattate dai due è l’ENPA, la quale si incarica della situazione e fa di tutto per riportare Simba tra le braccia di Svetlana e di Enzo.

Ti potrebbe interessare anche >>> Cucciolo di cane soccorso dalla strada: era in condizioni pietose – VIDEO

“Abbiamo contattato la PETA con la quale collaboriamo per la campagna Cruelty Free Cosmetics, che a sua volta ha contattato la PETA Germany presente a Leopoli e i volontari Daniel e Petya hanno recuperato Simba e lo hanno portato in Polonia. Restava da coprire il tragitto fino in Italia. Negli stessi giorni, sulla mail ucraina@enpa.org, alcune persone di Roma ci hanno scritto dando la disponibilità a portare in Italia qualcosa o qualcuno dall’Ucraina. Le persone giuste per portare Simba a Roma. Li abbiamo contattati e l’ultima tappa del viaggio che ha riportato Simba a Svetlana è stata coperta con successo”, ha affermato Carla Rocchi, Presidente nazionale dell’ENPA.

Ti potrebbe interessare anche >>> Ucraina: Husky ritrovato da un soldato, il post diventa virale

I volontari che hanno portato Simba nella sede dell’ENPA sono Marco e Valentina di Roma, rispettivamente di Bon’t Worry ONLUS e Centro Ippico Cavallino Bianco. Ad attenderli, ovviamente, c’era Svetlana che non vedeva l’ora di riabbracciare il suo cucciolo. La donna, come è possibile vedere dal video, ha poi ringraziato tutti per questo gesto davvero magnifico.