Home News Insistono per adottare un cucciolo, lo restituiscono in fin di vita

Insistono per adottare un cucciolo, lo restituiscono in fin di vita

Una famiglia che aveva insistito per ottenere l’adozione un cane, dopo averlo preso in custodia lo ha restituito in fin di vita

cane riconsegnato fin vita
Juanito, il cane maltrattato dalla famiglia e riconsegnato in fin di vita (Foto Instagram)

Una storia assurda e orribile è accaduta in Argentina.
Una delle cose più belle che potesse capitare ad un cagnolino di un rifugio, trovare una famiglia è diventata un incubo dal quale sembrava non poter più uscire.

Il protagonista di questa triste vicenda si chiama Juanito. Il cane sembrava aver trovato chi lo aspettava da sempre. Una famiglia si era fatta avanti per adottarlo. La coppia che lo aveva scelto sembrava voler a tutti i costi far diventare quel tenero cucciolo un membro effettivo della loro famiglia.

I potenziali adottanti hanno insistito con tutte le loro forze per riuscire nel loro intento. E ce l’avevano fatta! Juanito era diventato il loro animale domestico.
Un sogno che finalmente diveniva realtà, o meglio questo sembrava.

Il cagnolino era entrato nelle loro vite, nella loro casa, ma non nel loro cuore.
Invece di conoscere l’amore e le attenzioni di una famiglia amorevole, Il Fido ha conosciuto solo l’indifferenza e i maltrattamenti di persone crudeli e superficiali.

La scelta dei suoi proprietari di adottarlo stava per costare la vita al povero cucciolo, che quando è stato consegnato al rifugio era in condizioni disperate.

Famiglia insiste per adottare un cane, lo riconsegnano in fin di vita

famiglia insiste adottare cane
Il cane quando è stato consegnato versava in gravi condizioni (Foto Instagram)

Juanito già in passato era stato salvato da una vita di difficoltà e sofferenze.
Il cagnolino era stato recuperato quando era solo un cucciolo da un’organizzazione locale, la Missed Huellitas.

Il Fido era stato poi adottato da una coppia che ha fortemente insistono per ottenere l’affido, sostenendo che Juanito fosse “il cucciolo ideale per la loro famiglia”.

Dopo la sua adozione, l’organizzazione ha più volte chiesto ai proprietari informazioni sul cane e di ricevere sue foto. Ma a differenza di altri adottanti, la famiglia non si è mai preoccupata di inviare scatti del cucciolo e si limitava a rispondere: Juanito sta bene”.

Durante una conversazione con il proprietario, l’uomo aveva ammesso che il cane aveva dei problemi alla pelle, ma aveva dichiarato di averlo portato dal veterinario per fornirgli le opportune cure.

Potrebbe interessarti anche: Chiude il cane nel sottosella del motorino e va in ospedale

L’organizzazione però, non fidandosi delle dichiarazioni dell’uomo, ha contattato il veterinario, scoprendo che aveva mai visitato il povero Fido. Preoccupati per la salute del cagnolino, i volontari si sono recati a casa degli affidatari.

Durante l’incontro, il padrone ha asserito che si sarebbe preso cura dell’animale.
Ma vedendo le condizioni disperate in cui versava il cane, l’organizzazione ha deciso di sottrarlo alla famiglia.

La scorsa settimana, il cagnolino è stato riportato al rifugio. Il cane aveva la scabbia, mostrava febbre, sepsi e tremori. Era malnutrito e tutto il suo corpo era ricoperto di croste. Il collare era sporco di fango, e presentava segni che dimostravano di aver trascorso molto tempo legato.

Potrebbe interessarti anche: Lagertha, il cane lasciato a marcire in una gabbia dopo il trasloco

La Missed Huellitas, delusa e infuriata, dal comportamento dei suoi umani, ha riportato la triste storia di Juanito sul proprio profilo social:

” Abbiamo dato la nostra fiducia a una famiglia che ci ha riconsegnato un cane in queste condizioni, non riusciamo a descrivere come ci sentiamo.”
“Si nasconde, ha paura, e quella piccola scatola è il suo rifugio. Non parla, ma il suo comportamento ci fa capire molto. Vogliamo che questo caso non rimanga impunito”.

L’organizzazione condivide continui aggiornamenti sullo stato del povero cagnolino. Juanito sta migliorando poco a poco. Solo l’altro ieri, l’associazione ha pubblicato i grandi progressi che il cucciolo ha fatto in soli sei giorni.

Adottare un cane è una scelta che va ben ponderata, poiché, come questa vicenda ci insegna, le conseguenze di una decisione così importante presa alla leggera ha delle conseguenze inaccettabili.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

M. L.