Home News Lotta contro l’abbandono: “Io credevo in te” (VIDEO)

Lotta contro l’abbandono: “Io credevo in te” (VIDEO)

Un nuovo corto contro l’abbandono degli animali, creato da Nunzio Bellino e girato da Giuseppe Cossentino

Cagnolino (Foto Pixabay)
Cagnolino (Foto Pixabay)

Inizia la stagione estiva, che quest’anno come del resto quello precedente, salvo restrizioni causa pandemia, si svolgerà nella normalità che tanto aspettavamo.

Mare, serate tra amici, pranzi spensierati in riva ad un lago, passeggiate all’aria aperta dei parchi, e soprattutto vacanze. Aspettiamo ansiosi i tre mesi caldi per sognare il posto più ambito dalla nostra fantasia e finalmente prenotare la tanto attesa villeggiatura.

Come però tutte le estati un grave problema incombe sulle nostre teste: l’abbandono dei nostri amici a quattro zampe.

Con estremo egoismo, poco tatto e ancor meno umanità gli animali vengono lasciati in luoghi desolati, dimenticati a se stessi e con poche speranze di sopravvivere, perché le torride temperature non gravano solo sugli esseri umani.

Con il pagamento di una multa che può andare dai mille ai diecimila euro, e l’arresto fino ad un anno di reclusione, secondo l’art. 727 del Codice penale, l’abbandono degli animali è punibile severamente.

L’abbandono, oltre ad essere un’orribile piaga della nostra società, è anche un atto che provoca pericoli, come malattie, venute per le pessime condizioni sanitarie nelle quali si ritrovano a vivere, trasmesse agli animali da bestiame, o incidenti provocati da questi poveri cuccioli che non sanno dove andare.

Molte le iniziative che ogni anno cercano di sensibilizzare e lottare contro queste barbarie.

Potrebbe interessarti anche: Cane lasciato in auto sotto il sole: proprietario denunciato per abbandono

“Io credevo in te”, il corto per sensibilizzare contro l’abbandono

Fotogramma corto contro abbandono animali (Screen Video)
Fotogramma corto contro abbandono animali (Screen Video)

Nunzio Bellino, personaggio televisivo, che é il volto in questa iniziativa insieme al suo cagnolino Chicco, e Giuseppe Cossentino sceneggiatore e regista, portano all’attenzione questo problema attraverso un corto.

Con le riprese fatte tra Castel Volturno e Napoli, i due tramite commozione e delicatezza cercano di far capire quale orribile gesto sia.

Il video inizia con un uomo anziano, che anche se con incertezza, decide di abbandonare il proprio amico a quattro zampe vicino un rudere desolato. L’animale viene poi trovato da un uomo (Nunzio Bellino) che deciderà di prendere con se il cucciolo.

Non c’è peccato più vergognoso che l’ingannare chi crede in te!” queste le parole commosse nel video di Bellino, che conclude dicendo: “Stop all’abbandono dei cani!“.

Ed è proprio questo che vogliono sia chiaro, i nostri animali domestici ci concedono la loro fiducia e noi non possiamo voltargli le spalle, in nessun caso.

Potrebbe interessarti anche: Husky anziano va in depressione dopo l;abbandono; VIDEO

Le parole di Nunzio Bellino e Giuseppe Cossentino

Nunzio Bellino e Chicco nel corto (Screen Video)
Nunzio Bellino e Chicco nel corto (Screen Video)

È stata un’esperienza bellissima, ringrazio Giuseppe Cossentino che l’ha resa possibile” dichiara Nunzio Bellino. “Ciò che conta è il messaggio che vogliamo diffondere. In questi mesi , abbiamo vissuto momenti difficili” racconta preoccupatoil rischio è che i cani siano vittime di abbandoni più degli altri anni. Vivono con noi tutto l’anno, fanno parte della famiglia, e devono continuare a esserlo anche in vacanza“.

Non è tollerabile che si dimentichi l’affetto e la compagnia che hanno donato ai loro padroni durante i lunghi mesi trascorsi chiusi in casa!” conclude speranzoso che il suo messaggio arrivi forte e chiaro: “Portiamoli con noi sempre, anche loro sono la nostra vacanza“.

Amo i cani e gli animali in generale; l’ abbandono degli amici pelosetti è un atto vergognoso e va denunciato” si pronuncia categorico invece Giuseppe CossentinoMancanza di civiltà e arretratezza culturale sono all’origine dell’abominevole fenomeno dell’abbandono degli animali“.

E risponde così, alla domanda di come sia stato dirigere un cane: “In questo lavoro ci ho messo davvero cuore e anima, anche è la prima volta che dirigo un cane sul set. E devo dire che un cane ed è stato anche divertente“.

L’obbiettivo e il messaggio del corto è ben preciso: Stop all’abbandono degli animali.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

F.D.M