Home News Vandali distruggono il nido e le uova: mamma cigno si lascia morire

Vandali distruggono il nido e le uova: mamma cigno si lascia morire

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:46
CONDIVIDI

Vandali distruggono uova, mamma cigno muore di dolore dopo essere stata abbandonata anche dal compagno

cigno mamma uova
Mamma cigno morta dopo la distruzione delle sue uova @Facebook

Una coppia di cigni viveva indisturbata lungo le sponde del canale di Kearsley a Manchester nel Regno Unito. Nel periodo della primavera ed estate come ogni anno si verifica la stagione riproduttiva. La coppia di cigni condivide ogni cosa, provvede a covare le uova, alternandosi per procacciare il cibo e successivamente a prendersi cura dei pulcini. Purtroppo, il delicato equilibrio di queste creature è stato alterato proprio quando da lì a poco sarebbero nati i pulcini.

Il nido è stato oggetto di un atto vandalico da parte di un gruppo di adolescenti che, lanciando dei mattoni nel canale, hanno rotto alcune uova che stavano per schiudersi, uccidendo i pulcini che non sono sopravvissuti. Dopo quest’episodio, il maschio, stressato si è allontanato dal nido, lasciando la madre covare altre tre uova che non erano state danneggiare. Alla fine, solo un uovo si è schiuso e mamma cigno provata dall’esperienza traumatica e dall’abbandono del compagno, non ce l’ha fatta.

Secondo quanto denunciano i volontari che la monitoravano, l’esemplare a distanza di pochi giorni dalla schiusa, si è lasciata morire di crepacuore.

E’ quanto denunciato da un cittadino indignato dalla morte dell’esemplare femmina, pubblicando un post su Facebook:

“Questo post lo scrivo in un momento di grande tristezza. Ho cercato di tenervi aggiornati su questo cigno che ha deposto sei uova: tre sono state distrutte dai giovani, la mamma cigno è stata poi infastidita da dei cani, da delle anatre e altre due uova sono andate perdute lasciandone solo uno. Il suo compagno stressato l’ha lasciata sola. Purtroppo sono stato informato questa mattina che la mamma cigno è stata trovata morta. Ho voglia di piangere perché ho seguito tutta la sua storia, per circa 12 settimane”, scrive Michael James Mason.

Il caso ha sollevato indignazione e sul caso stanno ora indagando le autorità locali che hanno chiesto a chiunque informazioni utili per individuare l’autore del gesto. Un’associazione animalista locale ha anche messo una taglia di 1000 sterline per ritrovare i responsabili.
Sul caso è intervenuta anche la società di protezione animali britannica, la Rspca – Society for the Prevention of Cruelty to Animals che dopo aver comunicato quanto accaduto ha annunciato di aver avviato delle indagini, ricordando che “i cigni, i loro nidi e le loro uova sono protetti dal Wildlife and Countryside Act del 1981”.

Ti potrebbe interessare–> Animali monogami: le specie più fedeli al partner

Cigni monogami

Esistono diverse specie di cigno, tra le quali il cigno selvatico o canoro, il cigno di Bewick o cigno nano, il cigno reale e il cigno nero.Il cigno selvatico è più robusto delle altre specie. Vive in Europa ma anche nell’Asia settentrionale e quando arriva il freddo, migra in alcuni regioni più miti mentre è stanziale in altre regioni per cui viene spesso monitorato quando vi sono delle stagioni molto fredde.  Una specie poco socievole che in realtà si lega molto. I cigni sono infatti una delle tante specie monogami. Ovvero, una volta che si è formata la coppia, restano insieme tutta la vita e arrivano anche a lasciarsi morire dopo la morte del compagno.

In natura, il patto monogamo è conveniente per la sopravvivenza della specie, per difendersi a vicenda e per allevare i cuccioli. I genitori infatti condividono l’impegno e si alternano sia nel covare che nel prendersi cura dei pulcini durante la loro crescita. Sono genitori molto attenti e di norma costruiscono il nido su un isolotto in mezzo all’acqua o tra le canne e piante acquatiche. Le uova vengono deposta di norma tra aprile e maggio mentre i pulcini nascono nella prima settimana di luglio.

 

Pubblicato da Michael James Mason su Giovedì 18 giugno 2020

 

C.D.