Home News Napoli: salvati 22 cuccioli di cane in un centro di tolettatura

Napoli: salvati 22 cuccioli di cane in un centro di tolettatura

A Napoli, 22 cuccioli di cane sono stati salvati dalle forze dell’ordine in un centro per la tolettatura: erano in cattive condizioni.

cani salvati napoli
Cuccioli al centro per la tolettatura (Facebook – TV medica)

Quello che doveva essere un normale controllo di routine sanitario si è trasformato ben presto in un operazione di salvataggio. Difatti, ben 22 cuccioli di cane sono stati trovati e poi salvati dai veterinari dell’Asl Napoli 1 Centro. Gli animali sono stati trovati in condizioni critiche, malnutriti e disidratati, in un centro di tolettatura situato nell’area orientale del capoluogo campano. Erano tenuti in posti angusti e poco igienici, ma per fortuna la vicenda è finita per il meglio.

22 cuccioli di cane salvati a Napoli in un centro di tolettatura: sono in condizioni critiche ma stabili

cani salvati napoli
Barboncino (Unsplash)

La razza protagonista di questa vicenda è il barboncino. Molti cuccioli ritrovati nella clinica non avevano ancora compiuto 30 giorni di vita. Difatti, durante la prima visita presso l’Asl, i veterinari hanno notato che i cagnolini che sono stati strappati alla mamma troppo presto, non avevano ricevuto le adeguate cure parentali. “Hanno irreparabilmente perso tutto il corredo di conoscenze che la madre trasferisce ai cuccioli, utili per un ottimale interazione con l’ambiente», hanno spiegato i responsabili.

Ti potrebbe interessare anche >>> Gatto rischia la vita a causa del suo collare – VIDEO

Come per i cuccioli, anche i cani adulti del gruppo sono stati trovati in condizioni igienico sanitarie critiche: disidratazione e malnutrizione. Dopo i primi controlli hanno anche rilevato che solo 6 su 22 cani, erano iscritti all’anagrafe canina della Campania, ovvero erano provvisti di microchip. Il centro di tolettatura non era di certo a norma e sprovvisto di autorizzazioni per l’allevamento e la vendita di animali. La città di Napoli non è nuova al commercio clandestino di cani, già a gennaio era avvenuto un altro blitz.

Ti potrebbe interessare anche >>> Pet therapy: a Bari il programma aiuta i bambini malati

A causa di queste imprese clandestine, a farne le spese sono i cuccioli di razza popolari come i barboncini o i Bouledogue francesi solitamente. Tenuti in condizioni critiche per la loro salute, molte persone, quando acquistano un cane, non si rendono conto della macchinazione criminale che c’è dietro. Specialmente nell’est-Europa, migliaia di esemplari femmina esistono solo per dare alla luce cuccioli.