Home News New York vuole la chiusura dei mercati umidi: la città ha 80...

New York vuole la chiusura dei mercati umidi: la città ha 80 Wet Market

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:12
CONDIVIDI

I Wet Market non sono diffusi solo in Asia e in Africa ma in tutto il pianeta ed ecco perché moltissime associazioni hanno esortato la chiusura di tutti i mercati di animali vivi constatando che a New York ce ne sono più di 80.

New York chiesta la chiusura dei Wet Market
Chiesta la chiusura dei Wet Market di New York la Città ne ha più di 80

Anche a New York esistono i Wet Market, ovvero i mercati di animali vivi dove delle povere creature vengono esposte vive per la propria carne. Anche alla città di New york quindi è stato richiesto di chiudere quelli che nel mondo sono definiti i mercati dell’orrore.

Chiesta la chiusura dei wet market di New York

galline
Chiesta la chiusura dei Wet Market di New York la Città ne ha più di 80

In questo buio periodo nel quale l’epidemia di Covid-19 dilaga e si cercano le cause, e si ipotizza che l’origine del virus e la conseguente pandemia abbia avuto origine da un mercato umido a Wuhan, in Cina, verso la fine del 2019 e che da allora si sia diffuso a livello globale infettando e uccidendo moltissime persone.

Ciò ha portato moltissime persone e la gran parte delle organizzazioni a chiedere il divieto dei mercati Wet Market , che sono presenti nei paesi di tutto il mondo. E ora anche New York deve affrontare la richiesta di chiudere i suoi mercati.

L’organizzazione di patrocinio Slaughter Free NYC ha infatti affermato che nella città sarebbero presenti più di 80 mercati umidi e che le loro posizioni preoccupano molto tutti i cittadini dato che si trovano in prossimità di scuole, case e parchi.

Molti gruppi hanno iniziato a manifestare contro questi mercati e un portavoce del Slaughter Free NYC ha dichiarato “Numerosi mercati di animali vivi a New York hanno ripetutamente ricevuto citazioni per carenze, tra cui lo stoccaggio di attrezzature in modo da impedire una corretta pulizia, consentendo l’accumulo di carne secca su tritacarne, la conservazione di articoli deperibili a una temperatura errata, consentendo l’accumulo di sporcizia sulle superfici a contatto con gli alimenti e la mancanza di un sistema di sterilizzazione e un’arma.”

Linda Rosenthal, membro dell’Assemblea dello Stato di New York ha affermato che secondo il suo parere l’intero settore che riguarda i Wet Market dovrebbe assolutamente essere rivisto.

La donna essendo membro dell’assemblea che si sta occupando della nuova legislazione statale ha espresso il proprio parere asserendo:” Non penso che sia il posto giusto in una città densamente popolata come New York per avere questi mattatoi“.

E questo diventa particolarmente importante e pericoloso dato il Covid-19 dal quale sappiamo che molte malattie passano dagli animali alle persone, specialmente quando specie diverse di animali convivono e vengono uccisi negli stessi spazi così come accade in molti di questi macelli e mercati urbani”.

View this post on Instagram

⁣ ⁣ Scientists have estimated up to 75% of infectious diseases have originated in animals, including recent outbreaks of Ebola, MERS and SARS.⁣⁣ ⁣⁣ In NYC – the global epicenter of the COVID-19 pandemic – there are roughly 80 licensed live animal markets, according to the NY State Dept. of Agriculture and Markets which regulates the facilities.⁣⁣ ⁣⁣ Many of these markets operate in close proximity to schools, homes, and parks.⁣⁣ ⁣⁣ A bipartisan group of Congressional leaders, including NJ Senator @corybooker, have written the @who to "take aggressive action toward a global shutdown of live wildlife markets," calling them a "threat to global public health."⁣⁣ ⁣⁣ @physicianscommittee also urged the @u.s.surgeongeneral to request the closure of live animal markets.⁣⁣ ⁣⁣ "The whole industry needs to be re-evaluated," said @lindabrosenthal_67. "I don't think it's the proper place in a densely populated city like NY to have these slaughterhouses."⁣⁣ ⁣⁣ Several live animal markets in NYC have repeatedly received citations for deficiencies, including storing equipment in a manner that inhibits proper cleaning, allowing the buildup of dried meat on meat grinders, storing perishable items at the wrong temperature, allowing grime to accumulate on food contact surfaces, and lacking a knife sterilization system. They're still allowed to operate despite a law banning new slaughterhouses from opening within 1,500 feet of a residence.⁣⁣ ⁣⁣ "If for public health reasons, we can't provide new licenses, why are any of them allowed to operate in this densely populated city?" @jillcarnegie said. "We have seen so many outbreaks before that have jumped to humans from animals. There is an equal risk in keeping domestic animals in a situation where the public can interact with them with no protective gear. Wet markets in NYC are clear disease vectors."⁣⁣ ⁣⁣ Full article by @danielleleighnews (of @abcnews) in bio.

A post shared by Slaughter Free NYC (@slaughterfreenyc) on

Potrebbe interessarti anche:

L.L.