Home News Obi, il cucciolo di cane rischia l’eutanasia perché cieco: il salvataggio

Obi, il cucciolo di cane rischia l’eutanasia perché cieco: il salvataggio

Si chiama Obi il cane a rischio eutanasia perché cieco: il commovente appello mescola le carte in tavola rivelandosi un emozionante salvataggio.

Obi cane cieco eutanasia
Obi triste in primo piano (Facebook – Royal Dog Rescue)

A quattro mesi il cucciolo di Rough Collie si è trovato ad un bivio tra la vita e la morte. Completamente cieco dalla nascita, Obi, sarebbe stato condannato a un crudele destino poco dopo essere venuto al mondo. Trasportato in una clinica veterinaria, dai suoi proprietari, per essere abbattuto – Obi è presto divenuto il protagonista di una campagna di solidarietà propagatasi con incredibile velocità sui social network.

Obi, il cucciolo di cane rischia l’eutanasia perché cieco: il salvataggio

Obi cane cieco eutanasia
Obi torna a essere felice (Facebook – Royal Dog Rescue)

La situazione della varietà di pastore scozzese dal pelo lungo, caratterizzato per natura da gentilezza e lealtà, è stata presa in carico dall’organizzazione non-profit, Royal Dog Rescue, con base a Trim, un’importante cittadina dell’Irlanda.

Potrebbe interessarti anche >>> La cagnolina Dalla cerca una famiglia: vuole fuggire dal box in cui è reclusa 

La medesima associazione, situata nella zona centro-orientale della nazione, si sarebbe rivelata di gran lunga sorpresa nel ricevere una smisurata quantità di richieste in difesa della vita del cucciolo di Rough Collie.

Appena dodici ore fa – in seguito alla pubblicazione della dolce e malinconica immagine di Obi divenuta virale in rete in soli due giorni – la notizia della presa in carico del suo salvataggio ha emozionato i responsabili dell’organizzazione irlandese, che ha sottolineato “oggi è stato un grande giorno per Obi“.

Le segnalazioni degli utenti avrebbe giocato un ruolo fondamentale per evitare che Obi incorresse nel rischio di eutanasia. Le richieste dell’organizzazione “sopraffatta” dall’ingente quantità di obiezioni alla morte di Obi, si sono concentrate – in sole quarantott’ore – nel cercare una famiglia che potesse accogliere il docile esemplare di quattro zampe. Obi necessitava, infatti, di un altro cane guida che potesse fare lui compagnia e aiutarlo a vivere quanto più autonomamente la sua quotidianità.

Potrebbe interessarti anche >>> Pluto in gravi condizioni: salvato il cane che rischiava di perdere la mobilità 

Dopo una lunga nottata, la Royal Dog Rescue, ha condiviso con gli utenti il verdetto. “La preoccupazione“, per Obi, “è finita“. Il nucleo familiare di cui fa parte la rassicurante Trish, nuova compagna di avventure di Obi, ha felicemente accolto l’esemplare. Il quale avrebbe già imparato a salire i primi gradini da solo e senza difficoltà.