Nota un piccolo animale rosa per la strada: si avvicina e resta senza parole

Foto dell'autore

By Elisabetta Guglielmi

News

Un motociclista dopo aver notato un piccolo animale rosa in strada si è fermato per capire di cosa si trattasse: l’incredibile avvistamento.

armadillo rosa incontro strada
Armadillo rosa avvistato in strada (Screenshot video Instagram – hugo_ reguero – amoreaquattrozampe.it)

È mattina presto. Un motociclista sta percorrendo le strade argentine ancora deserte, quando un piccolo animale dal manto rosa sta per passare proprio davanti alle ruote del suo veicolo. L’uomo riesce a frenare in tempo, si ferma e scende dalla moto. La sua attenzione infatti è stata catturata dalla particolarità dell’animale che ha visto sulla strada.

Motociclista avvista un piccolo animale davvero particolare: le immagini del raro armadillo rosa

armadillo rosa raro strada
Esemplare di armadillo rosa avvistato da un motociclista (Screenshot video Instagram – hugo_ reguero – amoreaquattrozampe.it)

L’incontro con il rarissimo esemplare è avvenuto lungo una strada sterrata deserta in Argentina, nella città di Añelo (situata nella provincia di Neuquén, capoluogo dell’omonimo dipartimento, all’estremità nord-occidentale della Patagonia argentina).  Il filmato che testimonia l’avvistamento dell’animale è stato girato dallo stesso motociclista, Hugo Reguero, sulla propria pagina Instagram all’account social @hugo_ reguero. Così si legge nella didascalia posta a corredo del filmato condiviso su Instagram: «Sono stato una persona fortunata: stamattina ho visto per la prima volta e lo puoi vedere qui nella provincia di Ciudad di Neuquén Añelo: condividi così puoi conoscere questo animale molto difficile da vedere ed è in pericolo di estinzione».

armadillo rosa motociclista incontro
Esemplare di piccolo armadillo rosa avvistato da un motociclista in strada (Screenshot video Instagram – hugo_ reguero – amoreaquattrozampe.it)

Come spiegato da Hugo Reguero, l’animale avvistato è un esemplare di armadillo rosa fata. Questa specie di armadillo, nota come “clamidoforo troncato” (nome scientifico di Chlamyphorus truncatus secondo la classificazione tassonomica di Harlan del1825), è un armadillo appartenente alla famiglia dei Dasypodidae e unica specie del genere Chlamyphorus. Questi armadilli sono diffusi in Sud America, dove sono noti con il nome di “pichi ciego” o semplicemente”armadillo rosa” per via della loro insolita colorazione rosata.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Hugo Reguero (@hugo_reguero)

L’armadillo fate rosa si distingue dagli altri armadilli per alcune caratteristiche specifiche, quali ad esempio il guscio dorsale flessibile (molto più rispetto alle altre specie di armadillo) che in caso di pericolo può essere “arricciato” fornendo protezione dai predatori. Dalle dimensioni corporee ridotte (non superiori in genere ai dieci centimetri di lunghezza), gli armadilli hanno artigli forti sulle zampe anteriori, che utilizzano per scavare e cercare cibo, come insetti e larve nel terreno.

Questa specie è inserita tra gli animali in pericolo di estinzione, dovuta alla perdita di habitat (determinata dal degrado dell’espansione agricola e dall’urbanizzazione) e al bracconaggio. Sapendo quanto sia difficile individuare uno di questi esemplari, Hugo Reguero ha mostrato la sua gioia nell’essere riuscito a vederlo. Come ha raccontato sul profilo Instagram, Hugo ha aspettato pazientemente che l’armadillo attraversasse la strada, evitando così che gli automobilisti potessero investirlo. Così Hugo ha raccontato in un’intervista a The Dodo: «Ho aspettato che scendesse dalla strada, quindi non gli è successo nulla. Poi me ne sono andato».

The Dodo ha contattato la presidente del gruppo di specialisti Formichieri e armadilli dell’IUCN SSC, Mariella Superina, per avere maggiori informazioni in merito all’animale avvistato. La dottoressa ha confermato che l’animale visto da Hugo Reguero è un armadillo delle fate rosa: «è un grande privilegio vedere una di queste piccole creature in natura! Hugo Reguero ha filmato l’animale, ma non lo ha toccato o disturbato e questa è la cosa giusta da fare!». (di Elisabetta Guglielmi)

Impostazioni privacy