Quando il predatore li accerchia sentono di non avere scampo finché un piccolo eroe arriva in loro aiuto

Foto dell'autore

By Giada Ciliberto

News

Un predatore accerchia in modo minaccioso il gruppo: durante l’attacco un piccolo eroe interviene in loro aiuto battendosi per la loro vita.

Quando il predatore li accerchia sentono di non avere scampo finché un piccolo eroe arriva in loro aiuto
Quando il predatore li accerchia sentono di non avere scampo finché un piccolo eroe arriva in loro aiuto

Quanto accaduto in Antartide ad un pacifico gruppo di pinguini imperatore e a un predatore, dopo essersi ritrovati entrambi ad abitare la superficie della stessa calotta antartica, non avrebbe potuto fare a meno di generare una forte reazione di stupore in milioni di spettatori. L’intero episodio, oltre ad essere stato ricostruito dalla stampa internazionale, è stato anche immortalato da alcuni ricercatori. Questi ultimi pare si trovassero – in quell’esatto momento – in perlustrazione della calotta e, infine, avrebbero deciso di condividere l’incredibile accaduto con grande risonanza.

Un uccello predatore accerchia il gruppo di pinguini: il piccolo eroe intervenie per aiutarli

Il gruppetto di pacifici pinguini imperatore – protagonisti di quest’avventura in Antartide – ha dovuto improvvisamente confrontarsi con l’inattesa presenza di un esemplare, dallo sguardo arcigno, di petrello antartico.

Petrello antartico assieme al gruppo di pinguini sul ghiaccio
Il Petrello antartico (YouTube Про животных и не только!!! – Amoreaquattrozampe.it)

Il petrello antartico (anche noto come Thalassoica antarctica) fa parte della famiglia delle Procellariidae e – in quel momento – aveva probabilmente deciso di spostarsi in direzione della nuova calotta polare essendo affamato e pertanto alla disperata riceca di cibo. Il petrello antartico non ha soltanto una corporatura più massiccia del pinguino imperatore, ma rappresenterebbe – in natura – anche un pericolo per questi adorabili mammiferi.

Se vuoi saperne di più, leggi il nostro approfondimento sul tema>>> La storia del pinguino Dimdin: un’amicizia lunga 11 anni

In pochi attimi – infatti – la convinvenza venutasi a creare tra le due specie si è trasformata in un clima ostile di tensione e paura. Nelle immagini in movimento si intravedono i pinguini imperatore indietreggiare lentamente e formare un cerchio per proteggersi da un eventuale attacco del petrello antartico. Ancora qualche istante e il presagio si sarebbe rivelato realtà, mettendo in grave pericolo l’incolumità di uno dei membri del gruppo.

Il petrello antartico fa un passo indietro

Se di recente è stato ufficializzato l’inserimento del pinguino imperatore tra le specie protette, in questo caso la specie protetta – però – non si trovava in balia del terrore generato dall’essere umano, quanto da un altro animale abituato tendenzialmente a sorvolare le vicine zone della baia del Mare di Ross.

Gruppo di pinguini imperatore accerchiati da un uccello
L’attacco ai pinguini (YouTube Про животных и не только!!! – Amoreaquattrozampe.it)

Come si evince dalle immagini riportate dal filmato condiviso su YouTube: lo scontro con l’esemplare di petrello antartico e il gruppo di pinguini ha visto i suoi equilibri ribaltarsi grazie al pronto intervento – in corsa – di un coraggioso pinguino di Adelia. Il piccolo esemplare ha pemesso che l’affronto a uno dei pinguini imperatore si risolvesse nel migliore dei modi, convincendo il petrello ad allontanarsi dalla sua preda. Il tutto, dunque, si è risolto grazie al coraggio del pinguino di Adelia nel fronteggiare un animale molto più grande e molto forte di lui.

Il gesto del pinguino di Adelia, finalizzato a proteggere i suoi amici – appartenenti sì a una specie diversa dalla sua, ma molto consimili a lui – ha sorpreso molte persone lasciando che il video raggiungesse, dal momento della sua prima visualizzazione in rete, oltre 1,6 milioni di visualizzazioni. Grazie al tempismo del pinguino di Adelia, dunque, tutti i componenti del gruppo sono riuscito a sfuggire dall’attacco del petrello atlantico.

Impostazioni privacy