Home News Senzatetto rifiutano di andare in ostello senza la compagnia dei loro cani

Senzatetto rifiutano di andare in ostello senza la compagnia dei loro cani

Senzatetto rifiutano di essere aiutati e di andare in ostello senza la compagnia dei loro cani: la vicenda commuove il web

senzatetto rifiutano andare ostello senza compagnia cani
Senzatetto (Pixabay)

L’inverno è un periodo dell’anno che rende i senzatetto e i loro animali molto più vulnerabili di quello che sono già. Molto di loro, poi, preferiscono dormire al freddo per strada piuttosto di entrare in alloggi e ostelli che non permettono l’ingresso agli animali. Questa situazione è molto nota in tutte le città brasiliane ma, come vedremo presto, il Governo dello Stato sudamericano non sembra intenzionato a cambiare modo di agire in questo ambito.

Senzatetto decidono di non andare in ostello senza la compagnia dei loro cani: l’episodio ha fatto il giro del web

ragazzo senza fissa dimora cane vivono strada
Senzatetto con cane (Pixabay)

Come detto in precedenza, molti senzatetto rifiutano gli aiuti delle associazioni per poter rimanere al fianco dei proprio animali domestici. In questo senso, il sacerdote Julio Lancellotti, è favorevole al fatto che i senzatetto possano dormire nei rifugi con i loro animali domestici, anche se si tratta di luoghi adibiti per altri fini. L’uomo di Chiesa da anni sostiene la causa dei senza fissa dimora, accogliendoli nei suoi alloggi anche se accompagnati dagli animali.

Ti potrebbe interessare anche >>> Bibliotecaria nota un piccolo pipistrello addormentato tra i libri

Il sacerdote, la scorsa settimana ha condiviso sui suoi canali social un documento formulato direttamente dal Governo del Brasile il quale deve essere firmato dai senza fissa dimora che rifiutano di alloggiare per i più svariati motivi. Nel documento ci sono tre voci con una sola possibilità di compilazione, ovvero: distanza dal posto vacante, impossibilità di portare con sé l’animale domestico e altro.

Ti potrebbe interessare anche >>> Cane porta il pranzo al proprietario sul posto di lavoro tutti i giorni – VIDEO

Secondo il sacerdote questo tipo di atto burocratico è stato finalizzato dallo Stato brasiliano per fare in modo di lavarsene le mani e di non prendersi le colpe nell’ambito dell’inadeguatezza delle cure offerte ai più bisognosi. Effettivamente, l’unico modo di interpretare questa scelta governativa è questa. Non ci sono scuse. Purtroppo per i senzatetto e per i loro animali in Brasile la vita è dura già di suo, in più ci sono questo tipo di variabili burocratiche che non fanno altro che peggiorare la situazione.