Home News Malato di tumore e depressione, abbandonato a se stesso: per lui serve...

Malato di tumore e depressione, abbandonato a se stesso: per lui serve un miracolo

Il cane era affetto da un tumore e si è ammalato di depressione dopo l’abbandono, l’amore della nuova famiglia lo fa rinascere.

cane tumore depressione
Il povero cane era andato in depressione dopo che la vecchia famiglia aveva deciso di abbandonarlo a causa della scoperta del tumore (Foto Instagram – Henry Senior Dog)

Scegliere di accogliere un cane in famiglia dovrebbe essere per sempre. Gli animali non sono giocattoli e non si può dunque decidere di abbandonarli quando iniziano a presentarsi delle difficoltà. Purtroppo però sembra che questo accada ancora troppo spesso e a pagare le conseguenze di queste scelte è proprio il cucciolo. Come quello che è accaduto a Henry, un dolce cane che per 16 anni ha vissuto in una famiglia che ha deciso di abbandonarlo in canile quando ha scoperto che l’animale era malato di tumore. Dopo l’abbandono il cane è caduto in una forte depressione e sembrava che per lui non ci fosse più niente da fare. Una nuova famiglia ha deciso però di adottarlo e prendersi cura di lui e il nuovo amore è stato davvero miracoloso.

Il tumore e la depressione dopo l’abbandono, una nuova famiglia lo accoglie e lo fa tornare a sorridere

cane tumore depressione
Il cagnolone Henry di nuovo felice insieme alla sua nuova famiglia (Collage foto Instagram – Henry Senior Dog)

É sempre triste leggere di storie di abbandoni di animali, lo è ancora di più quando si tratta di un cane ormai anziano, abituato da anni a vivere in famiglia. Purtroppo però sembra che alcune persone non riescano a pensare alle conseguenze psicologiche del loro gesto e decidono comunque di farlo. In alcuni casi, inoltre, a far davvero rabbia è anche la motivazione per cui questa scelta viene presa. La vicenda di Henry, purtroppo, rispecchia a pieno tutto quello detto fino ad ora e gli amanti degli animali non potranno che rimanere davvero rattristati dalla sua storia.

Ti potrebbe interessare anche >>> Si trasferiscono in un altro paese e abbandonano il cane in strada: la storia di Furio

Henry è un dolce cagnolone anziano che per oltre 16 anni ha vissuto con una famiglia che ha deciso di abbandonarlo proprio quando aveva più bisogno dell’affetto e dell’amore dei suoi cari. Al cane era stato scoperto un tumore e proprio per questo è arrivata la decisione di lasciarlo in un canile. Dopo i tanti anni vissuti in casa, Henry si è ritrovato in un luogo a lui per nulla familiare, lontano dall’affetto di quelli che credeva fossero i suoi cari e che avrebbero dovuto confortarlo in un momento così difficile.

🐾💖 SEGUICI ANCHE SU: FACEBOOK | TIKTOK | INSTAGRAM | YOUTUBE | TWITTER 🐶🐱

Purtroppo per lui però non è andata così e per il forte dolore dell’abbandono il cane è caduto inevitabilmente in una forte depressione che lo portava a rimanere sempre isolato nell’angolino del suo box.
La vita ha voluto però dare una seconda possibilità al vecchio Henry e lo ha fatto incontrare con coloro che, grazie all’amore, sono riusciti a salvarlo.

Ti potrebbe interessare anche >>> Aiuta un cane con tumore enorme anche se non può permetterselo – VIDEO

Mentre il cagnolone si trovava presso il Marley’s Mutts Dog Rescue, un uomo di nome Zach Skow lo ha notato e ha deciso che non lo avrebbe lasciato lì per il resto dei suoi giorni.
All’inizio Zach e la moglie, dato il tumore e la forte depressione del cane, non pensavano che sarebbero riusciti a passare ancora molto tempo insieme a lui, ma questo non li ha fermati e, anzi, hanno fatto di tutto pur di donargli la felicità che meritava.
Il loro amore si è rivelato poi miracoloso per Henry che pian piano ha iniziato a sorridere di nuovo e a uscire dal suo stato depressivo. Vedendolo tornare in forze, la coppia ha deciso che lo avrebbe fatto operare per asportare il tumore. L’operazione, per fortuna, è andata nel migliore dei modi e il cane si è pian piano rimesso.
Ora Henry sta finalmente vivendo a pieno la sua nuova vita, circondato dalla felicità e dall’amore dei suoi nuovi genitori umani. (G. M.)