Home News Un anno dopo tornano in quello zoo deserto! Quello che rinvengono è...

Un anno dopo tornano in quello zoo deserto! Quello che rinvengono è atroce

CONDIVIDI

Lo zoo degli orrori di Buenos Aires non ha ancora scritto la parola fine. Un anno dopo la sua chiusura quello che c’è ancora al suo interno fa rabbrividire!

Lo avevano definito il peggior zoo del mondo, gli animali venivano drogati e legati per soddisfare le fantasie dei turisti.

Lo zoo di Buenos Aires in Argentina godeva di grande popolarità, soprattutto a causa dei numerosi contatti possibili per i visitatori con animali. Ma dietro questa facciata si nascondeva una realtà molto diversa, gli animali vivevano in cattive condizioni, venivano drogati con l’ obiettivo quotidiano di soddisfare i visitatori che bramavano di scattere foto ravvicinate con gli animali selvatici.

Quando si entrava in questo zoo, veniva data la possibilità di dare da mangiare ai leoni, visitare le gabbie degli animali, e scattare foto ravvicinate con un leone o con un altro animale, semplicemente facendo la fila. Poiché la proprietà era aperta tutti i giorni dell’anno, gli animali dovevano sopportare questo scempio ogni giorno.

Come era possibile che fossero così pacifici nei confronti di quella folla? … Si scopre la causa della loro passività guardando le foto scattate dai turisti. Gli animali erano addormentati, indubbiamente drogati e legati.

Uno sfruttamento commerciale per il meno critico, che dava una cattiva idea del rapporto tra animali e umani, specialmente con animali che non sarebbero dovuti essere sotto alcun controllo.

Lo staff dello zoo si difendeva dalle accuse ricordando che “gli animali non nascono allo stato selvatico. Hanno sempre vissuto in cattività (…). Lavoriamo su diverse attività con l’obiettivo di ridurre al minimo il loro istinto selvaggio. Inoltre, sarebbe sciocco pensare di drogarli. Le freccette tranquillanti dovrebbero essere utilizzate per meno di un’ora. Le droghe rappresentano un’enorme minaccia per la loro salute e se fossero costantemente drogati, non sopravviverebbero “.

Tuttavia, dal 2014, almeno cinque organizzazioni animalistiche hanno denunciato, diverse petizioni sono nate affinchè venisse presa una decisione in merito alla sua chiusura.

“Gli animali dormono durante le 8 ore di visite! Non è normale! Il fatto che gli animali siano drogati è un segreto aperto. Chiediamo che le indagini vengano condotte in questo zoo e che la legge sia applicata “si può leggere nella petizione dell’organizzazione” Animalista Independiente Argentina “.

Con più di 112.000 firme che chiedevano l’applicazione della legge 12.238, che proibisce (oltre ai professionisti) di nutrire o di essere in contatto con animali selvatici e la legge 14.246 che stabilisce che chiunque sia vittima di abusi o atti di crudeltà nei confronti degli animali sia condannato lo zoo è stato finalmente chiuso lo scorso anno.

Ancora orrore allo zoo dell’orrore di Buenos Aires

Ma l’orrore per questi poveri animali non sembra essersi concluso. I 1500 animali presenti nello zoo sarebbero dovuti essere ricollocati presso altre strutture idonee, invece nel vecchio zoo di Buenos Aires, che oggi è un parco è ancora possibile udire leoni ruggire e non solo.

Centinaia di animali sono rimasti in quel luogo, in condizioni tragiche. La situazione è davvero allarmante…

Ti potrebbe interessare anche—–>>>Maternità animali, parto della gorilla e il primo bacio al cucciolo

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI