Home News Un giudice del Montana ha salvato la pelle degli orsi grizzly

Un giudice del Montana ha salvato la pelle degli orsi grizzly

CONDIVIDI
Orso Grizzly specie protetta a Yellowstone
Orso Grizzly specie protetta a Yellowstone

Ritirati dall’elenco delle specie minacciate, orsi grizzly reintrodotti grazie alla decisione di un giudice e la denuncia della tribù indiana del Nord Cheyenne.

Un funzionario americano ha scoperto che la decisione della US Wildlife Authority di rimuovere gli orsi grizzly dalla lista delle specie minacciate era abusiva.

Grazie a questa scoperta il giudice federale ha ordinato la loro immediata reintroduzione in questa lista.

Lordine emesso il Lunedi 24 settembre Dana Christensen, un giudice federale dello stato del Montana, è stato previdenziale per gli orsi.

Il Servizio Fish and Wildlife (l’organizzazione federale responsabile della gestione della fauna) aveva deciso di rimuovere questi plantigradi dall’elenco delle specie in via di estinzione, ma il giudice ha ritenuto che tale decisione fosse totlmente “arbitraria e capricciosa”.

Il giudice ha affermato che la decisione si è basata su studi irrilevanti “perdendo così i suoi obblighi e rigore scientifico.”

Un anno fa, molti plantigradi (animali che camminano sulle piante dei piedi), lupi e orsi erano stati rimossi da questa lista, lasciando i cacciatori liberi di colpire questi esseri, fino a quel momento protetti.

Diverse tribù native americane hanno quindi chiesto al Tribunale federale del Montana di opporsi a questa infausta decisione che coinvolgeva oltre 700 mammiferi carnivori nel Parco di Yellowstone.

Lo scorso agosto, il giudice Christensen ha bloccato l’apertura di una caccia al grizzly intorno al famoso parco americano. 23 orsi sarebbero potuti essere uccisi senza l’intervento di questo giudice.

Una vittoria per la fauna selvatica della regione

“La corte è consapevole del vivo interesse che il pubblico ha in questo caso, così come delle emozioni che i grizzly suscitano nelle persone, dagli allevatori e cacciatori agli ambientalisti e ai diritti degli animali”. 

In una dichiarazione Tim Presco, avvocato della ONG legale aveva presentato una denuncia contro questa decisione per conto della tribù indiana del Nord Cheyenne, accoglie con favore la decisione: “Questa è una vittoria per gli orsi e per chiunque viene in zona per vedere il grizzly nel suo ambiente naturale.”

Per questa tribù, l‘orso grizzly è un animale sacro “che merita il nostro rispetto e la nostra protezione”, afferma Lawrence Killsback, presidente della tribù dei Cheyenne del Nord. “È nostra responsabilità parlare per gli orsi, che non possono parlare da soli”, ha assicurato.

Tipotrebbe interessare anche —>>>Adotta un mastino tibetano; in realtà era un orso!

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI