Home Video Cane in autostrada: il folle inseguimento delle forze dell’ordine

Cane in autostrada: il folle inseguimento delle forze dell’ordine

CONDIVIDI
soccorso cane autostrada
Cane in autostrada

Cane in pericolo sull’autostrada, il maxi inseguimento

Un cagnolino di piccola taglia è finito nel bel mezzo di un’autostrada trafficata. In suo soccorso è intervenuta una squadra della polizia locale. Gli agenti sono riusciti a bloccare il traffico per poter arginare il rischio che il cane provocasse un incidente.

L’esemplare era terrorizzato. Braccato dagli agenti il cagnolino era disorientato, cercava una via di fuga. Spaventato dalla presenza di quelle persone, il piccolo meticcio ringhiava e non voleva farsi avvicinare. Quando gli agenti si sono avvicinati e stava per prenderlo, il cagnolino è riuscito a schivarli ed è scappato via tra le macchine, fuggendo lontano.

Una corsa folle tra la carreggiata e la corsia d’emergenza, ripresa dalle telecamere di sorveglianza. Il cane ha sviato alcune macchine fino a raggiungere l’uscita dell’autostrada.

La pattuglia della polizia ha cercato d’inseguire il cane, con la speranza di catturarlo e salvarlo. Un soldato e un veicolo WSDOT hanno poi fatto marcia indietro lungo la rampa nel tentativo di catturare il cane.

Una scena rocambolesca fino a quando l’esemplare non è passato tra la ringhiera del guardrail e non è scappato via, facendo perdere le sue tracce nella boscaglia.

Soccorso cani smarriti

Fortunatamente, a distanza di qualche ora, una squadra del canile municipale è riuscita a rintracciare il cane e a catturarlo. L’animale è stato trasferito sano e salvo presso un rifugio di animali di Seattle.

Secondo quanto riferito dai media locali, sono stati ritrovati anche i padroni del cane che erano partiti in vacanza e lo avevano lasciato in custodia ad alcuni famigliari.

il cane sano e salvo nel rifugio

Il cagnolino  era scappato e non erano riusciti a ritrovarlo. Grazie al microchip e agli appelli condivisi in rete il piccolo esemplare è stato riconosciuto dai padroni che si sono subito messi in contatto con il rifugio.

La famiglia si era appena trasferita nella città. Per questo probabilmente, il cane era disorientato e spaventato. Non aveva più i suoi punti di riferimento. Scappando dalle persone che lo avevano preso in custodia, il meticcio non poteva in nessun modo ritrovare la strada di casa. Si tratta di un problema diffuso, al quale è importante prestare attenzione in caso di trasferimenti o traslochi.

C.D.