Home Non solo Cani e Gatti Animali del presepe: ecco quali non possono mancare a Natale

Animali del presepe: ecco quali non possono mancare a Natale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:27
CONDIVIDI

Natale non significa soltanto albero: anche il presepe è una tradizione fondamentale per le nostre feste natalizie! Ecco quali sono gli animali del presepe da non dimenticare.

animali del presepe
Quali sono gli animali del presepe? (Foto Pixabay)

Con l’avvicinarsi del Natale è bello pensare agli addobbi che renderanno la nostra casa più calda e accogliente fino al 7 gennaio: sicuramente tutti amano addobbare l’albero di Natale, ma non bisogna dimenticare anche un altro grande protagonista delle case italiane per l’intero periodo delle Festività, il tradizionale presepe o presepio.

Il presepe raffigura la scena della Natività con dovizia di particolari, riprendendo alcuni personaggi immancabili come San Giuseppe, la Madonna e Gesù Bambino, ma anche tanti altri protagonisti irrinunciabili tra cui non figurano soltanto esseri umani: ecco perché vi proponiamo un approfondimento sugli animali del presepe che non dovrebbero mai mancare intorno alla vostra stalla.

Gli animali del presepe: protagonisti da non dimenticare

animali del presepe
Gli animali del presepe da non dimenticare (Foto Pixabay)

Secondo la tradizione che ci è stata tramandata per secoli, al momento della Natività di Gesù hanno partecipato svariati personaggi: sicuramente i già citati San Giuseppe e la Madonna, oppure i tradizionali Re Magi che arrivano guidati dalla Stella Cometa. Non bisogna poi dimenticare altri personaggi “storici” noti soprattutto nella tradizione presepiale artigianale napoletana, come ad esempio Benito o i vari rappresentanti dei mestieri più popolari dell’epoca, come pastori, lavandaie, venditori ambulanti.

Alla variegata presenza di esseri umani nel presepe, si aggiungono poi tanti rappresentanti del mondo animale che sono più o meno protagonisti della scena: basta pensare ad esempio al bue e l’asinello, probabilmente i più famosi tra gli animali del presepe che ricordiamo per il loro ruolo fondamentale nello scaldare il neonato Gesù e non solo.

Secondo la tradizione, infatti, il bue del presepe sarebbe stato colui che con i suoi muggiti ha attirato Maria e Giuseppe nella stalla, rinunciando alla paglia fresca da mangiare per offrire la sua mangiatoia come culla calda e morbida per Gesù Bambino.
L’asinello, invece, ha accompagnato la Sacra Famiglia nel lungo viaggio fino a Betlemme.

Inoltre, sono assolutamente immancabili su ogni presepe che si rispetti le statuine che raffigurano pecorelle e caprette, considerate protagoniste della scena trattandosi di un ambiente nel quale si trovavano moltissimi pastori. Secondo le antiche storie, fu proprio uno di questi ad offrire alla Madonna la lana di una delle sue pecore affinché potesse scaldare il piccolo Gesù.

Pecore e caprette non sono gli unici animali della fattoria che possiamo trovare nella scena del presepe: molto spesso ci sono cavalli, mucche, maiali, galline e oche che affollano la ricostruzione natalizia. Secondo i racconti della tradizione, gli animali del presepe furono protagonisti veri e propri arrivando a restare immobili e in ginocchio come se fossero in preghiera.

Insetti e altre storie tramandate nei secoli: animali del presepe

presepe
Cammelli e insetti sul presepe (Foto Pixabay)

Impossibile dimenticare, poi, i cammelli o i dromedari che accompagnano i Re Magi nella loro traversata del deserto fino a Betlemme, ma anche altri personaggi animali che secondo la tradizione fanno parte del presepe come gli uccelli che hanno intonato dolci melodie per Gesù Bambino (secondo alcuni, si trattava di tortore e secondo altri di pettirossi).

Tra gli animali che non possono mancare nella tradizione presepiale ci sono anche due insetti: le api che con il loro ronzio crearono una melodia per rendere lode al Signore e la lucciola, la quale si posò sul ditino di Gesù appena nato iniziando a brillare così forte da guidare i pastori e i viandanti fino alla stalla.

Infine, una leggenda natalizia che riguarda uno degli animali da compagnia più amati in tutto il mondo: su alcuni presepi viene sistemata nella stalla anche la statuina di un gatto. Secondo la tradizione, assieme alla Sacra Famiglia c’era anche una gatta con i suoi micini nascosta nella stalla buia e Maria si accovacciò per accarezzarla, lasciandole il segno di una M sulla fronte: questo simbolo, tipico del Gatto Europeo, ha salvato i felini dagli inquisitori che consideravano gli esemplari “marchiati” dalla Madonna come animali sacri.

Potrebbe interessarti anche:

C.B.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI