Home Non solo Cani e Gatti Il caimano dagli occhiali: habitat, abitudini e perché si chiama così

Il caimano dagli occhiali: habitat, abitudini e perché si chiama così

Quali sono tutte le curiosità legate al caimano dagli occhiali e perché è così diverso dagli altri rettili: un viaggio alla scoperta di questo enorme animale.

Il caimano dagli occhiali
Il caimano dagli occhiali: curiosità e differenze con i suoi simili (Foto AdobeStock)

Qual è la differenza tra un caimano e un alligatore, oppure tra questo e un coccodrillo? Per capire quali sono le curiosità e le particolarità legate a questo enorme rettile bisogna prima avere ben chiara questa distinzione tra i tre animali. Ma poi come mai questo nome così particolare? Tutto quello che c’è da sapere sull’habitat e le abitudini del caimano dagli occhiali che oggi è anche a rischio di estinzione. E’ probabile che alla fine scopriremo che la colpa della sua scomparsa è anche nostra: quindi qualora avessimo la (s)fortuna di incontrarne uno, sappiamo che è una vera e propria rarità.

Caimano, coccodrillo e alligatore: tutte le differenze

Occhio
Occhio, particolare (Foto AdobeStock)

Per capire meglio di quale animale si tratta è inevitabile fare prima una importante distinzione tra tre esemplari che spesso vengono confusi tra loro. I nomi vengono spesso usati come sinonimi, solo perché hanno delle caratteristiche simili. Ma un caimano è diverso da un alligatore e quest’ultimo lo è da un coccodrillo (Leggi qui: Il coccodrillo: cosa mangia, dove vive, caratteristiche e curiosità): è innegabile la somiglianza ma ciò non vuol dire che si tratta dello stesso esemplare. Anche nel comportamento potremmo notare delle analogie: ad esempio sono molto veloci in acqua e hanno armi potenti (come i denti e le mandibole) che non lasciano scampo alla preda. Ma quali sono le differenze tra i vari esemplari?

  • Genere: è vero che tutti e tre derivano dalla stessa famiglia, quella dei Crocodylia, ma mentre il coccodrillo appartiene al genere Crocodylidae, gli altri due fanno parte della specie Alligatoridae. Sebbene quindi tra alligatore e caimano vi sia un’origine familiare comune, è il genere a differenziarli: il primo è l’Alligatori e il secondo il Caiman.
  • Bocca: quella del coccodrillo è stretta e a forma di V, quella dell’alligatore invece è più grande come ampiezza e la parte inferiore somiglia ad una grossa U. Inoltre il coccodrillo ha le due mandibole uguali, così da mostrare sempre le due file di denti.
  • Naso: a differenza dell’alligatore, il caimano non ha un vero setto nasale.
  • Territorio: il caimano vive nel Centro-Sud America, mentre gli alligatori occupano i territori della Cina e degli USA. Questa caratteristica è fondamentale anche per capire la capacità di questi animali di adattarsi al territorio: se il caimano ha bisogno di nuotare in acque dolci, il coccodrillo invece vive nei mari, grazie a delle ghiandole della bocca che filtrano l’acqua salata.
  • Dimensioni: generalmente il coccodrillo ha una stazza più grande rispetto all’alligatore.
  • Comportamento: se il coccodrillo è famoso per essere aggressivo e irascibile, l’alligatore non ha interesse ad attaccare gli esseri umani, a meno che non si senta in pericolo e quindi in dovere di reagire per la sua stessa sopravvivenza.

Il caimano dagli occhiali: carta d’identità

Muso
Muso di caimano in acqua (Foto AdobeStock)

Come già accennato, fa parte della famiglia degli Alligatoridi e vive nelle terre dell’America del Sud e del Centro, ovvero Brasile, Colombia, Venezuela etc. ama gli ambienti umidi e le acque dei fiumi, possibilmente dove non vi sono correnti che le agitano. Per le popolazioni locali ha sempre rappresentato un enorme risorsa sia dal punto di vista alimentare sia per lo sfruttamento delle sue pelli e delle varie parti del suo corpo. Non a caso vi è uno spaventoso commercio di questo animale che ne sta determinando l’estinzione. Non sarà difficile, purtroppo, vedere nelle vetrine di rinomati negozi dei prodotti ricavati dalla pelle di questo animale, che è sempre a rischio di cattura a scopi commerciali.

Gli esemplari giovani sono di colore giallo con macchie e strisce scure, mentre gli adulti mutano il colore in un verde oliva scuro: con questo sfondo le macchie descritte in precedenza sono praticamente indistinguibili. La sua alimentazione è composta da pesci come piranha, altri rettili, uccelli acquatici ed anfibi. Il suo metabolismo risente molto della temperatura esterna: infatti quando il caldo è insopportabile e il caimano si getta nel fango in preda ad uno stato di torpore e semi-incoscienza, il suo metabolismo si riduce molto per un fenomeno detto di ‘estivazione’.

Amano vivere in gruppo e scelgono il loro ‘leader’, ovvero il maschio dominante grazie alle dimensioni maggiori. L’essere più piccoli è dovuto al fatto che non possono accoppiarsi, poiché ciò spetta solo al dominante.

Perché si chiama proprio così?

A cosa si deve questo nome così particolare? Alla conformazione delle orbite: infatti esse sono legate da un osso che sembra formare un paio di occhiali da vista. questa sporgenza può sembrare effettivamente un paio di lenti.

Il caimano dagli occhiali a rischio?

Il caimano dagli occhiali
Il caimano dagli occhiali (Foto AdobeStock)

Secondo una ricerca della Charles Darwin University in Australia il caimano è a forte rischio di estinzione. Infatti un progetto di alcuni studenti sta provando a reinserire il caimano nelle zone forestali del Centro America. Ma a cosa si deve questo forte rischio di estinzione? La causa è nel deterioramento del sistema e dell’habitat in cui vivono. Per fortuna almeno la questione della caccia sembra essere ‘sotto controllo’: infatti la popolazione locale è molto attenta a fare in modo che la cattura di questi esemplari non si verifichi. Anche delle severe norme giuridiche ormai violano questo tipo di comportamento.

Potrebbe interessarti anche:

F.C.