Home Non solo Cani e Gatti Come accarezzare le tartarughe: i vari passaggi

Come accarezzare le tartarughe: i vari passaggi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:05
CONDIVIDI

Ci sono metodi ben precisi riguardo a come accarezzare le tartarughe per evitare che si facciano male. Vediamo insieme quali sono i vari passaggi da eseguire.

come accarezzare le tartarughe
Come accarezzare le tartarughe: i vari passaggi (Foto Adobe Stock)

Tra i tanti rettili che possono essere adottati come animali domestici, le tartarughe sono quelle più tenere e simpatiche. Nonostante ciò però, non amano essere toccate molto come invece piace ai cani, per questo motivo bisogna essere capaci di accarezzarle nel modo giusto. Vediamo allora insieme passaggio per passaggio come ”coccolare” una tartaruga.

Come accarezzare le tartarughe: i vari passaggi

coccole tartaruga
Come accarezzare le tartarughe: i vari passaggi (Foto Adobe Stock)

Chi ha adottato una tartaruga d’acqua o di terra, desidera a volte accarezzarla. Ma come si può fare nel modo giusto per non far male all’animale?

Per accarezzare una tartaruga ed evitare di farle del male è necessario seguire vari passaggi. Innanzitutto bisogna avvicinarsi frontalmente in modo tale che la tartaruga non si spaventi nel vedere all’improvviso la vostra mano.

Questo rettile interagisce con l’essere umano se si sente sicuro, per questo prima di accarezzarlo bisogna metterlo sul pavimento. Dopodiché accarezzate delicatamente con un dito la testa della tartaruga facendo molta attenzione a non toccare occhi e naso. Se l’animale inizia ad allungare il collo e ad aprire la bocca, significa che non ama essere toccato.

Potete, sempre con molta cautela, accarezzare anche il mento e la parte ai lati della bocca, inoltre una volta che la vostra tartaruga abbia preso ”confidenza” con voi, potreste persino accarezzarle il collo. Le tartarughe sentono il contatto anche attraverso il guscio, quindi massaggiatela su quest’ultimo con movimenti circolari.

Per creare un legame tra voi e il vostro rettile, oltre a ”coccolarlo” potreste anche consentirgli di camminarvi addosso. Ricordate che le tartarughe non sempre amano essere accarezzate, ma con il tempo più la toccherete più interagirà con voi, basta semplicemente avere pazienza.

Come maneggiare la tartaruga

maneggiare la tartaruga
Come maneggiare la tartaruga (Foto Adobe Stock)

Differentemente dai cani e i gatti che amano essere coccolati, le tartarughe vedono nell’essere umano un pericolo e di conseguenza hanno paura. Per questo motivo è importante saper maneggiare con cura questo rettile, anche perché per quanto possa essere tenera e piccola anche la tartaruga può mordere.

Prima di tutto quando dovete prendere la tartaruga, aprite il palmo della mano e posizionatela nella parte inferiore della tartaruga, assicurandovi che le sue zampe poggino sulla vostra mano.

Ricordatevi di non sollevarla mai davanti ma sempre da dietro, in quanto potrebbe mordervi. Inoltre è importante anche mettere dei guanti perché la tartaruga spesso quando viene presa urina.

Infine anche la temperatura può influire sulla tartaruga, infatti se quest’ultima è stata al sole o comunque al caldo si lascia maneggiare molto più facilmente.

Potrebbe interessarti anche:

M.D.