Home Non solo Cani e Gatti Ermellino (Mustela erminea): caratteristiche, dove vive, cosa mangia, curiosità

Ermellino (Mustela erminea): caratteristiche, dove vive, cosa mangia, curiosità

Incredibilmente curioso, un piccolo carnivoro che ha molto più della sua magnifica pelliccia per essere interessante: scopriamo insieme habitat, curiosità e alimentazione e tanto altro sull’ermellino.

Ermellino
L’ermellino si muove spesso con salti fino a 50 centimetri di altezza, ma può anche trottare o semplicemente camminare (Foto Pixabay)

Tristemente noto per la sua pelliccia, per la quale viene troppo spesso ancora ucciso, l’ermellino è una creatura affascinante e sorprendente. Scopriamo di più sulla vita e sulle abitudini di questo mammifero.

Mustela erminea: caratteristiche e curiosità

L’ermellino è un piccolo mammifero appartenente alla famiglia dei mustelidi.

ermellino
Il suo corpo misura circa 30 cm e il suo peso non supera più di mezzo chilo, il maschio è più grandi della femmina.(Foto Pixabay)

Si tratta di un un animale dal fisico minuto, la cui costituzione, però, non dovrebbe trarci in inganno. Sebbene, infatti, il suo corpo misuri circa 30 cm e il suo peso non superi più di mezzo chilo, si tratta di un abilissimo e terribile predatore.

Solitamente, il maschio è più grandi della femmina, ma entrambi mantengono una costituzione agile e leggera.

Proprio il suo fisico muscoloso e atletico al tempo stesso fa sì che questo animale sia un provetto scalatore, in grado di arrampicarsi su un nido, con estrema facilità.

Inoltre, è un bravo nuotatore, in grado di attraversare grandi fiumi.

Esistono più di 30 sottospecie di ermellino, che possono essere genericamente raggruppate in due gruppi:

  • L’ermellino dei climi temperati;
  • L’ermellino dei climi freddi, che riesce a mutare la sua pelliccia a seconda della stagione: in inverno e bianca, mentre in estate è marrone.

Perché l’ermellino cambia colore?

La pelliccia dell’ermellino può cambiare colore a seconda della stagione, ad eccezione del manto che avvolge la sua coda.

ermellino
Questo mammifero è uno dei più piccoli, oltre ad avere un aspetto estremamente docile. (Foto Pixabay)

Si tratta di un fenomeno che aumenta le probabilità di sopravvivenza degli esemplari, poiché li aiuta a mimetizzarsi e a sfuggire ai predatori.

In inverno il mantello del mammifero diventa bianco per confondersi tra le montagne innevate, ingannando chi gli dà la caccia.

Dove vive l’ermellino? Habitat e distribuzione

Questo mammifero è particolarmente diffuso in Europa, Asia e Nord America.

ermellino
(Foto AdobeStock)

Tendenzialmente l’ermellino vive nelle zone rurali, dove può andare alla caccia e procurarsi il cibo senza grosse difficoltà.

Nei campi dove di solito vive, infatti, c’è una grande varietà di roditori, che favorisce la sopravvivenza del mammifero.

L’ermellino è in via di estinzione?

Per fortuna la sua diffusa distribuzione suggerisce che la specie non è in regressione o scomparsa in determinati luoghi.

Tuttavia, bisogna considerare che la scarsità di siepi o la mancanza di copertura vegetale sono tutti punti che rendono la vita difficile per questa graziosa creatura.

E proprio a causa dell’ampia distribuzione delle specie nel mondo, il mantello, o meglio la sua variazione stagionale, può essere diverso a seconda dei luoghi.

Cosa mangia l’ermellino?

Agilissimo e temibile predatore, questo mammifero è in grado di uccidere animali molto più grandi di lui.

Ermellino
(Foto Pixabay)

Basti pensare che può arrivare ad uccidere prede che fino a 6 volte la sua dimensione. Tutto merito della sua strategia di caccia, che prevede di aggredire la preda con un morso al collo.

Quando è in grado di ottenere più carne di quanta ne necessiti, passa a dedicarsi alla sua scorta alimentare.

Infatti, l’ermellino usa più tane contemporaneamente. In questo modo, è più facile conservare il cibo e ha sempre una casa nel caso in cui una delle tane sia compromessa.

Di cosa si nutre principalmente l’ermellino? La sua fonte principale di cibo è il coniglio, nonostante pesi più di lui.

Allo stesso modo, questo animale non disdegna piccoli roditori, come topi e ratti, ma anche lepri e uccelli.

Nell’alimentazione dell’ermellino rientrano anche insetti, pesci, rettili, anfibi e invertebrati.

Quando proprio non riesce a uccidere le sue prede ed il cibo scarseggia, si lancia anche sulle carcasse di animali morti.

Potrebbe interessarti anche: Curiosità sulla mosca: tante notizie che forse non conoscevi

Ermellino domestico: è possibile?

Dall’aspetto tenero e dolce, l’ermellino a primo impatto conquista noi esseri umani, al punto di desiderarlo come animale domestico.

Ermellino
(Foto Pixabay)

In realtà, non solo non sarebbe legale – né tantomeno giusto – imprigionare in cattività un esemplare selvatico, ma si rivelerebbe persino una pratica pericolosa.

Infatti, si tratta di un mammifero aggressivo, inadatto alla vita domestica.

Senza contare che, se in casa ci fossero altri quattro zampe, questo mammifero potrebbe addirittura rappresentare un pericolo per la loro vita.

Per questo, se dovesse capitarci di vedere un ermellino in vendita, dovremmo immediatamente rivolgerci alle autorità: si tratta di un esemplare selvatico catturato e veduto illegalmente.

Potrebbe interessarti anche: Curiosità sui cincillà: roditori sorprendentemente morbidi

Mustela erminea: riproduzione e cuccioli

Ecco tutte le informazioni da conoscere sulla riproduzione dell’ermellino.

Ermellino
L’ermellino è carnivoro e la fonte principale di cibo è il coniglio, nonostante pesi più di lui ma si ciba anche di piccoli roditori. (Foto Pixabay)

Gli esemplari di questa specie diventano fertili intorno a un mese e mezzo di vita.

La gravidanza di un ermellino dura da 21 a 28 giorni.

La riproduzione avviene in aprile o maggio. Alla nascita dei cuccioli, la femmina alleva i suoi piccoli senza l’aiuto del maschio.

Gli ermellini inizieranno alle loro prime uscite di caccia intorno ai due mesi.

La loro aspettativa di vita va da un anno fino a 7 anni.

Curiosità sull’ermellino

Infine, non ci resta che scoprire tutte le più incredibili curiosità che caratterizzano questo mammifero.

  • La pelliccia di questo animale rappresenta un simbolo di innocenza, purezza e giustizia;
  • Gli amerindi si coprivano la testa con pellicce di ermellino per dimostrare la purezza delle loro intenzioni;
  • Soprattutto in Europa, il cappotto invernale dell’ermellino era molto ambito dalla nobiltà. Avere un cappotto con una fodera in ermellino era considerato un segno di ricchezza e potere, poiché questa pelliccia era piuttosto costosa;
  • L’ermellino è un camminatore provetto: basti pensare che è in grado di percorrere fino a 15 chilometri a notte;
  • L’ermellino è un animale territoriale e solitario. Raramente tollera la presenza di altro ermellino nel loro territorio, in particolare dello stesso genere;
  • Da cosa deriva l’appetito famelico dell’ermellino? questa mustelide ha una frequenza cardiaca di 6 battiti al secondo, il che non è banale in termini di consumo energetico e quindi di fabbisogno alimentare. Inoltre, questo animale ha una temperatura interna da 38 a 39 gradi che l’ermellino deve sapere come mantenere in inverno cacciando abbastanza.

Raffaella Lauretta