Home Non solo Cani e Gatti Felis margarita: cosa mangia, dove vive, caratteristiche e curiosità

Felis margarita: cosa mangia, dove vive, caratteristiche e curiosità

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:13
CONDIVIDI

Il felis margarita o gatto delle sabbie è un felino in grado di vivere nelle aree più aride. Conosciuto per la somiglianza al nostro gatto.

gatto delle sabbie
(Foto AdobeStock)

Queste che tratteremo sono schede destinate ai bambini, per aiutarli ad apprendere particolari argomenti che nello specifico trattano di animali. Non saremo né i primi né gli unici a trattare questo argomento, ma con l’aiuto di foto e paragrafi semplici, cercheremo di incuriosire e stimolare il bambino, aiutandolo anche visivamente ad assimilare la materia.

Oggi andremo a ricostruire, illustrare e rappresentare quello che è il gatto delle sabbie.

Caratteristiche del felis margarita

gatto delle sabbie
(Foto AdobeStock)

Il felis margarita o gatto delle sabbie deve il suo nome al militare francese Jean-Auguste Margueritte che lo scoprì in occasione di una spedizione. È una razza pura non ottenuta da incroci e non adatta alla vita domestica. Possiede un corpo un po’ tarchiato e zampe corte, misura tra i 39 e i 52 cm tra testa e corpo, con un peso che può variare tra l’1.5 e i 3.5 kg.

Ha la testa larga e il viso è caratterizzato da due strisce rossastre che partono dagli occhi e attraversano le guance in obliquo. Ha due occhi obliqui e affascinanti, dalla colorazione verde-giallo, le orecchie grandi, dritte e a triangolo con un udito particolarmente sviluppato così da intercettare anche il minimo movimento. Il mantello soffice e fitto, ricorda le tonalità del deserto e quindi i colori del beige e del giallo, con parti più chiare sul mento e strisce scure orizzontali che circoscrivono zampe e coda.

Questi colori permettono al gatto delle sabbie di mimetizzarsi alla perfezione. La natura che è perfetta permette al pelo di allungarsi di qualche centimetro durante l’inverno in modo da contrastare le temperature più basse: i peli sono presenti anche tra le dita, mentre le unghie delle zampe posteriori risultano molto corte.

Questa sorta di isolamento delle zampe, permette una camminata più sicura anche sulle sabbie roventi e non solo ma permette anche di avere un passo che non lascia traccia nel suolo e impedendo in questo modo di non farsi localizzare tramite le impronte. Invece la comunicazione tra simili avviene attraverso una serie di segnali lasciati durante lo spostamento, come spruzzi di urina, graffi su oggetti che incontrano lungo la strada e miagolii principalmente emessi durante l’accoppiamento.

Dove vive il felis margarita

felis margarita
(Foto AdobeStock)

Il felis margarita è possibile vederlo nelle aree tra Algeria e Arabia, il Niger, il Sahara, il Pakistan, l’Iran e il Turkmekistan. In altre parole nelle zone più calde, aride e desertiche della Terra, con una diffusione alquanto estesa sia in Africa settentrionale che in Asia sud-occidentale e centrale. Predilige habitat composto da territori pianeggianti, poveri e sabbiosi ma con almeno una ridottissima presenza di vegetazione.

Per quanto riguarda invece l’acqua è un discorso del tutto trascurabile per questo felino, in quanto può farne a meno e quel poco di cui necessita lo ricava dalle sue prede. Nonostante l’ambiente è in grado di cavarsela in un modo efficiente, rifugiandosi in scavi sotto le dune o sotto un cespuglio, non appena il sole sorge e uscendo esclusivamente di notte. Al tramonto comincia a scrutare intorno a sé il territorio per poi uscire ad esplorare e recuperare del cibo.

Potrebbe interessarti anche: Giaguaro: cosa mangia, dove vive, caratteristiche e curiosità

Come nascono

cuccioli di felis margarita
(Foto AdobeStock)

Il felis margarita raggiunge la maturità sessuale tra i 10 e i 12 mesi, è un animale che tende a vivere isolato e a non fare branco ma durante la stagione degli amori si cerca tramite richiami specifici, fatti a voce alta per far in modo da poter essere ascoltato nella vastità del deserto.

Una volta che si è formata la coppia, ha inizio l’unione e successivamente la gestazione dura dai 59 ai 67 giorni e termina tra febbraio e aprile dando vita alla nascita di circa 2-4 cuccioli. I piccoli appena nati sono totalmente dipendenti in quanto privi di vista fino al 14esimo giorno di vita, al 21esimo iniziano a camminare e solo dopo 5 settimane mangiano cibo solido. Acquistano finalmente l’indipendenza a 3-4 mesi di vita.

Potrebbe interessarti anche: Il puma: cosa mangia, dove vive, caratteristiche e curiosità

Cosa mangia il felis margarita

alimentazione del felis
(Foto AdobeStock)

Il felis margarita vive e caccia esclusivamente di notte, viste le condizioni climatiche e ambientali. Si nutre principalmente di gerbilli, uccelli, insetti e serpenti che individua grazie al formidabile udito di cui è dotato.

La sua tecnica di caccia consiste nello scavare il terreno con le possenti zampe e recuperare gli animali e insetti presenti e qualche volta per potersi nutrire successivamente, li ricopre con la stessa sabbia. Questo animale in una notte può percorrere anche 10 km, alla ricerca del suo sostentamento.

Curiosità

  • I nomadi Toubou, popolazione che si muove nelle montagne Tibesti del Sahara, li considera ladri di pollame.
  • Riesce a resistere a temperature estreme che oscillano tra i meno 5 ed i più 52 gradi C.
  • Nel comportamento è simile al nostro gatto domestico in circostanze come quelli di difesa, nel lavarsi e nel fare le fusa.
  • Cerca riparo e riposa nelle tane abbandonate dagli altri animali, modificandone il formato fino a creare un cunicolo di tre metri di lunghezza.
  • Non essendo un animale stanziale, si sposta frequentemente alla ricerca di cibo.
  • In Algeria vengono trattati, fortunatamente, con lo stesso rispetto.
  • Nel Medio Oriente sono catturati per essere venduti come animali domestici.
  • I nomadi Toubou, lo considerano un compagno di Maometto.
  • Esistono troppe trappole per sciacalli e volpi sistemate attorno alle oasi, che possono facilmente colpire un gatto delle sabbie.
  • È un animale estremamente difficile da osservare e studiare, in quanto copre i propri escrementi.
  • Vive e viaggia da solo, non condivide neppure i cunicoli utilizzati per il riposo notturno.

Potrebbe interessarti anche: Pantera nera: cosa mangia, dove vive, caratteristiche e curiosità

Raffaella Lauretta