Home Non solo Cani e Gatti Le differenze tra grillo e cavalletta: due insetti simili eppur diversi

Le differenze tra grillo e cavalletta: due insetti simili eppur diversi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:12
CONDIVIDI

Le differenze tra grillo e cavalletta, insetti apparentemente molto simili eppur diversi. Vediamo quali le curiosità e le caratteristiche che li differenziano.

Grillo
Grillo o cavallette, impariamo a riconoscere le differenze.(Foto Pixabay)

Grillo e cavalletta due insetti che appartengono all’ordine degli Ortotteri. I membri di questo gruppo condividono un antenato comune. Questi insetti sembrano simili all’occhio non allenato, ma ognuno ha caratteristiche uniche. Ma quali sono le differenze tra grillo e cavalletta? Scopriamolo insieme nei prossimi paragrafi.

Potrebbero interessarti anche:Gli insetti più interessanti del mondo: guida a tutte le specie più belle

Caratteristiche: differenze tra grillo e cavalletta

grillo
Grillo. (Foto Pixabay)

Il grillo può avere un aspetto di colore verde o bianco, possiede una testa grande, provvista di lunghe antenne e un corpo tozzo di piccole dimensioni. Le femmine possono essere facilmente riconoscibili per la presenza di un organo atto alla deposizione delle uova di forma allungata e di notevoli dimensioni, per permettere di conficcare le uova nel terreno o nella vegetazione.

Fondamentalmente è un insetto onnivoro, si nutre di insetti vivi o morti, di verdura, frutta e cereali. Il grillo è un insetto solitario che non vive in comunità regolate da norme e gerarchie come, ad esempio, avviene per le formiche o per le api.

La caratteristica principale di questo insetto, per cui è particolarmente famoso, è la musica che è capace di emettere. Questo suono il maschio lo produce sfregando tra loro le tegmine (ali coriacee anteriori) brune come se fossero un plettro contro un raschietto.

A seconda della velocità con cui genera questo rumore accelerando o rallentando il movimento del raschietto, può cambiare il motivetto del suono riprodotto. Alcune canzoni del grillo hanno lo scopo di attirare i compagni, mentre altre hanno lo scopo di mettere in guardia altri maschi.

Sia i grilli maschili che femmine hanno orecchie sensibili, per cui captare questo suono come un allarme è molto utile ma non solo, questo suono favorisce anche l’accoppiamento. Se alla femmina piace la melodia, si avvicina e a questo punto, il maschio la regola per ottenere dei suoni più deboli che favoriscano il vero e proprio accoppiamento.

Purtroppo il grillo non è un insetto particolarmente longevo, generalmente è ha un ciclo di vita di tre mesi, anche se la durata della vita dipende molto dal clima che c’è in quel momento. In agricoltura la presenza del grillo è ritenuta molto utile, perché si ciba di insetti dannosi alle colture, come ad esempio larve, bruchi e afidi.

La cavalletta, come abbiamo precedentemente accennato, è molto simile nell’aspetto al grillo, ma comunque differente. La cavalletta può avere una colorazione che varia dal verde al marrone, con macchie gialle o rosse.

Possiede una testa dalla forma triangolare, ai lati due grandi occhi neri sporgenti che sono formati da tanti piccoli occhi; due lunghe antenne utili per orientarsi nell’ambiente e per avvertire la presenza di predatori; possiede 6 zampe come la maggior parte degli insetti e quelle posteriori essendo più lunghe gli permettono di effettuare lunghi balzi.

Anche la cavalletta come il grillo emette un suono, ma si tratta di uno stridulo canto soprattutto nelle giornate più calde. Esso viene prodotto dallo sfregamento delle ali. Ogni diversa specie di cavallette produce un suono diverso, anche in questo caso come il grillo è solo il maschio ad avere degli organi stridulatori che servono ad attirare le femmine durante il corteggiamento o per gareggiare con un rivale.

Ma questo suono è più simile al ronzio di un trillo o di una canzone. Un’altra caratteristica di questo insetto è che non possiede le orecchie ma gli organi dell’udito presentano membrane timpaniche circolari e trasparenti, situate sull’addome o sugli arti posteriori.

La maggior parte delle cavallette depongono le uova a terra. Tra le differenze tra il grillo e la cavalletta c’è ne è una basilare, ossia il grillo risulta essere un insetto prettamente attivo di notte, mentre la cavalletta è sveglia e attiva durante il giorno.

Potrebbero interessarti anche:Insetto Stecco: caratteristiche, habitat, riproduzione e alimentazione

Habitat del grillo e della cavalletta

cavalletta
Cavalletta.(Foto Pixabay)

L’habitat ideale del grillo, è il terreno ma anche alberi o arbusti, dove si alimenta in gran parte di afidi e formiche. Scava buchi nel terreno creando gallerie di più di mezzo metro per poter creare una situazione ambientale simile ad una stanza circolare creandosi così una tana.

L’entrata della tana è grande e spaziosa, una condizione tale che torna utile ad amplificare il suono del canto. La presenza di questo insetto nell’ambiente è la conferma di qualità dell’aria.

Discorso totalmente diverso per la cavalletta che è un insetto mal visto dagli agricoltori, essendo considerata una vera e propria piaga per le colture, in quanto prettamente erbivora e capace di adattarsi e colonizzare tutti gli ambienti possibili (freddi, caldi, umidi, secchi, ghiacciati, da 0 a 3000 m di altitudine). Infatti è presente in tutti i continenti, ad eccezione dell’Antartide.

Potrebbero interessarti anche:L’insetto foglia, un esemplare da tenere tra le mani

Curiosità

cavalletta
Le differenze sono molto importanti, a cominciare dal fatto che mentre uno è particolarmente utile per l’agricoltura, l’altro è altamente dannoso, considerato una piaga da moltissimi agricoltori.(Foto Pixabay)
  • Entrambi hanno le antenne e sono dotati di forti zampe che permettono loro di spiccare salti. Ma le differenze sono molto importanti, a cominciare dal fatto che mentre uno è particolarmente utile per l’agricoltura, l’altro è altamente dannoso, considerato una piaga da moltissimi agricoltori.
  • Il grillo non possiede i polmoni grilli ma respira attraverso piccoli buchi presenti nel corpo, chiamati spiracoli.
  • Fin dall’antichità e nelle più diverse culture da Oriente a Occidente, il grillo è stato ben visto dall’Uomo e il suo frinio è considerato presagio di buona fortuna.
  • In Cina e in Giappone, ad esempio, i grilli sono stati allevati per millenni nelle case con lo scopo di deliziare le famiglie con il loro dolce frinire.
  • Il grillo a seconda della specie può saltare 60 volte la dimensione del suo corpo.
  • Il grillo ha il sangue incolore, perché non richiede emoglobina per il trasporto di ossigeno.
  • Uno dei fenomeni più interessanti delle cavallette, sia dal punto di vista biologico che applicativo, è quello del gregarismo che porta alla formazione di orde migratrici costituite da un numero sterminato di individui.
  • La dieta della cavalletta si basa principalmente sull’erba, ma può mangiare altri alimenti come fiori, steli, semi, cereali, frutta e verdura.
  • La cavalletta ha un grande appetito e trascorre la maggior parte del tempo a mangiare. Può consumare 16 volte il suo peso.
  • Quando afferri una cavalletta, rilascia un liquido marrone che è noto come “succo di tabacco”. Gli scienziati ritengono che possa essere un liquido che protegge le cavallette dai predatori. In caso di attacco rilasciano il liquido, saltano e volano rapidamente.
  • Nei sogni, è stata interpretata come un simbolo di “libertà, indipendenza, illuminazione spirituale, incapacità di stabilirsi o impegnarsi a prendere decisioni”.

Potrebbero interessarti anche: Insetti pericolosi in Italia: i 15 più letali del nostro Paese

Raffaella Lauretta