Home Non solo Cani e Gatti Malattia dei punti bianchi nel pesce: cause, sintomi e trattamento

Malattia dei punti bianchi nel pesce: cause, sintomi e trattamento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:39
CONDIVIDI

Se sei un amante dei pesci, probabilmente hai sentito parlare della malattia dei punti bianchi nel pesce. Vediamo quali le cause, i sintomi e la cura.

pesci malati
Malattia punti bianchi nei pesci (Foto Pixabay)

Questo parassita vive nella pelle dei pesci. Le malattie dei pesci dell’acquario non devono essere prese alla leggera. Alcune malattie dei pesci possono arrivare alla morte dei pesci. Ecco perché è essenziale il rapido riconoscimento delle malattie, in modo che possiamo agire tempestivamente.

La malattia dei punti bianchi nel pesce è causata da un protozoo noto come Ichthyophthirius multifilis. È una delle patologie più comuni negli acquari, quindi la loro conoscenza è fondamentale quando si tratta di prevenire l’infezione o trattare i sintomi.

I microrganismi che causano questa malattia nel pesce, sono così diffusi che tutti i pesci di un acquario sono entrati in contatto con loro almeno una volta nella vita. Tuttavia, gli unici pesci che si ammalano a contatto con l’ Ichthyophthirius multifilis sono quelli che non hanno buone difese a causa di una cattiva alimentazione, stress, sovraffollamento o scarsa qualità dell’acqua.

Se la malattia si trova in una fase avanzata, le macchie bianche possono accumularsi e formare macchie grigiastre. Il corpo del pesce quindi produce più mucosa e la loro pelle inizia a mutare. Se i pesci colpiti non vengono curati, la malattia dei punti bianchi può degenerare e causare la morte. Ecco perché è importante sapere come identificare i primi sintomi in modo da poter trattare il pesce malato, in tempo.

Sintomi della malattia dei punti bianchi nel pesce

pesce rosso
Il pesce ha macchie bianche da 0,5 a 1 mm prima sulle pinne(Foto Pixabay)

Il pesce ha macchie bianche da 0,5 a 1 mm prima sulle pinne, su tutto il corpo e poi sulle branchie. In quest’ultimo caso, il pesce soffre di difficoltà respiratorie e può arrivare alla morte molto rapidamente. I sintomi che il pesce presenta in questa malattia sono:

Nel caso in cui le branchie del tuo pesce siano anche esse colpite dalla malattia dei punti bianchi, il pesce malato potrebbe avere difficoltà a respirare e avere una frequenza respiratoria accelerata. Spesso il pesce malato arriva sulla superficie dell’acqua e cerca di aspirare aria, come per riprendere fiato.

Trattamento della malattia dei punti bianchi nel pesce

pesci in acquario
Necessario applicare il trattamento (Foto Pixabay)

La procedura più logica è quella di aumentare la temperatura dell’acquario a circa 27 ° C per accelerare il ciclo di vita del parassita, portandolo alla morte. Ma è anche possibile applicare farmaci adeguati per eliminare i protozoi. I più usati sono la formalina e il verde malachite per circa 7 giorni, ma ce ne sono molti altri altrettanto efficaci.

Bisognerà seguire attentamente le istruzioni di ciascun prodotto per evitare avvelenamenti. Logicamente anche l’alimentazione fa la sua parte, bisognerà dare al pesce alimenti di buona qualità per rafforzare il sistema immunitario. Quando si usano i farmaci, è necessario rimuovere il carbone dal filtro e disattivare i filtri UV.

Ricordarsi di aumentare anche l’apporto di ossigeno quando si aumenta la temperatura dell’acqua. Un’altra alternativa alla soluzione è quella di rimuovere tutti i pesci dall’acquario, aumentare la temperatura a 30 ° C e attendere circa 4 giorni per assicurarsi che tutti i protozoi siano morti.

In questo caso, è necessario applicare il trattamento o cambiare completamente l’acqua entro 2 giorni nella vasca in cui abbiamo spostato i pesci, in modo da non reintrodurre la malattia.

Prevenzione

È possibile utilizzare prodotti di trattamento preventivo nella loro vasca, ma se la malattia si sviluppa in alcuni individui: bisognerà separare i pesci malati e trattarli con il prodotto con una dose preventiva raccomandata nel serbatoio. Il parassita quasi sempre viene introdotto nell’acquario da pesci acquistati da vasche già infestate o da piante comunque presenti in queste vasche.

Per prevenire e quindi evitare la malattia, dopo l’acquisto dobbiamo assicurarci di rispettare quaranta giorni di isolamento per le piante, quindi in una vasca senza pesci, in modo da dare il tempo al parassita di maturare per poi morire. Lo stesso procedimento andrà fatto per i pesci di nuova acquisizione.

Raffaella Lauretta

Potrebbero interessarti anche i seguenti link:

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI