Home Non solo Cani e Gatti Pipistrelli e malattie: l’ebola e tutte le patologie trasmissibili

Pipistrelli e malattie: l’ebola e tutte le patologie trasmissibili

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:02
CONDIVIDI

Quali sono le malattie trasmesse dai pipistrelli: tutte le patologie che derivano dal contato di questo animale con l’uomo.

Pipistrelli e malattie
Pipistrelli e malattie: le più comuni trasmesse dai chirotteri (Foto Pixabay)

Per alcuni fanno una certa impressione e altri hanno solo paura che possano impigliarsi nei capelli, eppure i pipistrelli possono anche causare malattie molto serie. Studi scientifici americani hanno dimostrato che questi inquietanti volatili sono i responsabili di patologie molto serie come ad esempio l’ebola, ma non solo. Ecco quindi cosa bisogna sapere sui rischi che si corrono quando l’uomo o altri animali entrano in contatto con un pipistrello e in che modo si può rischiare il contagio.

Pipistrelli e malattie: gli studi scientifici

Gli studi sulle conseguenze pericolose del contatto tra uomo e pipistrello non si sono mai fermate: in ordine cronologico, è stato associato a questo volatile la trasmissione di un tipo di influenza A. Il contagio può danneggiare soprattutto gli uccelli e il responsabile, a quanto pare, è un pipistrello che vive in Perù. L’uomo on è immune a questo tipo di contagio, sebbene fino a qualche anno fa, nessuno pensava che ci si dovesse guardare anche da quelli che alcuni hanno sempre definito ‘topi con le ali’. I chirotteri invece sulle loro ali sono in grado di trasportare dei virus anche molto pericolosi per l’essere umano. Ma quali sono le patologie da cui dobbiamo stare attenti? Ecco la lista completa delle patologie: meglio conoscerle per evitare ogni contatto con i chirotteri.

Le malattie trasmissibili dai pipistrelli

Pipistrello
Pipistrello: le patologie più pericolose per l’uomo e per gli animali (Foto Pixabay)

Una volta chiari tutti i rischi che si corrono a contatto con un pipistrello, probabilmente a qualcuno passerà la voglia di entrarvi in contatto e tanto meno di cibarsi delle sue carni (Leggi qui: Virus Cina: pipistrello come piatto al ristorante-VIDEO). Alcune di queste patologie potrebbero lasciarci a bocca aperta proprio per la loro rarità, almeno nel nostro Paese. L’errore però potrebbe essere proprio quello di pensare che esse siano così distanti da noi e dalla nostra quotidianità da non aver motivo di temerle. Ecco invece quali sono le malattie che un pipistrello può trasmettere sia all’uomo sia agli animali.

La rabbia

Per alcuni non sarà una sorpresa leggere che la patologia più legata al contatto con un chirottero è la rabbia. Si tratta di un’infezione molto grave, che spesso nell’uomo comporta conseguenze devastanti e talvolta letali. Non è stata mai debellata e per giunta il numero di morti mietuti da essa è ancora molto alto: si parla addirittura di oltre 50 mila defunti all’anno. Quali sono i pipistrelli responsabili? Quelli provenienti dal Sud America, che entrano in contatto con il bestiame provocandone il contagio: pensiamo ai 4 mila bovini e i mille cavalli morti in Brasile, proprio a causa di questo volatile. Il contagio avviene attraverso il morso

L’ebola

Si tratta di una febbre emorragica dalle conseguenze devastanti, che è partito dalla Guinea e ha già causato centinaia di morti. I primi focolai erano stati individuati nella Repubblica Democratica del Congo e il responsabile è individuato nella specie del Miniopterus inflatus. I numeri di morti in Congo negli ultimi anni è salito a circa 400, soprattutto nell’epidemia tra il 2013 e il 2016; ma casi accertati sono stati numerosi anche in Guinea, in Liberia e nella Sierra Leone.

La MERS

La ‘sindrome respiratoria mediorientale’ nata in Arabia Saudita nel 2012, ha contagiato 94 persone e, di queste 46 sono morte. I sintomi sono quelli di una polmonite ma le conseguenze sono ben più gravi. Alla MERS si associa spesso anche la SARS, la cui epidemia più famosa è stata quella scoppiata nel Sud-Est asiatico nel 2002 con le sue 8 mila persone infettate, di cui 800 morti.

Le malattie senza nome

Quelle prima elencate sono soltanto i virus conosciuti e già accertati da studi scientifici, ma vi sono delle malattie che ancora non hanno un nome ma che comunque sono associate al contagio da pipistrello: una di esse ha colpito alcune persone nel 1994 in Australia, nel sobborgo di Brisbane. Il contagio pare sia avvenuto a causa del consumo di alcuni frutti che erano stati morsi dai pipistrelli responsabili, soprannominati ‘volpi volanti’. Da citare anche il virus sconosciuto che nel 1999 ha mietuto circa 200 vittime in Malesia. Anche in questo caso i responsabili sono state le volpi volanti.

Pipistrelli e malattie: come avviene il contagio

Pipistrelli e malattie
Pipistrelli e malattie: quando il contagio è indiretto (Foto Pixabay)

Abbiamo già visto che no è solo il contatto diretto tra uomo o animale e chirottero provoca l’infezione: anche il consumo di prodotti infettati da esso possono essere la causa della trasmissione di alcune malattie. Può anche capitare che i pipistrelli infettino altri animali e innescano una catena che arriva fino all’uomo. Nel caso australiano i pipistrelli avevano infettato alcuni cavalli e poi è passato all’uomo. La saliva infetta dei pipistrelli ha contaminato la frutta scatenando i virus Nipah.

Il rischio è molto alto anche perché i pipistrelli sono in grado di volare anche su lunghe distanze, portando i virus anche molto lontano dal luogo di provenienza. La responsabilità però è anche dell’uomo: la deforestazione ha creato disagi agli animali costretti ad andare via dal loro habitat naturale e si avvicinano all’uomo per cercare cibo. Non dimentichiamo che i pipistrelli sono anche una grande risorsa per l’ecologia.

LEGGI ANCHE:

F.C.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI