Home Non solo Cani e Gatti Polli e volatili Cigno Collo nero: specie ornamentale da giardino e cortile

Cigno Collo nero: specie ornamentale da giardino e cortile

Cigno Collo nero, un esemplare di origine Sud-Americana dai fantastici colori. Vediamo quali le caratteristiche di questa specie rara ornamentale.

cigno collo nero
(Foto AdobeStock)

Il Cigno Collo nero è un uccello appartenente alla famiglia delle Anatidi. Grazie alla sua straordinaria bellezza tutti vorrebbero tenerlo nel proprio cortile o giardino.

Questo uccello, come accennavamo, appartiene alla famiglia degli Anatidi che comprende circa 145 specie distribuite in tutto il mondo, di taglia molto variabile (dai 30 ai 160 cm) e con abitudini di vita molto diverse.

Di questa famiglia fanno parte non solo i cigni ma anche anatre e oche. In questo articolo parleremo, in particolare del Cigno Collo nero delle caratteristiche, delle origini, dell’habitat e dell’alimentazione.

Caratteristiche del Cigno Collo Nero

Il Cigno Collo nero deve il nome al suo colorato collo che a differenza del suo corpo totalmente bianco si tinge di nero.

cigno
(Foto AdobeStock)

Il Cigno Collo nero e tutti i cigni in generale sono indicati come uccelli di grandi dimensioni proprio per le loro misure.

Misura, infatti, circa 125 cm, mentre il peso varia dai 4 ai 7 kg per i maschi, mentre le femmine sono circa 4,5 kg.

Anche nelle ali c’è differenza tra generi, in quanto sono larghe 40 cm nelle femmine e negli uccelli maschi 45 cm.

La caratteristica del Cigno Collo nero è proprio il piumaggio che nel resto del corpo è bianco puro.

In questa specie solo collo e testa sono neri, il becco bluastro con una sfumatura grigia, spicca sullo sfondo della pelle rossa sotto gli occhi.

Le ali affilate pure sono bianche e le gambe sono rosate, corte. Un’altra caratteristica di questo cigno è la velocità, poiché è in grado di raggiungere in volo fino a 85 km / h.

Il Cigno Collo nero è una specie monogama, come tutti i cigni e trovano un partner per la vita con cui danno alla luce una prole. Solo se il compagno o la compagna muore, sente di poterlo/a sostituire.

Indipendentemente dalla stagione in cui si trovano si riproducono ed è in quel periodo che i maschi diventano territoriali e un po’ aggressivi.

Infatti, tendono ad isolarsi in coppia o in piccole famiglie e solo dopo la nidificazione, si raggruppano di nuovo in branchi di grandi dimensioni (più di mille individui).

La cova poi sarà compito della femmina per 35 giorni circa. I giovani iniziano a volare in circa 3 mesi, ma in questa fase della loro vita, non si allontanano molto dai loro genitori.

Origini e habitat

Il Cigno Collo nero vive lo più in acqua, le zampe sono progettate esclusivamente per il nuoto. E proprio a causa dei piedi sono posizionati in modo speciale, ha difficoltà a spostarsi via terra e quando lo fa si muove in modo goffo.

Questo cigno predilige habitat composti da paludi, le aree pianeggianti, le lagune, i laghi interni, gli estuari, ecc. Inoltre non appare indifferenti alla vegetazione delle specie galleggianti.

È molto diffuso in tutto il Sud-America (Brasile, Messico, Argentina) e anche in Patagonia. Per lo svernamento se il regime di temperatura nel loro habitat non scende al di sotto di un certo livello, possono volare altrove.

Tuttavia il Cigno Collo nero, rientra tra gli animali rari ornamentali che tutti vorrebbero nel proprio giardino.

Potrebbe interessarti anche: Il fagiano di Lady Amherst: specie ornamentale rara da cortile

Cosa mangia il Cigno Collo nero

L’alimentazione del Cigno Collo nero è basata su tutto ciò che riesce a filtrare nell’acqua e nella melma, oltre che di erba e di bacche acquatiche.

Essendo dotato di un forte becco con i denti all’estremità ed un gran numero di setole spinose sulla lingua è in grado di abbattere le foglie delle piante.

In cattività si nutre spesso anche di si nutrono spesso di sedano selvatico, verdure, achillea e piante acquatiche simili. In rari casi, possono mangiare uova di rana, pesce e piccoli invertebrati.

Malattie comuni dei cigni e tutti gli uccelli della famiglia delle Anatidi

Il Cigno Collo nero non è soggetto a malattie specifiche, tuttavia come tutti gli altri uccelli appartenenti alla famiglia delle Anatidi, può essere colpito da patologie comuni, quali:

  • diarrea e costipazione: solitamente causata da un eccesso di verdure o erba eccessivamente acquose, foraggi bagnati, nonché da cereali o altri alimenti danneggiati, ma altre volte è dovuta all’esistenza di vermi nell’intestino. Mentre la costipazione è derivante, in genere, dall’eccesso di cereali somministrati senza macinare o dall’ingerimento di sostanze non digeribili, come la crusca d’avena;
  • anomalie e incidenti negli organi genitali: questi sono gli stessi che di solito si registrano nei polli, come la postura laboriosa, il prolasso dell’ovidotto, l’ernia di questo organo, provoca la postura intra-addominale, cioè la caduta dell’uovo nell’addome e la deposizione di uova anormali;
  • aspergillosi: viene trasmessa da un fungo che contagia principalmente gli esemplari giovani: questa malattia intacca le vie respiratorie;
  • capogiri: anatre e oche sono inclini a vertigini, a volte causate da effetti cerebrali (ictus, meningite, ecc)e talvolta dalla presenza di parassiti. Esistono tecniche per alleviare il problema dell’animale, ma non lo cura, perché la causa rimane;
  • crampi: le articolazioni si gonfiano, gli animali non possono camminare e di solito presentano diarrea. Quando si presenta non c’è niente da fare, poiché quasi tutte le anatre affette muoiono rendendosi pelle e ossa;
  • malattie dei parassiti: vivendo all’aperto nei campi, ingeriscono organismi che poi vivono e si riproducono nei loro corpi, determinando condizioni spesso gravi e causandone la morte. A volte sono coccidi, che si depositano nel tratto digestivo, specialmente nell’intestino. Altri parassiti del pollame sono gli spirochete, di cui ogni specie ha il suo. Gli spirochete sono parassiti del sangue, che vengono trasmessi dal morso di insetti. Altro parassita è il pidocchio rosso, presente nelle penne sporche in modo abbandonate, è uno dei fattori più frequenti della capirochetosi. Infine il tricosoma, parassita che si introduce nella mucosa e nella sottomucosa dell’esofago, paralizzando la sua funzione e causando ritenzione di cibo;
  • ulcera gialla: si manifesta nella mucosa orale, determinando la formazione di un materiale burroso che di solito si accumula sotto la lingua, a volte si estende alla glottide riuscendo a bloccarla provocando asfissia, ma nonostante sia un male molto contagioso, è facilmente guaribile. Un trattamento locale è sufficiente.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Raffaella Lauretta