Home Non solo Cani e Gatti Polli e volatili Come scegliere un pappagallo parlante? Razze, prezzi e caratteristiche

Come scegliere un pappagallo parlante? Razze, prezzi e caratteristiche

CONDIVIDI

Avete deciso di prendere un animale in casa e state anche pensando a un pappagallo parlante? Ne vorreste uno che possa interagire con grandi e piccoli della famiglia? Dovete sapere che non tutte le razze parlano, ci sono specie più propense e altre meno

Pappagallo parlante Cacatua
Pappagallo parlante Cacatua (Foto fonte Pixabay)

Il pappagallo parlante, simpatico e colorato volatile, apprende per osmosi linguistica e non con lezioni frontali. Ma quali sono le razze di pappagalli che possiamo definire più parlanti? Quanto costano? Quali sono quelli più socievoli? Quali quelli più colorati? Da dove arrivano? Le razze di pappagallo parlante sono varie, il loro costo varia dai 700 ai 1000 euro e il più longevo di tutti è l’Amazzone che può vivere fino ad 80 anni.

Le razze dei pappagalli parlanti

Pappagallo parlante Conuro
Pappagallo parlante Conuro (Foto fonte Pixabay)

Quindi quale scegliere? Ecco un elenco che potrà aiutarvi nel percorso che vi porterà alla scelta finale:

  • Cenerino: originario dell’Africa, non è variopinto come le altre specie, ma è caratterizzato dal color grigio cenere con punte di bianco e coda rossa. Ha un carattere deciso e forte e non ama stare in gabbia. Il cenerino sviluppa un attaccamento quasi morboso al suo padrone e ripete ogni frase. Può vivere dai 40 ai 60 anni e esistono due specie; il Cenerino Maggiore (oltre 35 cm di lunghezza) e il Cenerino Minore (più piccolo e più scuro).
  • Parrocchetto monaco: è caratterizzato da colori più vivaci e dalle dimensione più contenute rispetto al cenerino. Il suo prezzo varia molto in base alla livrea e l’addestramento poiché i pappagalli parlanti addestrati a mano costano di più.
  • Amazzone: come detto è la razza più longeva. Originario del Sud America è più grande del Cenerino, è variopinto, sveglio, intelligente, socievole e giocoso ma come il cenerino è geloso del suo padrone. L’alimentazione del pappagallo? Sappiate che è goloso di noci, frutta e fogliame.
  • Cacatua: questa razza di pappagallo è originaria di un terzo continente, l’Oceania ed è tra i più loquaci. Ha i becco ricurvo, il piede zigodattilo, la cresta erettile e un piumaggio chiaro con qualche cenno di colore un po’ più vistoso. Anche il cacatua è intelligente ma ha bisogno di essere ascoltato e stimolato Le sue misure variano dai 30 ai 60 cm.
  • Conuro: è vivace, affettuoso, allegro, bravo a imitare la voce umana e coloratissimo. Ha infatti il mantello giallo oro, le ali verdi con una punta blu, il ventre e i lati del becco arancione e la coda che è una mescola di tutti questi colori. Arriva da Sud America, è grande circa 30 cm e mangia anche i fiori.
  • Ara: è una presenza immancabile in parchi acquatici e parchi giochi e la specie più conosciuta è l’ara gialloblu o ara ararauna. Ha un fisico robusto (80 cm e oltre), ama arrampicarsi usando zampe e il becco, è tranquillo, docile ed è un bravissimo imitatore. È originario del Centro e del Sud America e mangia frutta, sementi, bacche, germogli e lumachine.
  • Calopsite: di media/ piccola taglia (30-32 cm) e media aspettativa di vita (20 anni circa) è la razza più economica. È socievole, poco aggressivo, curioso e stimolate, impara giochi e parole. Questa razza arriva dall’Australia e mangia bacche, frutta, semi e verdura.

Se avete in casa un volatile o state per prenderlo non dimenticate una regola che vale per tutti soprattutto in questo periodo dell’anno: gli uccelli soffrono il caldo, ecco come proteggere pappagalli e canarini d’estate.

Potrebbe interessarti anche >>> Come addestrare un pappagallo in 5 semplici passaggi

S.C.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI