Home Non solo Cani e Gatti Polli e volatili Faraona Vulturina: specie rara ornamentale da cortile e da giardino

Faraona Vulturina: specie rara ornamentale da cortile e da giardino

Faraona Vulturina, una specie molto apprezzata per la sua docilità, uno splendido esemplare raro da cortile e da giardino.

faraona vulturina
Faraona Vulturina. (Foto AdobeStock – Amoreaquattrozampe.it)

Tra gli animali ornamentali rari molto apprezzati da diversi allevatori e appassionati, che amano abbellire il proprio cortile vi è la faraona Vulturina.

Oggi, andremo a conoscere, questo esemplare molto particolare nella sua specie, si tratta di un maestoso e colorato volatile.

Scopriamo, quali le caratteristiche, le origini, l’habitat, l’alimentazione e tante altre informazioni, su questo straordinario uccello.

Caratteristiche della faraona Vulturina

La faraona Vulturina è la più grande specie esistente di faraona.

faraona vulturina
Faraona Vulturina (Foto AdobeStock – Amoreaquattrozampe.it)

La faraona Vulturina, è l’unica specie del genere Acryllium. Si tratta di un uccello piuttosto grande che misura tra 61 e i 71 centimetri.

L’esemplare adulto ha la testa e una parte del collo privo di piume che la rende molto somigliante ad un avvoltoio.

Il petto, invece presenta un piumaggio color blu, mentre il resto del corpo è nero e bianco.

Maschio e femmina di questa specie sono simili (la femmina è in genere leggermente più piccola).

Questa faraona per riprodursi deve raggiungere circa 8/9 mesi nel maschio e circa 7/8 mesi nella femmina.

La femmina depone dalle 10 alle 15 uova, di color giallognolo-marroncino, che poi cova per almeno 23 giorni.

Una volta schiuse le uova, i pulcini vengono svezzati dopo circa un mese dalla nascita.

Una particolarità di questo uccello è che se spaventato piuttosto che spiccare il volo, corre ed emette un vocalizzo stridulo.

Origini e habitat

La faraona Vulturina è originaria della parte orientale dell’Africa, in particolare da Somalia, Etiopia e Kenya.

Può essere allevata in cattività senza grossi problemi, dato che ben si adatta alla convivenza con altre specie di faraone e ai nostri territori (a meno che le temperature non vadano sotto i 5°).

Per coloro che intendono allevarla, gli esperti consigliano zone aperte e alberate, dove questa specie può pascolare e cercare liberamente del cibo.

Tuttavia, si adegua senza problemi alla vita in grandi recinzioni, basta fornirgli un ricovero notturno (in particolare durante la stagione invernale).

Potrebbe interessarti anche: Gallina Nana Calzata: specie ornamentale rara da cortile e da giardino

Cosa mangia la faraona Vulturina

I mangimi per la faraona Vulturina, devono essere freschi e mai vecchi, poiché al contrario delle galline, le faraone si rifiuteranno di mangiare.

Per questo tipo di animali, esistono delle vere e proprie miscele sia per i pulcini (composte da grassi, quindi lipidi, per il 4%, da estratti inazotati per il 55%, da ceneri per il 7% e da fibre con percentuali che vanno del 3 al 5%) sia per adulti.

Come infatti, una volta diventate a tutti gli effetti adulte l’alimentazione delle galline faraone deve contenere mangimi composti quali mais, frumento, orzo e crusca.

Non solo deve contenere anche erbe tagliate, carne, ossa, additivi e insetti. Ciò che conta è la percentuale di proteine che deve essere del 24%.

SEGUICI ANCHE SU: FACEBOOK | TIKTOK | INSTAGRAM | YOUTUBE | TWITTER 

Malattie degli uccelli

Le malattie che potrebbero colpire la faraona Vulturina e tutte le altre razze, sono le stesse che potrebbero manifestarsi in qualsiasi altro uccello.

Le principali patologie degli uccelli sono:

  • aspergillosi;
  • cannibalismo;
  • coccidiosi;
  • congelamento;
  • dermatite;
  • disordine metabolico;
  • enfisema;
  • fratture;
  • gotta;
  • infestazione da gozzo;
  • kloatsit;
  • laringotracheite infettiva;
  • malattie di Marek;
  • microplasmosi respiratoria;
  • naso che cola;
  • pasteurellosi;
  • pidocchi;
  • posa di uova ritardata;
  • psicattosi;
  • salmonellosi.

Questo l’elenco delle patologie che potrebbero colpire i volatili in genere.