Home Non solo Cani e Gatti Polli e volatili L’Albatros: l’uccello di mare gigante. Caratteristiche e tanto altro

L’Albatros: l’uccello di mare gigante. Caratteristiche e tanto altro

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:03
CONDIVIDI

L’Albatros o Albatro il più grande uccello di mare con eccellenti capacità di volo. Queste e tante altre curiosità su l’Albatros.

albatros
Misura circa 1,20 metri e può pesare fino a 12 kg, mentre l’apertura alare può raggiungere i 3 metri e mezzo.(Foto AdobeStock)

L’Albatros è un uccello marino che non solo sorprende per la sua apertura alare, ma sbalordisce e incuriosisce molti studiosi per il suo modo di volare. Infatti questo uccello è in grado di volare per decine di migliaia di chilometri in un solo viaggio e a circumnavigare il globo in appena 46 giorni senza sprecare energie.

Tutto ciò è possibile grazie alla sua tecnica di volo che consiste in una manovra molto dinamica che gli permette di andare in alto, allungando semplicemente le ali mentre vola nel vento, per poi di girare e di scendere in picchiata raggiungendo una velocità fino a oltre 100 km/h. L’albatros ripete questa manovra in modo continuo e sfruttando i venti favorevoli, riesce a viaggiare per migliaia di chilometri.

Caratteristiche dell’Albatros

albatros
L’albatros il cui nome scientifico Diomedeidae, appartiene all’ordine dei procellariiformi è un uccello marino.(Foto AdobeStock)

L’Albatros il cui nome scientifico Diomedeidae, appartiene all’ordine dei procellariiformi è un uccello marino, uno dei più grandi uccelli esistenti. Misura circa 1,20 metri e può pesare fino a 12 kg, mentre l’apertura alare può raggiungere i 3 metri e mezzo per l’albatro reale e l’albatro urlatore. È di colore bianco, con ali e coda parzialmente nere, le ali sono molto robuste e presentano estremità curve e aerodinamiche.

Possiede la testa molto grande, il becco forte con una forma simile a quella di un uncino, estremamente utile alla pesca. Un’altra caratteristica di questo uccello è la sua longevità, infatti può arrivare a vivere anche 50 anni, ciò dipende anche dalla specie. Di Albatros infatti ne esistono diverse specie, ancora di preciso non è chiaro il numero, ma ciò che è certo è che si dividono in 4 in quattro generi:

  • Diomedea che comprende grandi albatros;
  • Thalassarche;
  • Phoebastrial che include gli albatros del Nord Pacifico;
  • Phoebetria che include gli albatros scuri.

Ognuna di queste specie vive in colonie e formano coppie per la vita ed insieme formano il nido, usando: erba, cespugli, terreno e piume.

Habitat e riproduzione

Albatro vermicolato
Albatro vermicolato (Foto Pinterest)

L’Albatros vive negli oceani meridionali e nell’Oceano Pacifico, mentre è ormai scomparso dall’Atlantico settentrionale. Predilige le zone poco abitate, ragion per cui trascorre la maggior parte della sua vita, sorvolando gli oceani e interrompendo il volo per fermarsi nelle isole sperdute, più distanti e soprattutto ventilate in modo che possa usufruire delle correnti per spiccare il volo.

Per quanto riguarda la riproduzione di questo uccello raggiunge la maturità sessuale all’età di cinque anni, ma non sempre coincide anche con il periodo in cui si accoppia, a volte possono passare anche 10 anni dalla nascita, prima che si accoppi. L’Albatros scegli una compagna e ci resta per la vita, ma prima la corteggia con pratiche di rituali di accoppiamento e danze.

Dopodiché avviene l’accoppiamento e a seguire la femmina deporrà un singolo uovo del peso compreso tra 200 e 500 grammi. L’incubazione dell’uovo durerà circa 70-80 giorni e viene seguito da entrambi gli uccelli. Alla schiusa il pulcino verrà ancora protetto e alimentato dai genitori, per almeno tre settimane fino a quando non sarà in grado di difendersi, alimentarsi e termoregolarsi.

L’Albatros ha un’aspettativa di vita ci circa 35-42 anni, a scanso di incidenti che molto spesso accadono. Infatti questi uccelli sono spesso vittime delle reti dei pescatori inconsapevoli di questa cattura involontaria.

Alimentazione dell’Albatros

L’alimentazione dell’Albatros, è costituita principalmente da cefalopodi, ossia seppie, polpi, calamari, ma anche pesci e crostacei. Anche se molto spesso segue le barche dei marinai nella speranza di rubare qualche pesce dalle loro imbarcazioni o magari aspettare gli scarti che questi producono.

Infondo questo uccello è ben visto dai marinai, in quando diverse sono le leggende sull’Albatros, indicato come buono auspicio. Non solo, l’Albatros non disdegna neanche i pulcini di un’altra specie e in mancanza di altro aggiunge alla sua alimentazione con lo zooplancton.

Potrebbe interessarti anche: Alimenti dannosi per gli uccelli: ecco quali sono

Raffaella Lauretta