Malattia di Marek negli uccelli: cause, sintomi e trattamento

Foto dell'autore

By Raffaella Lauretta

Polli e volatili

Malattia di Marek negli uccelli, una patologia composta da diversi virus solitamente molto contagiosi. Vediamo cause, sintomi e prevenzione.

pappagallo malato
(Foto AdobeStock)

Sono tantissime le persone appassionate di volatili in genere e altrettanti sono coloro che allevano galline e polli.

Proprio per questo, a coloro che hanno voliere e per i pollai fatti in casa, gli esperti consigliano, di mantenere sempre una buona igiene.

La pulizia per combattere infezioni varie e patologie, come la Malattia di Marek negli uccelli, è fondamentale. L’igiene e la pulizia, praticamente, sono necessarie per tenere alto il sistema immunitario di questi volatili.

Purtroppo, questi consigli non sempre vengono ascoltati e ci si ritrova con voliere e pollai devastati da questa patologia, in quanto possiede un tasso di mortalità elevato ed è altamente contagiosa.

Vediamo, quindi, quali le cause, i sintomi e il trattamento della Malattia di Marek negli uccelli.

Cause della Malattia di Marek negli uccelli

La Malattia di Marek negli uccelli, conosciuta anche come paralisi del pollo, è una patologia causata da un virus della famiglia degli herpesviridae che ha conseguenze fatali.

Si tratta di una malattia virale, neoplastica, che si caratterizza per l’introduzione di linfomi della cellula T negli organi e nei tessuti di alcuni uccelli.

Il virus può essere diffuso da goccioline trasportate dall’aria su lunghe distanze, oppure attraverso escrementi, mangimi e piume degli uccelli.

Fortunatamente, tale virus che causa la malattia di Marek, non può svilupparsi negli esseri umani, anche se può entrare nel nostro corpo, ma non è in grado di riprodursi.

Sintomi

I volatili colpiti dalla malattia di Marek presentano sintomi diversi a seconda della gravità.

pappagallo malato
(Foto AdobeStock)

Da sottolineare che dopo l’infezione, l’animale non mostra alcun sintomo per 10-15 giorni.

Il virus può essere in una forma inattiva, dopo una diminuzione dell’immunità, progredisce rapidamente.

I segnali che si possono individuare negli uccelli con la Malattia di Marek, possono essere:

  • paralisi flaccida delle ali o delle zampe (può essere unilaterale o bilaterale);
  • problemi alla milza e al fegato;
  • diarrea;
  • vomito;
  • coordinazione dei movimenti spesso compromessa;
  • respiro sibilante e mancanza di respiro;
  • mancanza di appetito;
  • ali aperte, non posizionate simmetricamente;
  • perdita della vista.

In caso di paralisi del collo o ad ogni modo sintomi nervosi causati dalla malattia è semplice pensare di essere di fronte alla malattia di Marek, ma nel caso dei sintomi addominali, i segnali sono molto meno specifici e possono confondere il veterinario.

Potrebbe interessarti anche: Le principali malattie degli uccellini: cause e sintomi

Diagnosi e trattamento della Malattia di Marek negli uccelli

Purtroppo, la Malattia di Marek negli uccelli è difficile da diagnosticare, in quanto è possibile dedurla solo dall’interpretazione del quadro clinico dell’animale.

Come infatti, il veterinario dovrà:

  • esaminare l’uccello durante una passeggiata;
  • ispezionare degli uccelli in condizioni di quarantena;
  • analizzare le piume di un uccello malato;
  • studiare colture batteriologiche;
  • rilevare il virus con il metodo dei campioni.

Se l’uccello invece è morto è possibile realizzare delle diagnosi post-mortem. La necroscopia per identificare le lesioni che causa il virus di Marek negli uccelli è fondamentale.

La malattia ha un decorso di un paio di settimane, passato questo tempo inevitabilmente l’animale morirà in quanto non ci sono medicine che possano combatterla.

Le uniche azioni possibili per evitare questa malattia sono: rispettare dei protocolli, effettuare la vaccinazione per evitare il contagio e la pulizia.

 

 

Gestione cookie