Home Non solo Cani e Gatti Polli e volatili Il pavone fa la ruota: quando e perché fa questo movimento

Il pavone fa la ruota: quando e perché fa questo movimento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:25
CONDIVIDI

Lo conosciamo per la sua eleganza e la sua magnifica coda: ma sappiamo quando e perché un pavone fa la ruota? Cosa nasconde questo spettacolare movimento.

Il pavone fa la ruota
Il pavone fa la ruota: tutti i motivi alla base di questa danza (Foto Pixabay)

Se si pensa al pavone qual è la prima caratteristica che ci viene in mente di questo animale? Gran parte di noi, se non tutti, risponderemmo: la coda. Questa estremità del suo corpo che sembra a tutti gli effetti un ventaglio che si apre e mostra una serie di motivi simili a degli occhi. Ad essa sono legate numerose leggende e tradizioni, a cui accenneremo. Ma perché il pavone fa la ruota? In cosa consiste questo movimento e in che occasione il pavone lo fa, lasciando a bocca aperta gli astanti che hanno la fortuna di vederlo? Tutte le curiosità legate alla ruota di questo uccello.

Potrebbe interessarti anche: Frank, il pavone diventato famoso sui social per il suo lungo viaggio

La coda del pavone: la differenza tra maschi e femmine

Piume
Piume (Foto Pixabay)

Oltre ad essere l’elemento più affascinante del corpo di questo volatile, la coda del pavone è anche il tratto distintivo del suo dimorfismo sessuale. Infatti il maschio si distingue dalla femmina proprio per la ‘ricchezza’ di questa coda, o ventaglio che si apre all’estremità del suo corpo. Esso è costituito da circa 150 piume, lunghe circa 1,5 m e dai meravigliosi colori: si va dal verde al blu al nero. Sono proprio queste sfumature cromatiche a creare dei motivi, dei disegni sull’intera ampiezza del ventaglio quando è aperto: non a caso si dice che si vedano degli occhi, proprio per la forma che assumono questi tratti.

Per quanto riguarda le femmine della specie la qualità del ventaglio è notevolmente diversa: le piume sono meno numerose e più corte, quindi anche l’ampiezza del ventaglio (che si apre solo per la cova delle uova o per coprire i piccoli nati) è molto meno spettacolare rispetto all’esemplare maschile. Anche nella varietà dei colori questa caratteristica appare piuttosto ‘limitata’: solo marrone e le sue sfumature. A quanto pare il ventaglio non cattura solo l’attenzione degli umani e degli altri animali, ma anche quella delle femmine della specie che si accoppiano col maschio.

Queste 150 piume cadono in autunno, nel periodo della muta: questa stagione segue quella del corteggiamento e del successivo accoppiamento. I colori del ventaglio tendono a cambiare grazie al movimento delle fibre che compongono la struttura della piuma. Erroneamente si può pensare che queste piume servano al volatile a volare: invece hanno una struttura totalmente differente. Infatti le piume che formano lo spettacolare ventaglio hanno fibre separate, mentre le seconde sono composte di fibre unite.

Potrebbe interessarti anche: Pavone domestico: caratteristiche e alimentazione

Il pavone fa la ruota: in cosa consiste questo movimento

Il pavone fa la ruota
Il pavone fa la ruota: prima del movimento ha la coda bassa (Foto Pixabay)

L’espressione è molto nota, ma sappiamo cosa significa? Quando il pavone fa la ruota attua un comportamento dimostrativo della sua bellezza e delle sue peculiarità fisiche per attrarre l’attenzione delle femmine della specie, e non solo. Infatti attraverso questo atteggiamento questo meraviglioso uccello stende le sue piume, soprattutto nella stagione dell’amore. Questo estremo ‘esibizionismo’ del maschio è alla base anche dell’espressione (spesso ironica) del ‘pavoneggiarsi’, proprio a sottolineare la vanità e la voglia del soggetto di mostrare le sue grazie solo per ricevere complimenti ed attenzioni. L’animale quindi, con questa movenza, compie una rotazione su se stesso con le piume rizzate e ben estese, sorrette dalla coda posteriore.

Perché il pavone fa la ruota: non è solo corteggiamento

Che ruolo ha la coda e il movimento che il pavone fa con essa nella fase del corteggiamento della femmina? Direi essenziale. Infatti pare che, in seguito a questo movimento, la femmina scelga il maschio con cui accoppiarsi e generare i piccoli. Uno stesso esemplare maschile può copulare con più femmine, quindi si tratta di un poligamo: esse sono attirate dall’uccello che mostrerà di possedere i geni migliori per proseguire la specie. Infatti elementi ‘discriminanti’ tra un esemplare e l’altro sono l’ampiezza del diametro della piuma e il contrasto cromatico delle piume. Ma se non fosse solo questione di corteggiamento?

Altre teorie hanno ipotizzato che la femmina non fosse in realtà così attratta da questo ventaglio né sul suo movimento a ruota. Inoltre può sembrare che il pavone stesso compia questa ‘danza’ non per corteggiare la femmina, bensì perché è spaventato e si sente in pericolo: facendo la ruota tentano di ‘intimorire’ il nemico e di farlo allontanare.

Quindi non è solo per attirare l’attenzione delle femmine, ma probabilmente anche per mostrarsi elegantemente pericoloso. Vogliono disorientare il nemico e tentare di dissuaderlo dai suoi cattivi propositi: in realtà questo comportamento mette ancora di più in luce la loro fragilità.

Leggende e simbologie del pavone

Occhio
Particolare di piuma del pavone (Foto Pixabay)

Una leggenda narra che i colori delle piume del pavone avevano il potere di trasformare il veleno in una sostanza solare. I disegni che formavano occhi invece simboleggiavano lo sguardo di Dio. Nel Medioevo però quest’idea degli occhi di Dio ha ceduto il posto a valori negativi come la vanità e l’apparenza.

Il suo significato simbolico è legato all’idea della longevità, ma anche della rinascita e dell’amore (Leggi qui: Significato simbolico del pavone, le origini e le credenze popolari). Dagli antichi romani era stato ribattezzato ‘Uccello di Giunone’, poiché aveva il ruolo di accompagnatore delle anime regali nel regno dell’aldilà. Non a caso solo un uccello così elegante e bello poteva assumere questo compito così austero. Quindi il pavone è simbolo di cambiamento, di rinascita e di immortalità: infatti, pur nutrendosi di serpenti velenosi, non restano intossicati dal loro veleno.

F.C.