Home Non solo Cani e Gatti Polli e volatili Smergo dal cappuccio: animali rari dei cortili e dei giardini

Smergo dal cappuccio: animali rari dei cortili e dei giardini

Lo Smergo dal cappuccio, rarissimo animale che vorremmo vedere nei cortili e abbellire con essi il giardino. Scopriamo tutto su quest’anatra.

smergo dal cappuccio
(Foto AdobeStock)

Il mondo degli animali da cortile rari, è tutto da scoprire, in quanto esistono esemplari bellissimi da vedere e da allevare, nei cortili e nei giardini.

Queste specie rendono i nostri spazi esterni, molto caratteristici e unici.

Oggi in particolare andremo a scoprire lo Smergo dal cappuccio, una varietà di anatra affascinante nel suo genere.

Caratteristiche dello Smergo dal cappuccio

Lo Smergo dal cappuccio (Lophodytes cucullatus) è una piccola anatra, unico membro del genere Lophodytes e anche se possiede il becco a sega, non viene classificato tra gli smerghi veri e propri.

smergo dal cappuccio
(Foto AdobeStock)

Lo smorgo dal cappuccio è goffo ma veloce, riesce a decollare correndo sull’acqua utilizzando un battito d’ali incessante e rapido.

Misura circa 40-49 cm per un peso di circa 540-680 gr. È dotato di una caratteristica cresta dietro la testa, che può essere estesa o chiusa.

Il maschio presenta su questa cresta, una grande macchia bianca, mentre la testa si presenta nera ed i fianchi sono bruno rossastri.

Per quanto riguarda la femmina, questa è dotata di una cresta rossastra e il resto della testa e del corpo è bruno-grigiastra.

L’iride dei maschi è di colore giallo brillante, mentre l’iride delle femmine e dei maschi immaturi è di un marrone più opaco.

Origini e habitat

Lo Smergo dal cappuccio è un uccello migratore sulle brevi distanze e sverna negli Stati Uniti, in aree dove le temperature invernali non ghiacciano stagni, laghi e fiumi.

smergo dal cappuccio
(Foto AdobeStock)

Infatti il suo habitat naturale sono le paludi e gli stagni forestali e preferisce nidificare nelle cavità degli alberi vicini all’acqua o nelle scatole di nidificazione per le anatre di bosco.

Lo Smergo dal cappuccio ha una covata ogni anno, si riproducono da fine febbraio a giugno, a seconda della latitudine.

Sebbene la maggior parte degli allevamenti avvenga a marzo e aprile.

I giovani lasciano il loro nido entro 24 ore dalla schiusa e sono in grado di nutrirsi e immergersi immediatamente dopo la nascita.

Cosa mangia lo Smergo dal cappuccio

La tecnica di caccia dello Smergo dal cappuccio consiste nell’immergersi, nuotando poi sott’acqua cercando di prendere piccoli pesci, crostacei e insetti acquatici.

Potrebbe interessarti anche: Il Germano reale detto capoverde: il prototipo dell’anatra domestica

Le principali malattie comuni nelle anatre

Per quanto si possa trattare di animali fortificati dal tipo di ambiente da cui provengono, sono comunque specie soggette a determinate malattie di genere o attaccati da acari parassiti.

Organismi che possono provocare l’insorgere di malattie al tuo volatile da cortile.

Le suddette malattie possono essere:

  • diarrea: causata da un eccesso di verdure o erba eccessivamente acquose, foraggi bagnati, nonché da cereali o altri alimenti danneggiati, ma altre volte è motivato dall’esistenza di vermi nell’intestino. La diarrea a volte si presenta in una forma di dissenteria, cioè nelle feci sanguinolente, a causa dell’infiammazione dell’intestino. In questo caso si consiglia, ovviamente, la dieta con pane e acqua, ma non il purgante mescolato nel cibo.
  • costipazione: derivante, in genere, dall’eccesso di cereali somministrati senza macinare o dall’ingerimento di sostanze non digeribili, come la crusca d’avena. La costipazione può essere combattuta con lavaggi a olio di mandorle dolci. È anche possibile somministrare purgante all’olio di ricino o soda solfato (due o tre grammi in un cucchiaio d’acqua grande).

Potrebbe interessarti anche:Anatra Sposa o Carolina: caratteristiche, alimentazione e habitat

  • capogiri: a volte causati da effetti cerebrali (ictus, meningite, ecc.) e talvolta dalla presenza di parassiti. Qualunque sia la causa, è seria, e poiché non ha cura, è meglio sacrificare l’uccello. Esistono tecniche per alleviare il problema dell’animale, ma non lo cura.
  • aspergillosi: trasmessa da un fungo che contagia principalmente gli esemplari giovani: questa malattia intacca le vie respiratorie, in particolare i polmoni rendendo la respirazione dell’animale difficoltosa. In questo caso l’animale emette una serie di gorgoglii e fa fatica a respirare.
  • coccidiosi: una malattia causata da batteri, si può prevenire e curare con appositi antiparassitari. Colpisce maggiormente gli esemplari giovani e va ad intaccare in particolare la zona dei reni e dell’intestino. I sintomi che aiutano ad individuare la malattia sono: con piume arruffate, postura ingobbita, occhi socchiusi, apatia, scarso appetito, magrezza e diarrea (anche con tracce di sangue).

Potrebbe interessarti anche: Alimenti da non dare alle anatre domestiche: cibi da evitare

  • ulcera gialla: è una condizione che si manifesta nella mucosa orale, determinando la formazione di un materiale burroso che di solito si accumula sotto la lingua, a volte si estende alla glottide riuscendo a bloccarla provocando asfissia, ma nonostante sia un male molto contagioso, è facilmente guaribile.
  • tenia: sono parassiti che infettano il sangue di alcuni insetti che, se ingeriti dagli uccelli o perché li mordono , trasportano il parassita nel loro sangue, agendo così da portatori di esso. Altri parassiti del pollame sono gli spirochete, di cui ogni specie ha il suo. Quella delle anatre è l’auserina spirochette. Gli spirochete sono parassiti del sangue, che vengono trasmessi dal morso di insetti.
  • Pidocchio rosso: un parassita presente nelle penne molto sporche, è uno dei fattori più frequenti della capirochetosi.
  • Tricosoma parassita: che si introduce nella mucosa e nella sottomucosa dell’esofago, paralizzando la sua funzione e causando ritenzione di cibo. Ciò non deve essere confuso con esofagite o embuchadura, causati dall’accumulo di cibo. Quando si tratta di questo, il male non ha rimedio, non esiste una cura nota per questo male.
  • crampi: una manifestazione artritica infettiva, che causa gonfiore nelle articolazioni e impossibilità nei movimenti oltre che diarrea. Purtroppo a volte arriva alla forma cronica, quando si presenta non c’è niente da fare, poiché quasi tutte le anatre affette muoiono per forte dimadigremento.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Raffaella Lauretta