Home Non solo Cani e Gatti Polli e volatili Uccelli e animali esotici dal veterinario: tutti i motivi per farlo

Uccelli e animali esotici dal veterinario: tutti i motivi per farlo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:38
CONDIVIDI

Non solo cani e gatti, ma anche uccelli ed altri animali esotici domestici devono fare una visita dal veterinario: ecco una serie di buoni motivi.

Animali esotici dal veterinario
Animali esotici dal veterinario: i buoni motivi per farlo (Foto Pixabay)

Erroneamente si potrebbe pensare che gli uccelli e gli altri animali esotici che teniamo in casa non abbiano bisogno di visite dal veterinario come i ‘comuni’ cani e gatti. Altri pensano anche che, non avendo mai sofferto prima di alcun malessere, non debbano prevenire un’eventuale patologia con una visita. Ma in realtà tutti gli animali esotici e volatili dovrebbero essere sottoposti a visita all’occhio scrupoloso di un esperto e non solo quando sono già malati e magari è troppo tardi.

Uccelli e animali esotici dal veterinario: perché farlo

Furetto
Furetto domestico: i motivi per farlo visitare (Foto Pixabay)

Un veterinario non è solo il medico che cura il problema ma è anche, e soprattutto, un fidato consigliere perché esperto in materia. Alla luce di questo è bene capire tutti i motivi che dovrebbero spingerci a portare i nostri amati amici volatili in visita.

Prevenzione: sono previste vaccinazioni annuali per animali tenuti in casa, come furetti, potbellied o mini-maiali, volpi kinkajous e fennec. E’ necessario per prevenire le malattie che spesso possono risultare fatali. Attraverso alcuni campioni sarà possibile analizzare secrezioni presenti nella cavità orale, nasale o cloacale, per scongiurare la presenza di germi patogeni. Se lo stress abbassa le difese immunitarie del volatile è più alto il rischio che batteri patogeni si moltiplichino. Le analisi del sangue invece servono a capire se l’animale è in stato anemico, se ha infezioni  patologie in corso. In questo modo si possono curare eventuali patologie epatiche o renali.

Nutrizione: legata a doppio filo con la salute è il discorso sul cibo. Un’alimentazione giusta ed equilibrata aiuta a stare in forma e a prevenire il rischio di possibili malattie. A quanto pare non basterà aprire una scatoletta di mangime, poiché l’animale esotico ha bisogno di una dieta fatta apposta per lui.

Vermi e parassiti: questi microscopici nemici non attaccano solo la salute di cani e gatti, ma anche quella dei nostri animali esotici. Se di tipo intestinale possono addirittura essere trasmessi alle persone. Essi si nutrono anche delle componenti utili alla crescita del tuo animale, impedendogli di crescere sano e forte. Con esami delle feci invece è possibile escludere tutta una serie di parassiti (Leggi qui: parassiti del furetto) come tenie, ascaridi ed altri vermi, coccidi, giardie ed altri protozoi. Al microscopio si riusciranno ad analizzare le loro stesse uova.

Consigli sull’habitat ideale: gli uccelli e gli animali esotici hanno bisogno di alcune condizioni relative all’ambiente in cui vivono. Si tratta di calore, luce, temperatura etc. ogni animale ha bisogno di un habitat specifico per le sue esigenze: tali consigli possono essere dati solo da un esperto. Inoltre il medico potrà fornire indicazioni utili ed aggiornate sui prodotti da utilizzare. Sarà inoltre possibile chiedere all’esperto chiarimenti ulteriori sulla modifica del loro comportamento, che varia a seconda della temperatura e dei cicli di luce.

In caso di emergenza: se siamo in vacanza sarà più difficile trovare dei luoghi che possano fornire assistenza ai nostri uccelli e animali esotici. Prima di raggiungere un posto, specialmente all’estero, è fondamentale informarsi sulle eventuali possibilità di posti specifici per la salute del nostro piccolo amico. Trovare un veterinario specializzato non è un’operazione semplice, quindi meglio informarsi preventivamente.

La toelettatura dell’animale

Un breve discorso a parte merita la pulizia e la toelettatura dell’animale esotico, sia esso volatile o meno. Non è come curare un cane o un gatto, a partire dalle operazioni più semplici, come ad esempio tagliare le unghie. Ecco come fare.

  • Tagliare le unghie: premesso che no è un’operazione assolutamente semplice, è consigliabile non provarci da solo, specialmente al principio. Infatti alcuni proprietari, dopo vani e pericolosi tentativi, possono desistere: ma ciò creerebbe solo ulteriori problemi poiché le unghie continuerebbero a crescere a dismisura, creando disagi non solo all’animale ma anche al proprietario.
  • Pulizia dei denti: non solo ani e gatti devono avere denti sani e puliti. Il tartaro e altri problemi dentali possono presentarsi anche negli animali esotici che, se trascurati, possono portare a conseguenze anche gravi come la morte dell’animale.

Come si svolge la visita dal veterinario

Animali esotici dal veterinario
Animali esotici dal veterinario: com’è la visita (Foto Pixabay)

Si effettua innanzitutto un controllo generale, che dura generalmente pochi minuti: verrà analizzato a vista lo stato generale del volatile nella gabbia, la postura, il colore del piumaggio e il suo comportamento. Sarà controllata la respirazione normale o difficoltosa, e la palpazione dei muscoli pettorali per escludere la presenza di grasso sottocutaneo.

In seguito saranno osservati occhi, narici, cavità orale ed auricolari. In questo modo si escluderanno lesioni e principi di eventuali patologie. Se ad esempio la zona cloacale presenta piume imbrattate di feci, ciò potrebbe far pensare a una diarrea; se invece vi saranno formazioni ed escrescenze particolari si potrebbe essere davanti a masse tumorali come papillomi. Ispezionando la pianta del piede, spesso si evidenziano posture cattive ed irregolari. Con u test inoltre il veterinario sarà in grado di determinare il sesso dell’uccello o dell’animale esotico, per escludere casi di dimorfismo sessuale.

LEGGI ANCHE:

F.C.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI