Home Non solo Cani e Gatti Polli e volatili PBFD negli uccelli, malattia di becco e piume: diagnosi e cura

PBFD negli uccelli, malattia di becco e piume: diagnosi e cura

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:20
CONDIVIDI

Ti è mai capitato di vedere un uccello senza piume? Sicuramente soffre della PBFD o malattia di becco e piume negli uccelli. Vediamo le caratteristiche di questa malattia.

malattia becco e piume negli uccelli
Malattia becco e piume negli uccelli (Foto Pixabay)

La PBFD o malattia del becco e delle piume negli uccelli è un’infezione dovuta al più piccolo dei virus negli uccelli chiamato circovirus. Ricerche recenti affermano che la malattia è molto più diffusa tra le popolazioni selvatiche di cacatua e altri psittacidi.

Le stesse ricerche hanno poi anche dimostrato che la malattia può essere prevenuta con un vaccino. Gli uccelli nativi del Vecchio Mondo (Australia, Asia, Africa) sono i maggiormente sensibili ma in generale tutti gli psittacidi (ossia una numerosa famiglia di uccelli diffusi nelle zone tropicali) sono sensibili a questo virus.

In particolare, questa malattia colpisce gli uccelli di età inferiore ai 3 anni. l periodo di incubazione più breve che si è studiato è di 21-25 giorni a seconda della specie, ma l’incubazione della malattia può essere anche più lunga di un anno.

Gli uccelli vengono infettati inalando o ingerendo il virus presente nelle feci, le secrezioni e la polvere sulle piume degli uccelli infetti. Mentre le femmine infette possono trasmettere il virus alle loro uova. Inoltre gli uccelli possono anche essere infettati se vengono a contatto con superfici contaminate dal virus.

Laddove la diagnosi dovesse essere proprio di PBFD, l’evoluzione della malattia, può assumere diverse forme:

  • Evoluzione ultracapacica: l’uccello muore rapidamente dopo la comparsa di piume anomale e molto spesso di un’infezione generalizzata (sepsi).
    Questa è la forma evolutiva che colpisce principalmente i giovani uccelli.
  • Sviluppo acuto: i primi sintomi sono perdita di peso, diarrea, stasi del raccolto e un improvviso cambiamento nell’aspetto delle piume (il caso tipico è quello dei pulcini quando appare la prima piuma).
  • Evoluzione cronica: comparsa progressiva di anomalie del piumaggio con il progredire della muta nell’uccello. In questo caso, si possono osservare piume attorcigliate o curve. In questo caso gli uccelli mantengono molto spesso un buon appetito e una normale attività.
  • Ci sono stati anche casi dove alcuni uccelli possono “guarire spontaneamente”.

In qualsiasi momento dell’evoluzione, qualunque sia la forma, possono verificarsi infezioni secondarie: infezioni batteriche o fungine.

Causa della PBFD o malattia di becco e piume negli uccelli

pappagallo
Piccolo virus infetta e uccide le cellule di piume e becchi.(Foto Pixabay)

Il PBFD è causato da un virus, come abbiamo precedentemente accennato molto piccolo, che infetta e uccide le cellule di piume e becchi. Questo circovirus causa solo problemi in Psittacidae e, per quanto ne sappiamo, nessun’altra specie di uccello o animale è sensibile.

Una malattia degli uccelli, simile al PBFD è stata recentemente rilevata nelle colombe: è probabilmente causata da un circovirus simile, ma sicuramente antigenicamente diverso. Il virus (circovirus) attacca anche le cellule del sistema immunitario, rendendolo debole fino a distruggerlo. Così molti uccelli con PBFD vengono colpiti e alla fine eliminati da infezioni secondarie, batteriche o di altro tipo.

Sintomi della PBFD o malattia di becco e piume negli uccelli

uccello e piume malate
Un uccello con PBFD può perdere le piume senza avere altri sintomi (Foto Pixabay)

Un uccello con PBFD ha caratteristiche molto precise e individuabili, come abbiamo precedentemente descritto. Nella maggior parte dei casi, un semplice esame clinico da parte di un veterinario può aiutare a stabilire la diagnosi. Il PBFD maggiormente colpisce giovani psittacine, anche se uccelli di tutte le età possono contrarre la malattia.

Il PBFD nella sua forma cronica è molto fastidioso sia nel suo sviluppo che nella sua progressione; in questa evoluzione le piume distrofiche sostituiscono le normali piume come avviene nella muta.

Dove, un uccello con PBFD può lentamente perdere il piumaggio senza avere la presenza di altri sintomi. Al contrario nelle specie più colpite come la cacatua e gli eufemi, possiamo individuare i seguenti sintomi:

  • Nelle cacatua le piume colpite dal virus PBFD sono fragili o sviluppano un guscio esterno anormalmente spesso, le piccole piume sono spesso le prime ad essere colpite. Le piume anomale sono generalmente corte e presentano una o più delle seguenti caratteristiche: difetto nelle linee, guaina di piume troppo spessa o stretta; goccia di sangue visibile nella penna.                                                                                                                        Le anomalie delle piume sono diverse a seconda della tempistica del ciclo di muta in cui l’uccello è stato trovato quando si è verificata la malattia. La distruzione delle piume provoca aree di pelle nuda e la riduzione della produzione di polvere rende il piumaggio opaco e il becco luminoso.                                                                    
  • Negli Eufemi, le piume apparentemente normali che cadono o vengono strappate senza alcun sforzo possono essere l’unico sintomo. Negli uccelli con piumaggio verde, l’unico sintomo, può essere la comparsa di piume gialle, che apparentemente sembrano normali. Questo scolorimento è probabilmente il risultato di microscopici cambiamenti nella struttura della penna.

Altre malattie secondarie come abbiamo precedentemente accennato, sono spesso scatenate dal PBFD: infezioni batteriche, fungine e virali. La maggior parte degli uccelli con malattie croniche finisce per avere problemi di alimentazione, perdita di peso, fino ad arrivare alla morte.

Il virus può anche causare grave epatite, specialmente nei cacatua. In questi casi gli uccelli possono arrivare a morire di epatite senza nessuna lesione nelle piume. Altri segnali per gli uccelli più colpiti hanno spesso diarrea mucosa o verde, segni che vengono comunemente diagnosticati come infezioni secondarie, batteriche o da clamidia.

Diagnosi della malattia di becco e piume negli uccelli

uccello e veterinario
Le tecniche per diagnosticare la malattia sono: il test del DNA e l’istopatologia.(Foto Pixabay)

La Pbfd o malattia del becco e delle penne può essere diagnosticata solo esaminando le piume degli uccelli, in quanto esistono molte altre condizioni che possono causare sintomi simili. Inoltre, in alcune evoluzioni ci sono casi dove gli uccelli hanno il virus nel sangue senza avere piume anomale. Le tecniche per diagnosticare la malattia sono: il test del DNA e l’istopatologia.

Test del DNA

Questo test è il modo migliore per avere la certezza che un uccello sia infetto da circovirus. Questo test può essere utilizzato su una penna o su sangue degli uccelli.

Interpretazione del test:

Un test negativo indica che il virus non è stato rilevato nel campione esaminato. Gli uccelli con un’infezione molto grave ma al test risultano essere negativi, potrebbe essere dovuto ad un test del DNA non corretto.

Un test positivo in un uccello con piume anomali sta ad indicare che l’uccello è infetto dal virus. Un test positivo in un uccello con piumaggio normale suggerisce che l’uccello è stato leggermente infetto o è appena stato infettato, di conseguenza non ha ancora sviluppato piume anomali. Questi uccelli dovrebbero essere ricontrollati nuovamente entro 90 giorni. 

Istopatologia (studio microscopico dei tessuti)

Questa tecnica può essere utilizzata negli uccelli che hanno piume anomale e risultano negativi con il test del DNA. Una penna anormale può essere utilizzata per identificare le lesioni causate dal virus nelle cellule.

Trattamento della PBFD o malattia di becco e piume negli uccelli

Purtroppo non è disponibile alcun trattamento specifico,(Foto Pixabay)

Ancora nei nostri giorni, non è disponibile alcun trattamento specifico, gli immunostimolanti sono stati provati ma con risultati non del tutto chiari. Negli ultimi anni è in fase di sviluppo un vaccino. La sopravvivenza dell’uccello non è impossibile, dal momento in cui si predispone l’uccello, in un ambiente con uno stress minimo e fornendo trattamenti di supporto, tra cui, antibiotici o antimicotici per controllare le infezioni secondarie.

Prognosi e prevenzione

Sono però possibiili guarigioni spontanee in alcuni casi(Foto Pixabay)

Sono state osservate guarigioni spontanee dopo la PBFD in diverse specie, tra cui parrocchetti ondulati, lorichetti e piccioncini, ma bisogna però dire che la maggior parte degli uccelli che soffrono della forma cronica della malattia non guarisce.

Si raccomanda di testare tutti i volatili sensibili al virus per il circovirus. Ciò è particolarmente importante per gli uccelli nidificanti, gli uccelli venduti nei negozi di animali e negli uccelli presentati al veterinario per il controllo, dopo l’acquisto.

La prevenzione si fa assicurando che solo gli uccelli con un test del DNA negativo vengano introdotti in un gruppo di uccelli negativi a loro volta. Il consiglio per chi alleva uccelli è di mantenere isolati gli uccelli appena acquistati da quelli sani, di tenerli quindi in quarantena.

Usare disinfettanti (come la glutaraldeide) in grado di inattivare virus resistenti all’ambiente come i parvovirus e usarli anche per la pulizia di gabbie e parti eventualmente contaminate.

Raffaella Lauretta

Potrebbero interessarti anche i seguenti link:

 

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI